Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

I retroscena - Perché Barella è rimasto a Cagliari

I retroscena - Perché Barella è rimasto a CagliariTUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
martedì 5 febbraio 2019, 14:45Serie A
di Andrea Losapio

Un'offerta da capogiro. Quella che il Chelsea aveva proposto a Nicolò Barella, centrocampista del Cagliari, per portarlo a Stamford Bridge. Circa 50 milioni di euro per il cartellino, quinquennale da 5 milioni a lui, una montagna di soldi. I rossoblù, a dir la verità, avevano anche accettato le condizioni, puntando per sostituirlo con Nahitan Nandez, del Boca Juniors. Servivano ventuno milioni, sarebbero arrivati proprio da Barella che, alla fine, è rimasto alla Sardegna Arena.

Motivi familiari - Stimato da Sarri, uno dei migliori con la casacca della nuova Italia di Roberto Mancini, Barella è inseguito dai top club italiani che, a gennaio, non avrebbero però offerto le stesse condizioni al Cagliari. E rimanere in Italia è la priorità non solo del centrocampista, ma anche della sua famiglia, a costo di dover rinunciare a qualche zero sul conto corrente. Impossibile pensare che, nel passaggio da Cagliari a una fra Inter, Napoli o Juventus, si possa andare a pareggiare le condizioni del Chelsea.

Asta a giugno - In estate sarà tutto diverso, come per Verdi. Il Napoli avrebbe potuto dare il via all'assalto in caso di cessione di Allan al Paris Saint Germain, cosa poi non avvenuta. L'Inter aveva già aperto i contatti nella scorsa estate, salvo poi virare su Nainggolan per avere un giocatore già pronto e abituato a lottare per l'alta classifica. Probabilmente nessuno si sarebbe aspettato una crescita così formidabile in soli sei mesi.

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile