Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Ha ragione il Loco Bielsa? Il calcio non è più attraente?

Ha ragione il Loco Bielsa? Il calcio non è più attraente?TUTTO mercato WEB
mercoledì 10 luglio 2024, 07:34L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Hai appena eliminato il Brasile dalla Copa America. Sei osannato dal popolo uruguaiano che ormai ti vede come un nuovo messia e tu che fai? Disintegri il calcio… Il Loco Bielsa, allenatore unico nel suo genere (è stato ad un passo dall’allenare in Italia, la Lazio per la precisione), ha dichiarato, al termine di Brasile-Uruguay, quanto segue: “Sono certo che il calcio sia in un processo di declino. Per essere chiari: sempre più persone guardano il calcio, ma sta diventando sempre meno attraente perché non è privilegiato ciò che ha reso questo gioco il primo gioco al mondo. Alla fine, quel processo viene interrotto: se lasci che molte persone lo vedano, ma non ti assicuri che ciò che vedi sia piacevole, ciò favorisce il business perché più persone guardano il calcio e maggiore è il business, ma a che prezzo?”. In poche parole: il calcio sta diventando sempre meno attraente e, di conseguenza, destinato ad essere accantonato a favore di altri sport più “moderni” e spettacolari come, ad esempio, il tennis o l’NBA?
Allora, che il calcio sia meno spettacolare rispetto a qualche anno fa o, meglio, rispetto a qualche decennio fa è evidente. I giocatori sono migliorati fisicamente e tatticamente. C’è sempre meno spazio per il talento puro. Lo si è visto anche a Euro 2024. Pochi fuoriclasse e, in molti casi, anche stanchi e impossibilitati a mostrare ciò che sanno fare. Talento ingabbiato e troppe partite nelle gambe, probabilmente sono queste le due ragioni più lampanti della crisi del calcio ma c’è dell’altro. Tutti gli sport si evolvono. Si pensi al basket NBA. Fino a 20 anni fa, il tiro da tre era l’ultima risorsa, ora parte tutto da lì. Anche il calcio si è evoluto ma privilegiando aspetti meno legati al singolo.

Le squadre sono diventate straordinarie a livello tattico e, dal punto di vista fisico, i calciatori sembrano marziani da quanto sono ben allenati e pronti a giocare sempre. Purtroppo, non si è allevato il singolo. Bello vedere una squadra che si difende con ordine e che non butta mai via la palla in ripartenza ma, onestamente, era decisamente più bello gustarsi un dribbling di Ronaldo (il Fenomeno) o un lancio millimetrico di Pirlo. Manca la poesia, quella che ci fa sobbalzare dalla sedia. Dove sono finiti i fantasisti? Si sono estinti. Dove sono i dribblomani alla Ronaldinho? Spariti dai radar… Leggende come Cristiano Ronaldo e Messi giocano ancora con le rispettive nazionali. Romanticamente fantastico ma, forse, il vero motivo è che non c’è nessuno pronto a sostituirli, sia a livello tecnico che mediatico. Questa è una sconfitta per il calcio, sport di massa che si è evoluto ma non si è rinnovato. Bielsa forse ha esagerato nella sua disanima ma, indubbiamente, il calcio è meno spontaneo e molto più costruito. C’è poco spazio per l’improvvisazione e sempre più il controllo totale su quanto accade in campo. Si può invertire questa tendenza? Solo se il business perderà fatturato, in caso contrario si andrà avanti così. C’è un’altra possibile via, ossia la nascita di un fuoriclasse che metta tutti d’accordo ma, purtroppo, è un evento sempre più raro. E Mbappé, Halland e tutti gli altri? Fenomeni ma di questo “nuovo calcio”, non di quello che piaceva a Bielsa (e a tanti di noi). Domanda provocatoria: Mbappé e Halland sarebbero stati top player assoluti quando il talento era disseminato ovunque nel mondo del calcio? La mia risposta è ovvia…

Primo piano
TMW Radio Sport
Serie A
Serie B
Serie C
Calcio femminile