HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » serie c » Il Punto
Cerca
Sondaggio TMW
Corsa Scudetto: chi s'è rinforzato di più in difesa?
  L'Inter con l'esperienza di Diego Godin
  La Juventus con l'acquisto di De Ligt
  Il Napoli affiancando Manolas a Koulibaly

LA PROVA DEL NOVE E IL FALLIMENTO DELLE SECONDE SQUADRE

Si definisce la nuova Serie C: più defezioni, nessuna seconda squadra a parte la Juve. Serve il coraggio per intervenire.
19.06.2019 00:00 di Ivan Cardia    per tuttoc.com   articolo letto 345 volte
LA PROVA DEL NOVE E IL FALLIMENTO DELLE SECONDE SQUADRE

A grandi passi, verso il giorno che dirà se il vaccino ha funzionato. Il calcio è malato, il vaccino sono le regole sulla iscrizione delle società al prossimo campionato, poi ci sarà la controprova del rendimento giudiziario. Ne abbiamo già parlato, la novità è che nel frattempo un paio di società hanno fatto sapere che non si iscriveranno, mentre c’è chi è in vendita a un euro. Prezzo simbolico, molto meno dovrà esserlo l’impegno di chi subentrerà.

È il momento in cui tenere d’occhio gli avvoltoi, e vigilare su chi entrerà nel calcio italiano. Di defezioni ne avremo più di una, la buona nuova è che sarà possibile riprendere chi ha dato prova di meritare la permanenza nel sistemo. Di seconde squadre, intanto, neanche l’ombra. A parte la Juventus, non ce ne saranno ed è una risposta chiara a chi ancora si domanda se l’esperimento funziona. Per come è stato fatto, no. Poi si può tornare indietro e risalire alle cause di questo fallimento ormai conclamato, oppure interrogarsi sulla direzione da prendere per il futuro.

Un sistema che ospita una sola seconda squadra non ha molto senso d’esistere. Tanto più se la Juve U23, Pecchia o Dionisi in panchina, va avanti neanche troppo convinta. Serve il coraggio di fare una nuova riforma, e vedremo se  ci sarà. A prescindere da eventuali vantaggi più marcati per le società di Serie A (al momento costa tanto e rende ben poco), l’unico vero intervento che possa essere risolutivi riguarda il divieto per la stessa proprietà di controllare due società professionistiche. Più, ove possibile, impedire che le società di Serie C (in qualche caso di B) finiscano per essere seconde squadre ombra. Le regole ci sarebbero già, finora la loro violazione era una stortura tollerabile. Ora è solo il modo di creare una scappatoia, evitare il problema e avere disparità. 


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie C

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510