Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / atalanta / Altre Notizie
LIVE TMW - Coronavirus, oggi in Italia 808 nuovi casi. Speranza riporta le ultime sui vacciniTUTTOmercatoWEB.com
domenica 04 luglio 2021 17:40Altre Notizie
di Redazione TMW
live

Coronavirus, oggi in Italia 808 nuovi casi. Speranza riporta le ultime sui vaccini

17.40 - Il bollettino di oggi in Italia - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 141.640 tamponi e individuati 808 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 44.664, 910 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 12 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.649 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 44.664
Deceduti: 127.649 (+12)
Dimessi/Guariti: 4.091.004 (+1.706)
Ricoverati: 1.561 (-37) di cui in Terapia Intensiva: 197 (-7)
Tamponi: 72.340.685 (+141.640)
Totale casi: 4.263.317 (+808, +0,02%)


16.05 - Speranza: "Avanti con 500mila dosi al giorno, siamo a 53 milioni" - "Si continuano a somministrare oltre 500mila dosi al giorno, siamo arrivati questa mattina oltre le 53 milioni di dosi somministrate e questo ha avuto una conseguenza molto forte. Basti pensare che avevamo quasi 30mila persone in ospedale per il Covid, ora ne abbiamo meno di 1500, eravamo arrivati a quasi 3.800 persone in terapie intensiva ora siamo intorno alle 200. E' una situazione notevolmente cambiata in positivo". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza.

13.13 - Nonostante gli espedienti, il muro sanitario ha retto: ieri a Roma solo 200 inglesi dal Regno Unito - Regge il muro sanitario eretto dall’Italia contro l’invasione inglese per la gara di ieri sera all’Olimpico. Nonostante gli espedienti, secondo il Corriere della Sera dal Regno Unito sarebbero arrivati soltanto 200, o poco più, tifosi inglesi (in totale erano circa tremila, ma già presenti nel nostro Paese o provenienti da altre zone del mondo, il punto è in realtà capire se tra questi figurino anche coloro che sono riusciti a entrare passando dalla Francia). Nel complesso allo stadio capitolino si sono registrati circa 3000 spettatori in meno rispetto alla capienza originariamente prevista: a mancare, i tifosi che avevano acquisto un biglietto (o che avrebbero voluto acquistarlo) poi annullato dopo la decisione dell’UEFA per evitare il propagarsi del contagio da Covid nella sua variante Delta.

11.14 - Tokyo 2020: atleta serbo positivo al Covid - Un atleta serbo, in arrivo a Tokyo con la delegazione olimpica del suo Paese, è risultato positivo al Covid durante i controlli all'aeroporto cittadino di Haneda. Lo ha comunicato il ministero della Salute giapponese. Lo sportivo adesso si trova in isolamento, mentre quattro suoi compagni che hanno avuto contatti con lui saranno trasferiti in un centro di osservazione vicino l'aeroporto.

09.45 - Aereo Londra-Nizza, poi macchina per Roma. Ecco come alcuni tifosi inglesi hanno beffato la quarantena -Controlli beffati. Non sono stati i tanto temuti tremila ma alla fine alcuni tifosi inglesi hanno raggiunto Roma dal Regno Unito, dove sta dilaniando la variante Delta, beffando e aggirando i controlli di sicurezza e provare ad assistere al match della nazionale di Southgate contro l'Ucraina. Come riporta l’edizione odierna de Il Messaggero, farne una stima risulta piuttosto complicato ma una cinquantina sono stati intercettati in 27 alberghi ma non sanzionati, in quanto devi dimostrare di aver violato la quarantena.

DOMENICA 4 LUGLIO

Come hanno fatto? - Quello che i colleghi del The Sun hanno ribattezzato "The Italian Job", come il titolo di famoso film di Felix Gary Gray, è stato molto facile. I tifosi sono partiti da Londra in aereo fino a Nizza, la Francia non impone limitazioni agli inglesi, e poi hanno affittato una macchina con targa transalpina con cui hanno raggiunto Roma dopo una breve tappa a Firenze.

22.45 - Crespo ancora positivo - "Vorrei raccontarvi che sto bene, senza sintomi, e rispettando l'isolamento e la quarantena come mi hanno indicato i medici. Già lunedì sarò in grado di tornare a lavorare e a riprenderò le mie attività con tanta voglia e con l'impegno di sempre. Grazie a tutti voi per i messaggi e per essermi stati vicini in questi giorni, grazie a Dio sto bene". Con queste parole, l'allenatore del San Paulo, Hernan Crespo, aggiorna sulle sue condizioni dopo aver contratto il Covid. L'argentino, che per fortuna sta bene, è pronto per riprendere le sue attività come tecnico dei brasiliani.

18:06 - Il bollettino del 3 luglio - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 228.127 tamponi e individuati 932 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 45.576. Nell'ultimo giorno sono morte 22 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.637 decessi dall'inizio dell'epidemia.

• Attualmente positivi: 45.576 (-2.203)
• Deceduti: 127.637 (+22)
• Dimessi/Guariti: 4.089.298 (+3.110)
• Ricoverati: 1.598 (-84)
• di cui in Terapia Intensiva: 204 (-9)
• Tamponi: 72.199.045 (+228.127)

Totale casi: 4.262.511 (+932, +0,02%)


17: 51 - Ucraina-Inghilterra a Roma: 300 inglesi eludono le restrizioni sanitarie, altri 200 in arrivo - Storicamente i tifosi dell'Inghilterra sono tra i viaggiatori più assidui quando si tratta di sostenere la nazionale ad Europei e Mondiali. Questa tradizione è stata però frenata dalle nuove restrizioni dovute al Covid-19, che prevedono la quarantena per chi arriva da Londra e dagli altri paesi inglesi. Il Daily Mail però racconta che circa 300 supporters hanno evitato le restrizioni sanitarie viaggiando fino a Roma passando per gli Emirati Arabi. Altri 200 circa sono attesi prima del fischio d'inizio di Ucraina-Inghilterra di stasera. Tanti di loro hanno speso quasi 2.300 euro tra viaggio e biglietto pur di assistere al match dell'Olimpico.

16.22 - Cinque check-point e tremila agenti: Roma e Olimpico blindati per Inghilterra-Ucraina - Roma e l'Olimpico sono blindati in vista del quarto di finale di Euro 2020 tra Inghilterra e Ucraina in programma stasera. Sono almeno cinque - riporta Sportmediaset - i check-point intorno allo stadio per controllare gli ingressi, in cui sono coinvolti almeno tremila agenti. La maggior parte dei tifosi inglesi è arrivata ieri da altre città italiane o da Paesi Ue ma si teme il rischio che almeno altri 200 supporter della nazionale di Southgate possano presentarsi a Roma nella giornata di oggi, nonostante le restrizioni, l'obbligo di quarantena e il certificato che attesti la negatività del tampone.

15.20 - Gravina e la riapertura degli stadi: "Stiamo attenti, altrimenti si rischia di richiudere tutto" - "Gli stadi? L'allarme l'ha lanciato la Lega di A, un allarme legittimo, probabilmente andava valutato e calibrato un po' meglio, ma non entro nel merito delle loro valutazioni. C'è un confronto continuo e costante con gli organi di governo, stiamo lavorando per far sì che si arrivi con la massima tranquillità alla riapertura completa degli stadi". A parlare così, a margine della conferenza di presentazione di Rocchi come nuovo designatore CAN, è il presidente federale Gabriele Gravina: "Questo è un processo che richiede comunque grande riflessione e soprattutto conoscenza di alcune dinamiche. Bisogna stare attenti a non correre il rischio di partire subito al 100% per poi dover richiudere tutto dopo una settimana. E' indispensabile avere il pubblico negli stadi, e stiamo lavorando per partire con percentuali molto alte, ma il processo deve andare avanti con gradualità. Non bisogna perdere di vista il primo obiettivo, ovvero quello di saper conciliare con grande senso di responsabilità i nostri interessi economici con la tutela della salute dei nostri tifosi, altrimenti corriamo il rischio di chiudere gli stadi ancora per un altro anno".

14.05 - Controlli stringenti sui passeggeri in arrivo dall'Inghilterra - Controlli stringenti questa mattina negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino su cinque voli arrivati dalla Gran Bretagna per monitorare l'eventuale sbarco a Roma di tifosi inglesi in vista del quarto di finale tra Ucraina e Inghilterra in programma questa sera all'Olimpico. Dai controlli effettuati fino ad ora - riporta Sky - non sono stati però segnalati tifosi. Chiunque entra in Italia dalla Gran Bretagna, in base all'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza del 18 giugno scorso per tentare di frenare la diffusione della variante Delta, è obbligato a sottoporsi ad un tampone e a una quarantena di cinque giorni.

11.10 - Euro 2020, Merkel preoccupata per fase finale a Londra ma Johnson replica: "Vaccini efficaci" - A margine di un vertice con Boris Johnson Angela Merkel ha ribadito di essere preoccupata per l'affluenza allo stadio di Wembley di 60 mila persone per le semifinali e la finale degli Europei vista la situazione dei contagi. Ma il premier britannico Johnson ha rivendicato "la cautela" esercitata finora, affermando che nel Regno "i vaccini stanno facendo la differenza".

SABATO 3 LUGLIO

23.07 - Europei, domani i tifosi inglesi nelle "Fan zone" di Roma solo col certificato di quarantena - I tifosi di Inghilterra e Ucraina che domani vorranno accedere alle Fanzone di Roma per assistere alla partita degli Europei dovranno presentare il certificato una documentazione che attesti il termine della quarantena prevista dalla normativa nazionale vigente. "Sono giorni che lavoriamo all'arrivo dei tifosi dall'Ucraina e dall'Inghilterra al fine di tutelare la salute di tutti e al contempo la manifestazione stessa", ha spiegato il commissario straordinario Uefa a Euro 2020, Daniele Frongia.

22.10 - Sileri (Sottosegretario alla Salute): "Tifosi inglesi a Roma? Non vedo problemi" - "Anche l'appello fatto nel Regno Unito credo sia stato molto ascoltato, avere annullato i biglietti ovviamente un plus. Non vedo un problema inglese a Roma". Lo ha detto Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute. "Fare gli Europei di calcio itineranti e in sicurezza è stata un'ottima idea - ha detto a Sky TG24 - Direi che anche la finale non va spostata dal Regno Unito, però attenzione: dobbiamo anche essere pronti a farla a porte chiuse. Lo dico come esempio estremo, ma magari si potrebbero fare doppi tamponi: dipende dall'andamento dell'epidemia".

21.33 - La sottosegretaria allo Sport Vezzali firma il decreto: domani all'Olimpico si applica il green pass - La sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali ha firmato il decreto che stabilisce le modalità di accesso per gli spettatori allo Stadio Olimpico, in occasione della partita dei quarti di finale di Euro 2020 Inghilterra-Ucraina, in programma domani a Roma. Il green pass vede la prima applicazione ad un evento sportivo, per cui i cittadini del Regno Unito non potranno entrare allo stadio senza aver fatto la quarantena, per la quale non ci sono i tempi. "Il Decreto - sottolinea la sottosegretaria Vezzali - conclude un iter che ha visto la sintonia e la collaborazione tra il Dipartimento per lo Sport della Presidenza del Consiglio, il Ministero della Salute, il Ministero degli Interni ed il Ministero degli Affari Esteri. Ringrazio i Ministri Luciana Lamorgese, Roberto Speranza e Luigi Di Maio per il grande spirito di "squadra" emerso in questa occasione". L'accesso allo stadio è consentito alle persone in possesso delle certificazioni previste dall'art. 9, commi 1 e 8, del decreto-legge 22 aprile 2021, n.52, convertito con modificazioni in legge 17 giugno 2021, n.87. In assenza, l'accesso allo stadio è consentito con il possesso di certificazione, redatta in lingua italiana o inglese, che attesti l'esecuzione di un test diagnostico con esito negativo al virus Covid-19 nelle 48 ore antecedenti l'evento. Ai fini dell'accesso allo stadio, agli spettatori che abbiano soggiornato o transitato nei 14 giorni anteriori in uno o più Stati o territori esteri per i quali sia previsto un periodo di isolamento fiduciario dopo l'ingresso nel territorio nazionale, è richiesta l'esibizione di documentazione, atta a dimostrare l'esecuzione dei test diagnostici con esito negativo. La verifica delle certificazioni verdi COVID-19 avverrà da parte dei soggetti deputati.

18.25 - Protezione Civile, il bollettino: 794 nuovi contagiati (-1.579 positivi rispetto a ieri). 28 morti in 24h - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 199.238 tamponi e individuati 794 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 47.779, 1.579 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 28 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.615 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 47.779 (-1.579)
Deceduti: 127.615 (+28)
Dimessi/Guariti: 4.086.188 (+2.345)
Ricoverati: 1.682 (-79)
di cui in Terapia Intensiva: 213 (-16)
Tamponi: 71.970.918 (+199.238)
Totale casi: 4.261.582 (+794, +0,02%)

16.06 - Speranza: “Italia resta bianca, ma serve cautela perché la partita è aperta” - Lo ha riferito il ministro della Salute, a margine dell’iniziativa “Ripartiamo”, in occasione della Giornata nazionale per la salute e il benessere nelle città. “Siamo ancora dentro questa battaglia e c'è bisogno di grande cautela. Ci vuole gradualità perché la partita è ancora aperta e guai a pensare diversamente”, ha sottolineato.

13.01 - Green pass e stadi pieni: la proposta della Serie A - Alla Serie A non basta il ritorno allo stadio aperto al 25% del pubblico, come aveva dichiarato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa solo pochi giorni fa. La Serie A chiede di più, pur non rinunciando al buon senso, ovvero l'apertura degli impianti per coloro che avranno completato il ciclo vaccinale, magari per l'intera capienza come stanno pensando di fare in Liga. Nel messaggio inviato dopo l'Assemblea della Lega calcio di ieri, si legge: "Per far ripartire il prossimo campionato..." in riferimento alla condizione necessaria del ritorno del pubblico. Le società, in sintesi, sono pronte a non scendere in campo se la riapertura sarà solo parziale. Adesso la palla passa al Governo.

11.55 - Costa: "Euro 2020, rivedere il numero dei tifosi negli stadi" - Il sottosegretario al ministero della Salute Andrea Costa è tornato a parlare dei tifosi allo stadio in merito a Euro 2020 dopo i recenti casi di variante Delta e i 60mila tifosi attesi a Wembley per le semifinali del torneo: "Pensare a 60mila tifosi dentro uno stadio in Inghilterra un po' di preoccupazione la provoca. Mi auguro che ci siano delle riflessioni di responsabilità, nella consapevolezza che l'obiettivo di tutti gli Stati deve essere quello di tutelare la salute. Dobbiamo avere la consapevolezza che siamo ancora dentro una pandemia e in una situazione di emergenza che va affrontata con decisioni d'emergenza, talvolta da prendere anche in tempi ristretti. Il governo inglese? Fu proprio Jonhson e l'esecutivo britannico due mesi fa a dire che forse non sarebbe stato opportuno giocare più partite in Inghiltera. Oggi il contesto è cambiato e enso che una riflessione di buon senso può essere fatta anche adesso, magari valutando l'ipotesi di individuare altre sedi per le partite. Mi rendo conto di tutti gli interessi intorno all'evento, ma dobbiamo mettere assolutamente al primo posto la tutela della salute pubblica, garantendo lo svolgimento degli eventi. Se l'Uefa avesse preso in esame l'ipotesi di cambiare sedi, sarebbe stata un'ipotesi di buonsenso e razionale".

10.35 - I tifosi inglesi non potranno partire per Roma - Massima attenzione a Roma per gli inglesi che arriveranno per la sfida tra l'Inghilterra e l'Ucraina in programma per domani all'Olimpico. Come riportato da La Gazzetta dello Sport alle compagnie aeree è stata inviata una nota in cui viene fatto espressamente divieto di imbarcare tifosi stranieri diretti a Roma per la partita. Al momento dell’imbarco gli stranieri diretti nella capitale dovranno compilare una autodichiarazione - il “Passenger Locator Form”, modulo di localizzazione digitale - prima dell’ingresso in Italia nella quale specificano il motivo del loro arrivo. Dovranno quindi assicurare di non essere venuti in Italia per vedere la manifestazione sportiva. Quanto dichiarato verrà poi successivamente controllato dalle forze dell’ordine.

VENERDÌ 2 LUGLIO

20.45 - Appello dei 20 club di Serie A al Governo - Comunicato della Lega Serie A al Governo. Questo il comunicato diramato in serata: "Le Società di Serie A, riunitesi oggi in Assemblea, lamentano uno stato di crisi non più sopportabile causato, in particolar modo, dalle perdite economiche subite per l’assenza degli spettatori negli stadi nelle ultime due stagioni sportive. Per far partire il prossimo campionato, e non disattendere il desiderio di 38 milioni di appassionati, i club di A, all’unanimità, richiedono con la massima urgenza un incontro con il Presidente del Consiglio Mario Draghi, con il Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti e con il Sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali. Tale incontro si rende necessario per trovare, di concerto con il Governo, idonee soluzioni per il danno da 1 miliardo e 200 milioni di euro subito finora dai club a causa della pandemia e stabilire, al contempo, le modalità per favorire il totale ritorno del pubblico sugli spalti sin dalla prima giornata della prossima stagione, in piena sicurezza per i tifosi e contemplando l’utilizzo del passaporto vaccinale". ​

17.30 - Il bollettino di oggi in Italia - Protezione Civile, il bollettino: 882 nuovi contagiati (-1.083 positivi rispetto a ieri). 21 morti in 24h
Protezione Civile, il bollettino: 882 nuovi contagiati (-1.083 positivi rispetto a ieri). 21 morti in 24hTUTTOmercatoWEB.com
vedi letture condividi tweet
IERI ALLE 17:23SERIE A
di LORENZO DI BENEDETTO @LORE_DIBE88
La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 188.474 tamponi e individuati 882 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 49.358, 1.083 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 21 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.587 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 49.358 (-1.083)
Deceduti: 127.587 (+21)
Dimessi/Guariti: 4.083.843 (+1.941)
Ricoverati: 1.761 (-79)
di cui in Terapia Intensiva: 229 (-18)
Tamponi: 71.771.680 (+188.474)
Totale casi: 4.260.788 (+882, +0,02%)

16.01 - Il monito dell'OMS: "Serve un migliore monitoraggio degli spettatori degli Europei" - L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha sollecitato un migliore monitoraggio degli spettatori degli Europei, alla luce dell'andamento dei contagi da Covid, invitando le città che ospiteranno le ultime partite di calcio europeo a effettuare controlli più accurati durante gli spostamenti degli spettatori, anche prima del loro arrivo e dopo la loro partenza dallo stadio. "Dobbiamo guardare oltre gli stadi", ha detto Catherine Smallwood, funzionario dell'OMS europea, durante una conferenza stampa.

15.31 - Malagò sicuro: "Finali di Euro 2020 in Inghilterra? La UEFA valuterà tutte le opzioni" - "Se semifinali e finale di Euro 2020 in Inghilterra sono a rischio? Questo non lo so, ma penso che onestamente valuteranno tutte le opzioni. Le final four in Italia? C'è uno stadio in grado, ma non mi sembra che sia oggi un'opzione sul tavolo". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nell'intervista a Il Messaggero: "La Uefa - aggiunge il capo dello sport italiano - ha dimostrato in queste settimane di tenere molto forte la barra dritta e penso che da qui ai prossimi giorni ci potrebbero essere delle novità legate all'eventuale innalzamento della curva dei contagi in Inghilterra".

14.37 - Europei, il ministro dell'Interno tedesco: "Comportamento UEFA del tutto irresponsabile" - "Ritengo che il comportamento della Uefa sia assolutamente irresponsabile". Lo ha detto il ministro dell'Interno tedesco, Horst Seehofer, rispondendo a una domanda sulla finale degli europei a Londra, in conferenza stampa. "Ho il sospetto che ci sia un problema di tipo commerciale, e ragioni del genere non dovrebbero prevalere sulla protezione della salute. Posso solo fare appello alla organizzazione affinché riveda la sua posizione", le parole riporta da Sky.

14.10 - Inghilterra-Ucraina sabato a Roma, Sileri: "Controlli mirati fino all'ingresso dell'Olimpico" - "La quarantena deve essere osservata in maniera rigorosa. Nel Regno Unito il numero dei contagi è in salita e anche quello dei decessi, sia pur di poco. Lo spostamento di migliaia di persone, da zone dove il virus circola in quel modo, comporta evidenti rischi". Lo dice Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, in nell'intervista al Corriere della Sera riferendosi al quarto di finale di Euro 2020 tra Inghilterra e Ucraina in programma sabato all'Olimpico di Roma. "Non è facile controllare migliaia di persone, come non è facile presidiare tutti i possibili punti di arrivo nel nostro Paese. E' comunque in fase di definizione un piano per fronteggiare la situazione, ho fiducia nel lavoro delle autorità competenti. Io personalmente metterei controlli mirati anche all'ingresso dello stadio come estrema barriera: se vuoi entrare, devi dimostrare quando sei entrato in Italia".

13.20 - Draghi: "Vaccinazione procede spedita, ma pandemia non è finita" - "A più di un anno dall'esplosione della crisi sanitaria, possiamo finalmente pensare al futuro con maggiore fiducia. La campagna di vaccinazione procede spedita, in Italia e in Europa. Dopo mesi di isolamento e lontananza, abbiamo ripreso gran parte delle nostre interazioni sociali. L'economia e l'istruzione sono ripartite. Dobbiamo però essere realistici. La pandemia non è finita. Anche quando lo sarà, avremo a lungo a che fare con le sue conseguenze". Lo ha detto il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo alla cerimonia di chiusura dell'anno accademico dell'Accademia dei Lincei.

12.07 - Oggi si raduna il Wolfsburg di van Bommel, senza capitan Guilavogui: è positivo al coronavirus - È il giorno del raduno del Wolfsburg, affidato alle cure di Mark van Bommel. Alla prima seduta, in programma oggi, sarà assente Josuha Guilavogui: il club fa sapere che il 30enne capitano è stato contagiato dal coronavirus ed è attualmente in quarantena in Francia. Guilavogui, che non ha sintomi, si unirà quindi alla squadra in un secondo momento.

10.05 - La Federcalcio inglese non metterà in vendita nel Regno Unito i propri biglietti per il quarto a Roma - La Federcalcio inglese ha deciso di non mettere in vendita nel Regno Unito il contingente di biglietti (2.560) riservati ai tifosi per il quarto di finale contro l'Ucraina che si disputerà sabato a Roma. In base alle norme anti-Covid stabilite dal governo italiano, chiunque arrivi in Italia dal Regno Unito è obbligato ad osservare un periodo di cinque giorni di auto-isolamento. I biglietti per il quarto di finale, destinati ai tifosi inglesi, verranno venduti dalla FA tramite l'Ambasciata britannica di Roma ai soli cittadini del Regno Unito residenti in Italia.

GIOVEDÌ 1 LUGLIO

23.56 - Scozia, 400 casi di Covid-19 tra i tifosi presenti a Wembley contro l'Inghilterra - Quasi 2mila casi di Covid-19 in Scozia sono stati collegati ai tifosi di calcio che hanno seguito in più modi le partite della Scozia a Euro2020. Dei 1991 casi registrati, due terzi hanno dichiarato di essersi recati a Londra per seguire la sfida contro l'Inghilterra dello scorso 18 giugno. Quasi 400 persone positive erano all'interno dello stadio di Wembley. Altri erano presenti in alcune fanzone della capitale inglese.

22.45 - Juve, quanto pesa la pandemia? - 320 milioni di euro. Sono questi gli effetti negativi, diretti e indiretti, della pandemia da Covid-19 sui conti della Juventus. La stima arriva direttamente dal club bianconero: nella riunione odierna, il Consiglio di Amministrazione, si legge nel comunicato ufficiale diramato pochi minuti fa, ha infatti “esaminato gli impatti derivanti dal protrarsi della pandemia da Covid-19 e aggiornato le relative stime. Rispetto alle previsioni del Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/24, l’impatto economico complessivo degli effetti negativi diretti e indiretti della pandemia negli esercizi compresi tra il 2019/22 è stimabile attualment, in € 320 milioni. Tali stime assumono, tra gli altri elementi, una progressiva eliminazione delle misure restrittive nel corso dell’esercizio 2021/22 e una sostanziale e progressiva normalizzazione del contesto economico generale a partire dal secondo semestre del 2022”.

21.04 - Marotta: "Il calcio è cambiato" - Dal palco del Grand Hotel di Rimini, dove questa sera si sta tenendo la cerimonia di apertura del calciomercato estivo, Beppe Marotta racconta come il calcio è cambiato negli ultimi anni e nello specifico anche a causa della pandemia: “Oggi siamo davanti a un modello di riferimento cambiato. Prima con Berlusconi, Moratti o Sensi l'unico obiettivo era vincere e dopo c'era l'allineamento di bilancio. Oggi la situazione si è capovolta, oggi è riconducibile a un modello di business. La famiglia Zhang è arrivata a Milano con entusiasmo, ha tirato fuori 600 milioni ma dopo la crisi per il Covid anche noi dobbiamo anteporre questo modello di business agli altri discorsi”.

17.55 - Il bollettino di oggi in Italia - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 185.016 tamponi e individuati 776 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 50.441, 4.241 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 24 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.566 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 50.441 (-4.241)
Deceduti: 127.566 (+24)
Dimessi/Guariti: 4.081.902 (+3.135)
Ricoverati: 1.840 (-106)
di cui in Terapia Intensiva: 247 (-23)
Tamponi: 71.583.206 (+185.016)
Totale casi: 4.259.909 (+776, +0,02%)

16.20 - Costa: "I tifosi inglesi non entreranno all'Olimpico "Sono chiaro e netto: i tifosi inglesi non potranno venire in Italia a guardare la partita all’Olimpico con l’Ucraina il prossimo 3 luglio. Ci sono 5 giorni di quarantena, la regola deve essere rispettata. Non possiamo correre rischi. Se un tifoso inglese parte oggi, non vedrà la partita. Stesso discorso per chi è partito ieri e per chi parte oggi. Nessun tifoso inglese che arriva oggi in Italia potrà andare allo stadio per assistere alla gara tra Inghilterra ed Ucraina di Euro2020". Così Andrea Costa, sottosegretario al ministero della Salute, intervenuto a radio Kiss Kiss Napoli

13.48 - Inghilterra-Ucraina, caos tifosi a Roma: "Resta la quarantena". Il governo inglese: "Non partite" - Cinque giorni di quarantena, come previsto dall'ordinanza, ma ne mancano solo quattro alla partita. Diventa un caso diplomatico il quarto dell'Europeo tra Inghilterra e Ucraina in programma il 3 luglio all’Olimpico. "La prossima tappa degli Europei di calcio porterà tifosi provenienti dall'estero a Roma il 3 luglio per la partita Inghilterra-Ucraina. Ricordo che è in vigore, per motivi di contrasto alla pandemia e alla variante Delta, l'ordinanza per la quarantena di 5 giorni rivolta a tutti coloro che provengono dalla Gran Bretagna, la quarantena deve essere rispettata", ha annunciato l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Clicca qui per leggere la news completa.

12.55 - Euro e variante Delta: la UEFA non sposta la finale da Londra. Ma per gli inglesi Roma è vietata - Sarà difficile, quasi impossibile, cancellare le semifinali e la finale a Wembley di questo europeo. Le pressioni dell’Unione Europea per giocare in condizioni di maggior sicurezza, di fronte al rialzo dei contagi Covid nel Regno Unito – ieri 20.479 nuovi positivi –, sotto la spinta della variante Delta, non hanno per ora intaccato la posizione dell’Uefa. La variante Delta - sottolinea La Gazzetta dello Sport trattando l'argomento - sta diventando prevalente in altri paesi, ma in Inghilterra le cifre sono davvero preoccupanti. La vaccinazione massiccia – l’84,6% della popolazione ha ricevuto la prima dose, il 62,1% ha completato il ciclo – protegge dal virus gli adulti, ma gli Under 30 sono i più colpiti da quella che ormai viene classificata come terza ondata. Organizzare tre gare a Wembley, con 60 mila spettatori a match, significa che in cinque giorni si ammasseranno 180 mila persone. Sullo sfondo, i quarti dell’Inghilterra a Roma, dove i fan inglesi non possono in teoria andare per la quarantena e perché il Regno Unito non ha aderito al passaporto vaccinale.

10.50 - Pres. Lega Pro: "Il governo dia quadro delle riaperture per avviare la campagna abbonamenti" - La Lega Pro è ormai ai nastri di partenza: sono state infatti comunicate le date del campionato 2021-22. E nel corso della riunione, il presidente della categoria Francesco Ghirelli si è espresso anche sulle riaperture: "L'auspicio è che la prossima stagione sportiva faccia dimenticare la lunga notte della pandemia. Riaperture stadi? Il Sottosegretario Vezzali ha dimostrato massima attenzione al tema. È fondamentale avere un quadro delle riaperture in modo da avviare la campagna abbonamenti, che drena risorse finanziarie indispensabili nei primi mesi del campionato”.

MERCOLEDÌ 30 GIUGNO

21.45 - Rincon rientrato in Italia - Il centrocampista del Torino, Tomàs Rincon, è rientrato nel capoluogo piemontese. Era impegnato con il suo Venezuela in Copa America, poi la notizia della positività al Covid data dallo stesso calciatore sui social e l'isolamento forzato. Ora, Rincon è tornato a Torino e nella giornata di oggi si è sottoposto a test medici approfonditi presso il Centro di Medicina dello Sport, nella pancia dello stadio Olimpico Grande Torino.

18.53 - Il bollettino di oggi in Italia - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 190.635 tamponi e individuati 679 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 52.824, 1.858 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 42 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.542 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 52.824 (-1.858)
Deceduti: 127.542 (+42)
Dimessi/Guariti: 4.078.767 (+2.493)
Ricoverati: 1.946 (-66)
di cui in Terapia Intensiva: 270 (-19)
Tamponi: 71.398.190 (+190.635)
Totale casi: 4.259.133 (+679, +0,02%)

15.50 - Gran Bretagna: 22.868 nuovi contagi, record da gennaio - Nuovo picco di contagi Covid nel Regno Unito, alimentati dall'aggressiva variante Delta importata dall'India: lo certificano i dati diffusi oggi dal governo britannico con altri 22.868 casi nelle ultime 24 ore censite (su 1,2 milioni di tamponi), record nel Paese dal 28 gennaio.

13.18 - Euro 2020, il Ministro tedesco Seehofer: "Bisogna ridurre gli spettatori a Wembley" - Ridurre gli spettatori nello stadio di Wembley nelle ultime partite di Euro 2020. Lo chiede il ministro tedesco dell'Interno e dello Sport, Horst Seehofer, che - secondo quanto riferito dai media tedeschi - ha invitato il governo del Regno Unito e l'Uefa a limitare gli ingressi. "Penso che sia irresponsabile che decine di migliaia di persone si riuniscano in una piccola area in paesi che sono considerati aree in cui circola la variante delta altamente contagiosa del Coronavirus", ha detto Seehofer.

09.55 - Ipotesi modifica del Green pass - Con l'uscita della Valle d'Aosta dalla zona gialla, tutta l'Italia si trova in zona bianca e senza più l'obbligo di utilizzare la mascherina negli spazi esterni. Circa un italiano su tre al di sopra dei 12 anni è immunizzato e in totale le dosi somministrate superano i 50 milioni. Un segnale di speranza che in parte si scontra con la possibilità, avanzata dal viceministro Sileri, di rimodulare il Green pass rilasciandolo soltanto dopo la seconda dose di vaccino. Il sottosegretario, intervistato a Radio24, difende la strategia adottata finora di rilasciare il certificato verde dopo la prima dose, ma avverte: "Una modifica per ora non serve ma va messa in cantiere. Attendiamo i dati delle prossime settimane e poi decideremo". Una previsione giustificata dalla sempre crescente avanzata della variante delta del virus: nel nostro Paese è presente in 17 regioni su 20.

MARTEDÌ 29 GIUGNO

23.16 - Vicepres. Commissione Europea torna sulla questione: "No alle finali di Euro 2020 a Wembley" - Continuano le discussioni tra Regno Unito, UEFA e Unione europea attorno alle fasi finali di Euro 2020 in programma a Wembley. Il vicepresidente della Commissione europea, Margaritis Schinas, è intervenuto di fronte al Parlamento comunitario tornando sulla questione: "Non ne abbiamo discusso in Commissione, non spetta a noi ma all’UEFA decidere. Tuttavia, quello che penso io a titolo personale è questo: vorrei condividere con voi i miei dubbi sulla possibilità di organizzare le finali e le semifinali a Wembley in uno stadio pieno nel momento in cui il Regno Unito limita gli spostamenti dei propri cittadini verso l’Ue".

20.20 - Protezione Civile, il bollettino: 389 nuovi contagiati (-2.478 positivi rispetto a ieri). 28 morti in 24h - La Protezione Civile ha reso noti i dati relativi alle ultime 24 ore. Sono stati effettuati 75.861 tamponi e individuati 389 nuovi positivi al COVID-19. Gli attualmente positivi sono 54.682, 2.478 in meno rispetto a ieri. Nell'ultimo giorno sono morte 28 persone affette da Coronavirus per un totale di 127.500 decessi dall'inizio dell'epidemia.

Attualmente positivi: 54.682
Deceduti: 127.500 (+28)
Dimessi/Guariti: 4.076.274 (+2.839)
Ricoverati: 2.012 (-25) di cui in Terapia Intensiva: 289 (-5)
Tamponi: 71.207.555 (+75.861)
Totale casi: 4.258.456 (+389, +0,01%)

13.59 - Speranza: "Oggi giorno bello, tutta Italia zona bianca" - "Oggi è un giorno bello perché tutto il nostro Paese da oggi è in area bianca e possiamo permetterci qualche libertà in più, ma dobbiamo continuare sulla strada della prudenza e della cautela perché la battaglia non è ancora vinta, il virus circola ancora in maniera significativa, siamo molto attenti con le varianti e a quello che sta accadendo in altri paesi in Europa e nel mondo, quindi è giusto continuare con questo percorso di gradualità facendo un passo alla volta ma con grandissima attenzione". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza a margine di un'iniziativa a Prato.

11.14 - Stop alla mascherina - Via la mascherina all’aperto, se non c’è il rischio di assembramenti. Da oggi in Italia cade un obbligo simbolico e si torna indietro di oltre un anno, al marzo 2020, quando chi era fuori e isolato poteva non indossare il dispositivo di protezione. La nuova regola arriva in un momento di bassissima circolazione del virus in un’Italia ormai tutta bianca ma anche di preoccupazioni per la variante Delta e per quello che sta provocando in Paesi con una campagna vaccinale più estesa della nostra.

LUNEDÌ 28 GIUGNO
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000