Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
Magalini e quella pazza corsa in Coppa Italia con l'Alessandria. In semifinale, con un club di C
mercoledì 12 giugno 2024, 18:00In Primo Piano
di Antonio Testini
per Tuttobari.com

Magalini e quella pazza corsa in Coppa Italia con l'Alessandria. In semifinale, con un club di C

Salvo sorprese impreviste dell’ultimo minuto, il nuovo direttore sportivo del Bari dovrebbe essere Giuseppe Magalini. L’esperto dirigente ancora sotto contratto con il Catanzaro ha segnato la propria carriera con alcune grandi imprese, su tutti il campionato dei record in C con i calabresi. C’è però un’altra grande impresa di cui ci si ricorda: la semifinale di Coppa Italia disputata con l’Alessandria, allora club di C.

Era la stagione 2015-16 e il torneo cominciò – come spesso accade – nell’indifferenza generale verso i primi turni estivi. Ad agosto il club piemontese diede il calcio d’inizio della propria competizione in una partita contro l’Alto Vicentino, terminata 2-0 grazie alle reti di Fischnaller e Loviso. Nello stesso mese estivo, l’Alessandria di Giuseppe Scienza passò anche sulla Pro Vercelli con un 1-2 in trasferta ancora nel nome di Fischnaller. A Ferragosto, la terza squadra eliminata dai grigi fu la Juve Stabia: 1-0 gol di Loviso.

Bene in Coppa Italia, male in campionato nell’inizio di stagione per l’Alessandria. Tanto è vero che i piemontesi furono costretti a cambiare allenatore, passando da Scienza a Rizzolo. Sotto la sua guida l’Orso grigio, fa la prima vittima illustre del suo cammino: il Palermo di Ballardini, allora in Serie A. In una notte di dicembre, l’Alessandria riuscì a vincere per 2-3 al Barbera, venendo trascinata dalle reti di Loviso, Marconi, Nicco.

Arrivata alla fase finale, ancora una vittima illustre per l’Orso grigio: il Genoa niente meno che di Gian Piero Gasperini. Tra i marcatori in quella partita anche due conoscenze biancorosse: Manuel Marras per l’Alessandria e per il grifone Leonardo Pavoletti. Altra vittima ligure ai quarti di finale: ad arrendersi all’Alessandria fu lo Spezia (allora in Serie B). Mattatore di quella serata fu Bocalon, autore di una doppietta.

Il sogno si infranse in semifinale quando tra andata e ritorno l’Alessandria perse con un risultato complessivo di 6-0 contro il Milan di Sinisa Mihajlovic. Anche in quel caso, tra i marcatori, una conoscenza del Bari: Jeremy Menez.