HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

La Giovane Italia
Editoriale

E se Demiral valesse più di De Ligt? 14 giorni alla fine e come sempre i botti arriveranno nelle ultime ore. Inter, ecco il colpo da scudetto… Benevento, Inzaghi non dà garanzie. Cremonese, Monza e Bari: la stagione della vita

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
19.08.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 45936 volte

Che De Ligt sia un campione nessuno lo mette in discussione e il suo valore lo dimostrano sia l’ultima stagione all’Ajax che il costo del cartellino. Sull’ingaggio, poi, come sempre è stato un maestro Mino Raiola a far guadagnare il più possibile al calciatore. La Juventus, comunque, ha sistemato la difesa e a 14 giorni dalla fine ha problemi seri nella vendita di alcuni calciatori che a Torino, per ragioni di rosa o di bilancio, non potranno certo restare. Dal blitz Dybala-Lukaku, i bianconeri si sono un pò incartati e adesso sono costretti a fare giochi di prestigio per rimettere le carte sul tavolo giusto. Una piccola analisi sulla difesa: Chiellini e Bonucci sono due garanzie, Rugani è forte ma la Juve con le mosse di questa estate lo ha chiuso e costretto a cercare fortuna altrove e con De Ligt e Demiral si è assicurata anche il futuro. E se l’olandese è stato un investimento, il vero colpo porta il nome di Demiral dal Sassuolo che, già nelle prime uscite con la Juventus, ha dimostrato disinvoltura e maturità per competere con grandi campioni. Il rischio, rischio ovviamente è un modo di dire, è che per la stagione che inizierà questo week end Demiral sia più pronto di De Ligt, grazie ad una stagione vissuta già in Italia (rodaggio fatto) e perché quello che chiederà Sarri è più o meno simile a ciò che insegnava a Sassuolo, Roberto De Zerbi. Demiral e De Ligt sistemano la Juventus in difesa che ora deve velocizzarsi e cedere i 6/7 esuberi che tormentano le giornate di Fabio Paratici che, da oggi, prenderà nuovamente servizio a Palazzo Parigi nel centro di Milano. Oggi si riparte. Tutti allineati. Superato il ferragosto, si aspettano i veri fuochi di artificio di fine estate. Nel week end inizia il campionato e molte squadre, quasi tutte, sono incomplete. Gli allenatori sparlano del mercato aperto con il campionato già iniziato ma, forse, vogliono lanciare delle frecciate ai loro direttori perché nessuna società è obbligata a fare acquisti o cessioni il 2 settembre. Se un club è capace può tranquillamente chiudere il mercato al 16 agosto. Siccome non riesce nessun club a fare operazioni anticipate, il mercato aperto serve soprattutto a Presidenti e Direttori. Mancano 14 giorni al gran finale e il meglio ancora deve venire. Basti pensare che, in queste due settimane di apparente calma, sono successe solo due grandi cose. L’arrivo di Lukaku all’Inter, complice la chiusura anticipata del mercato in premier, e il rinnovo a sorpresa di Dzeko alla Roma. Un colpo di scena mancato (Lukaku alla Juve) e uno riuscito (la conferma di Dzeko in giallorosso che, tra una cosa e l’altra, potrebbe arrivare a guadagnare 7 milioni di euro netti a stagione). In 14 giorni dovrà succedere di tutto: Icardi, dove andrà?. Higuain, Dybala, Rugani e Mandzukic: chi di questi resterà in bianconero con il cerino in mano? Donnarumma va o resta? Correa arriva a Milano? Il Napoli si ferma così? Milinkovic Savic resterà ancora alla Lazio? De Paul sarà venduto dall’Udinese? Sembrano domande del 2 giugno, invece, sono domande che ci poniamo al 19 agosto con risposte ancora molto lontane. Una delle più grandi vittorie del giornalismo sportivo italiano di quest’anno è stata la notizia di Maurizio Sarri alla Juventus, quando agenzie e social sparavano di accordi firmati tra Guardiola e la Juventus. Ad ogni vittoria corrisponde sempre una sconfitta. Nel caso del giornalismo sportivo italiano la sconfitta è il giallo irrisolto di Mauro Icardi. Mai abbiamo saputo, con certezza, cosa sia realmente accaduto tra l’attaccante argentino e l’Inter. Dalla esclusione alla fascia di capitano tolta nel bel mezzo della stagione, fino al “lui assolutamente no” di Antonio Conte al suo arrivo. L’Inter cerca un attaccante ma se davvero volesse fare il colpo da scudetto, il vero acquisto lo avrebbe in casa: Mauro Icardi in coppia con Lukaku. Due numeri 9 che non fanno 18 ma 90… la paura. Immaginate una mezzala strutturata nel centrocampo di Conte, con la difesa che si ritrova e un attacco composto da Icardi e Lukaku cosa potrebbe fare quest’anno l’Inter. Assurdo che non si possa risolvere il problema tra l’argentino e il club. Sarebbe davvero da capire cosa sia successo per metterci l’anima in pace, altrimenti non capiremo mai come non si possa provare a ricucire un rapporto che tra l’altro si è rotto con il precedente allenatore e l’attuale Direttore si è ritrovato con il casino già in corso. A maggior ragione che, adesso, è andato via anche Perisic, sulla carta nemico principale di Icardi. Premesso e ribadito che mai nessuno ha messo in discussione il valore del calciatore ma solo gli atteggiamenti più della moglie/agente che suoi. Domanda e provocazione: se domani Icardi decidesse di divorziare, sarebbe reintegrato in rosa?
In serie B punta senza mezzi termini alla promozione il Benevento che ha costruito la solita grande squadra, con un Presidente generoso e puntuale nei pagamenti ma a volte con troppa carota e poco bastone, che ha voluto puntare su Pippo Inzaghi come allenatore. Qualche dubbio lo abbiamo avuto sin dal suo annuncio perché, soprattutto a Bologna, abbiamo evidenziato gli aspetti tattici di un allenatore che preferiva fare le partite per non prenderle piuttosto che darle. Il Benevento ha, invece, un organico per impostare e fare le partite per vincerle. E’ sembrata una scelta azzardata ma soprattutto di immagine. Vigorito non aveva bisogna di fare mille abbonamenti in più ma avrà bisogno di fare i punti. Al secondo anno gli investimenti fatti sul mercato dovranno portare i frutti. Spese folli anche a Cremona dove il Conte (Arvedi) vuole diventare Re. Per i soldi che ha speso negli ultimi dieci anni nel calcio, la Cremonese avrebbe dovuto fare almeno un preliminare di Europa League. A Rastelli, la Cremonese sta consegnando una squadra top per la categoria ed è nelle mani giuste come accaduto a Cagliari, dove con una superpotenza l’obiettivo fu raggiunto. Può e deve essere l’anno dei grigiorossi che se la giocheranno con Benevento ed Empoli.
Investimenti importanti non solo in B ma anche in C, dove Monza e Bari stanno spendendo molto di più della metà dei club di serie B. In gironi diversi sono due bolidi per raggiungere la promozione. Il Monza non può non vincere e, come dichiarato da Galliani, l’obiettivo è la serie A in due anni. La forza economica è esplosiva, le capacità sono oggettive. Il Monza può sognare ma soprattutto deve ammazzare il campionato, dove mancano rivali credibili. Nel girone C, invece, solo il Bari potrà perdere il campionato anche se, rispetto al girone A, ci saranno Catanzaro, Catania e Reggina che hanno deciso di fare le cose in grande. Sicuramente le tre rivali del Bari hanno qualcosa in più rispetto ai pugliesi: l’allenatore bravo. E non è poco…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alla Juventus per ora ci sono solo i risultati (e due casi ancora irrisolti). Il derby dà, il derby toglie: il miglior Milan resta quello di Cardiff. Che risposta di Corini: tre punti dopo una settimana surreale 22.09 - Tre vittorie e due pareggi, entrambi maturati in trasferta. A giudicare dai risultati, l'inizio di stagione della Juventus è da solita Juventus. Da Firenze, nonostante una partita a tratti inguardabile, è venuta via comunque con un pareggio. Al Wanda Metropolitano, contro l'Atletico...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, con il Liverpool il salto di qualità. Mertens e Callejon due rinnovi difficili. Sarri, ora l’obiettivo è trovare il giusto spazio a Dybala. Giampaolo-Conte, quanta pressione per il derby. Fiorentina, la proposta per blindare Chiesa 21.09 - È già tempo di campionato ma prima una veloce riflessione sula due giorni di Champions: Napoli e Juventus si confermano due certezze. Comincio da Insigne e compagni. Battere i campioni d’Europa non è cosa da tutti i giorni. Era successo anche l’anno scorso, sempre nella fase a gironi,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, Conte furibondo attacca tutti. Caccia alla talpa che ha raccontato la lite Lukaku-Brozovic. Il belga è un problema. Sanchez nel derby. Milan, basta esperimenti. E’ Suso l’enigma, serve Bonaventura. Juve, troppi gufi attorno a Sarri 20.09 - Dopo il pareggio con lo Slavia in Champions, Antonio Conte si è autodefinito pubblicamente “un asino”, ben sapendo che gli asini sono altri. E’ furibondo per quello che sta succedendo in campo e fuori dal campo, e non l’ha mandato a dire alla squadra chiamata a raccolta in un faccia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510