HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Esclusivo: Icardi ha ricevuto un’offerta di 9 milioni + 2 di bonus dal Napoli! Ma la Juventus lavora sottotraccia, e l’Inter ha deciso di venderlo alla Juventus! Ma Marotta riuscirebbe a sopravvivere all’Inter con una decisione simile?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
27.02.2019 07:33 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 188052 volte

Il maremoto di mercato e del calcio italiano è stato generato dal golfo di Napoli, e le onde si sono insinuate fino ai navigli milanesi. Fermiamo qua la metafora pretenziosa e non perdiamo tempo: in esclusiva Tuttomercatoweb dà la notizia che il Napoli ha fatto un’offerta gigantesca a Mauro Icardi.
Non solo contatti e interesse, come trapelato nei giorni scorsi.
De Laurentiis ha paventato un’offerta di 9 milioni di € netti, più 2 milioni di € in bonus, divisi equamente tra traguardi di rendimento e successi di squadra.
Una offerta clamorosa, che renderebbe Icardi di netto il giocatore più pagato del calcio italiano (ovvio, Cristiano escluso, parliamo solo degli umani non degli alieni). Un’offerta che sfonderebbe qualsiasi politica di mercato fin qui tenuta da De Laurentiis, che però ha capito che si può creare un’occasione eccezionale, e non a caso già 9 mesi fa sorprese tutti offrendo ad Ancelotti un contratto per lui inusuale, ma dando un colpo alle voci sul Napoli.
E non citiamo Carletto a caso, perché l’offerta del Napoli arriva congiuntamente dall’idea di De Laurentiis e dalla richiesta di Ancelotti, che interpellato in merito dal suo presidente ha dunque risposto che metterebbe Icardi totalmente al centro del progetto tattico.
Un’offerta che sarebbe ben il 50% in più della proposta di rinnovo che l’Inter ha intenzione di proporre, e allora si capisce bene quanto ulteriormente si complichi la posizione della società nerazzurra.

Ma l’esclusiva sull’offerta pantagruelica del Napoli è solo la prima ondata del maremoto.
La seconda in verità, pur se montante sotto marea, in definitiva ha un effetto ancora più dirompente e devastante.
La Juventus infatti sta costantemente lavorando sottotraccia per arrivare a Mauro Icardi. Un lavoro a due riprese, tanto sul giocatore quanto sul club. Anche se a differenza del Napoli, non ha fatto alcuna offerta concreta, ma in un certo senso Paratici sta lavorando a lungo raggio perché sa di avere feedback positivi tanto dall’Inter quanto da Icardi, a cui ovviamente offrirebbe un progetto vincente.

E se il lavorio costante di Paratici era prevedibile, quello davvero incredibile è la decisione dell’Inter.
L’Inter infatti ha deciso di vendere Mauro Icardi alla Juventus!
Di fronte alle rimostranze dell’attaccante all’accettare qualsiasi proposta proveniente dall’estero (il Chelsea finora quello che ha fatto passi recenti più concreti), l’Inter, o almeno alcune parti rilevanti della società, ha incredibilmente accettato internamente di vendere Icardi alla Juventus, pur di effettuare una plusvalenza consistente - pur se non così consistente come sarebbe stata fino a tre settimane fa.

Una decisione che come ovvio sarebbe estremamente difficile da far digerire ai tifosi interisti. Ed è in questa ottica che si inquadra la strategia di muro contro muro che la società ha deciso di adottare, rovesciando su Icardi il muro di mattoni della sottrazione della fascia di capitano, e lasciando sepolta là sotto la decisione di venderlo al maggior/peggior nemico (nemico finora?).

La società è memore di cosa successe l’ultima volta in una situazione simile, quando lo scambio Guarin con Vucinic in cui l’Inter ci avrebbe grossolanamente rimesso sportivamente e economicamente, finì per saltare per la sommossa popolare sui social dei tifosi. Una retromarcia di immagine che lasciò pesanti strascichi societari, visto che di lì a poco fruttò il benservito a Fassone (mentre invece Ausilio si salvò, anzi guadagnando in importanza).

Proprio perché memore di quella esperienza, la strategia di uscita nei confronti di Icardi è già iniziata: una fascia da capitano tolta a ciel sereno, un caso mediatico creato proprio nel momento più delicato della stagione, trasformatosi adesso in una inaspettata situazione di impasse a causa della risposta d’orgoglio di Icardi. L’ex capitano ha chiesto una spiegazione precisa per la decisione, e la risposta è stata: “Lo abbiamo fatto per toglierti pressione”. Una versione sibillina che non fa che complicare le cose, e che nel frattempo ha fatto imbestialire l’intero popolo nerazzurro nei confronti di Icardi, a cui i tifosi chiedono semplicemente di scendere in campo e basta.
Icardi si ritiene offeso e umiliato da una decisione ritenuta totalmente arbitraria, ma intanto l’intera opinione pubblica dei tifosi dice: “Ma vendetelo!”. Insomma, se si era già deciso di venderlo, e per di più alla Juventus, la situazione adesso è propizia: chi potrebbe accusare l’Inter di aver fatto una scelta indiscriminata come successe con Guarin?…

In mezzo a questo caso rimane Marotta: non è lui che ha firmato il clamoroso errore nel contratto di Icardi (tra poco vedremo quale), e non è lui che ha trascinato la situazione fino a questo punto. Ma è stato lui a essere costretto a metterci la faccia nel momento della decisione, preso tra i due fuochi della fronda di alcuni nello spogliatoio, e della volontà improvvisa di rigidità di una parte della società.
E dunque, con questa volontà cristallizzata dell’Inter di venderlo alla Juventus, che Marotta si trova a gestire, non rischia Marotta stesso di pregiudicare il suo futuro nerazzurro?

C’è un adagio a Barcellona: che Messi possa contare su un eterno rinnovo del contratto, perché nessun presidente vuole essere ricordato come il presidente che vendette Messi.
Ovvio, all’Inter il caso non è simile, ma quello che ci interessa è un altro aspetto: anche se Marotta si troverà a gestire una situazione cucinata da altri, la scelta finale porterà comunque la sua faccia.
E considerando che tutti gli interisti aspettano Marotta al varco della sua dimostrazione di non juventinità, è sicuro Marotta di poter costruire un lungo futuro all’Inter se passerà alle cronache come quello che vendette Icardi alla Juventus (magari facendogli alzare pure la Champions con la maglia bianconera)?

La Juve sa che può contare anche su un prezzo che va abbassandosi vertiginosamente. Paratici addirittura spera di non scucire più di una quarantina di milioni (follia), ma è un dato di fatto che l’Inter ha tagliato il prezzo di Icardi, da sola, già dal precedente contratto!
Come?
E’ presto detto, e la storia è assurda. Icardi aveva richiesto un sostanzioso bonus in caso di titolo di capocannoniere, nell’ordine di almeno mezzo milione di €, una richiesta peraltro totalmente in linea con il tipo di contratto degli altri attaccanti. Una offerta che però fu rifiutata dall’Inter, che acconsentì solo a circa 120mila €.
E qui viene l’incredibile. Perché dopo essersi accordati su una clausola rescissoria di 180 milioni di € (non esagerata visti i prezzi di mercato attuali, vedi i 120 milioni pagati per Coutinho), a fronte dell’impossibilità di chiudere l’accordo, Ausilio - per evitare di offrire il mezzo milione di euro di bonus per il capocannoniere - piuttosto propose di abbassare la clausola rescissoria a 110 milioni. Un autogol clamoroso.

Ma nel frattempo questa situazione si deve sbloccare, in un modo o nell’altro.
Attenzione perché oggi Spalletti ha richiesto di poter parlare a Icardi nello spogliatoio davanti ai giocatori. Una richiesta che Icardi sente come ulteriormente umiliante, proprio perché ritiene di non aver mai mancato nei propri obblighi da capitano, e dunque ritenuta ulteriormente offensiva.
Non è ancora chiaro se il bomber argentino accetterà, ma potrebbe decidere infine di confrontarsi con l’intento non tanto o non solo di ascoltare un discorso, ma più che altro una resa di conti: chiedere quindi pubblicamente di fare un passo avanti nello spogliatoio a chi ha chiesto che gli fosse tolta la fascia. E a quel punto si farebbe la conta di chi davvero è contro di lui - una conta che si è già cominciata a intravedere nella discussa esultanza di Politano, sabotata da Perisic…

Qualcuno potrebbe dire che il problema non è Icardi, ma le dichiarazioni di Wanda Nara.
Bene, c’è un ulteriore ultimo colpo di scena: Wanda ha offerto due volte - prima due settimane fa, e dopo negli ultimissimi giorni - all’Inter la possibilità di interrompere la sua partecipazione a Tiki-Taka, se questo avesse restituito la fascia a suo marito. Ma la risposta dell’Inter è stata chiara: tranquilla, il problema non è la tua partecipazione.
A questo punto, che tutti - ma proprio tutti, nessuno escluso - chiariscano la propria volontà.
E’ un dovere, soprattutto per i tifosi nerazzurri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510