HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
09.01.2019 08:53 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 64223 volte

La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”.
E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima del calcio italiano.
Sul capitano dell’Uruguay e dell’Atletico c’erano il Manchester United e la Juventus, e con azioni e operazioni, non solo con pensieri e parole.
L’offerta dello United l’estate scorsa da 6 milioni di € a stagione, respinta al mittente, per amore dell’Atletico.
Il tentativo indefesso della Juventus in questo autunno di effettuare l’ennesimo colpo a costo zero, e migliorare quella che già nei numeri è la migliore difesa.

E invece l’Inter dopo circa un quinquennio, dai tempi dell’arrivo di Icardi dalla Sampdoria, frega la Juve sul calciomercato (e il Manchester United dopo un decennio, dai tempi del Triplete).
Non è un acquisto qualunque, e certo non basterà per proiettare l’Inter verso traguardi, anche perché forse è nel reparto dove ne avrebbe meno bisogno in assoluto.
Ma è un messaggio chiarissimo, lanciato dall’Inter alla Juventus - e da Marotta “alla sua ex”.
Non ci sono dubbi che Godin sia al momento tra i più forti e affidabili centrali difensivi al mondo: sicuramente tra i migliori 5, forse solo dietro a Sergio Ramos e Chiellini, ma due anni più giovane dell’italiano (e con la stessa età dello spagnolo).
Perché le grandi squadre fanno grandi colpi a volte anche per toglierli alle avversarie, e allora in questo senso l’acquisto di Godin varrebbe doppio: infatti il rientro di Bonucci in chiaroscuro - unito al trascurabile rendimento di Benatia e Rugani - hanno convinto sempre di più la dirigenza juventina che Chiellini è il tassello più insostituibile della rosa bianconera.
Procurarsi un vantaggio, creare un disagio alle avversarie: quella che è stata la linea politica della Juventus negli ultimi 6 anni, e che ha così solidamente costruito il vantaggio finora incolmabile nei confronti delle altre. Che l’Inter ragioni in questo senso vuol dire che forse il grande divario creatosi tra juventini e resto del mondo italiano ha cominciato ad accorciarsi.
Certo, è solo l’inizio, perché si dà il caso che la Juve sia ancora due volte più forte di qualunque altra, ma forse vuole anche dire che la proprietà Suning ha mirato alto, davvero alto, come può fare solo chi punta al massimo. Risuonano le parole dette da Moratti qualche giorno fa: “Se fossi stato presidente dell’Inter, vedendo l’acquisto di Cristiano Ronaldo avrei provato a prendere Messi”.

Ed è sintomatico anche dell’arrivo di Marotta. Perché è ovvio, in questi primi mesi, tutti quelle partite di mercato che vedranno uno scontro diretto tra Inter e Juventus, saranno una tara al peso e alle capacità di Marotta. Quindi Tonali, Barella, ma adesso Godin.
Non va dimenticato Ausilio, che ha ottimi rapporti con l’Atletico, ma chiudere questa partita bruciando proprio “l’ex fidanzata” aveva un significato troppo importante per il nuovo amministratore delegato per essere trascurato. E a questo punto c’è da pensare che le prossime trattative della Juventus possano tutte improvvisamente complicarsi.

Con Godin, si può pensare alla difesa a 3 più forte al mondo.
Ma ovvio, tutti gli osservatori e tutti i tifosi interisti si sono chiesti: “A questo punto, sarà Skriniar quella cessione necessaria per fare cassa in quello che sarà l’ultimo scalino del financial fair-play?”.
Non è detto. Ma ovvio, tutte le strade portano a Milan.
Lo United dopo aver perso Godin - richiesta di Mourinho - ha da tempo virato sullo slovacco.
E adesso toccherà a Marotta e ad Ausilio proporre un rinnovo adeguato, non certo i 2.6 milioni offerti per alzare l’1.7 milioni che per ora percepisce il difensore.
Ma sarà molto, molto difficile trattenerlo.
E dovesse perderlo, la dirigenza nerazzurra avrebbe un obbligo: venderlo a non meno di 90 milioni di €, rendendolo il più costoso difensore della storia.
Il Manchester United ne ha già offerti 60 di milioni, e visto quello che (non) si trova in giro in tema di difensori centrali, allora stabilire il nuovo record sarebbe per l’Inter un obbligo morale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus e Real quanti intrecci: Marcelo e Isco per Dybala, ecco l’ultima idea di mercato. Hamsik al Dalian. Saint Maximin è l’esterno che il Milan ha scelto per l’anno prossimo. Per il futuro di Spalletti decisivi i prossimi 2 mesi 09.02 - Il tempo non manca ma il quadro delle operazioni per giugno comincia a delinearsi. La Juventus è sempre molto attiva. In casa bianconera sono in atto alcune riflessioni. È chiaro che in estate il lavoro non mancherà. Paratic, che ha già preso Ramsey, vuole ulteriormente rafforzare...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo 08.02 - Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato. Sono d’accordo con Spalletti, certi...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Che mercato è stato? Lo dicono i numeri... dietrofront Napoli: Hamsik rimane qui 07.02 - Partiamo dall’ultima notizia che ha movimentato le redazioni di tutta Italia (e forse anche di tutta la Cina). Il Napoli ha comunicato con un tweet che ha deciso di “soprassedere” per questioni legate alle modalità di pagamento relative alla trattativa Hamsik. Può saltare un’operazione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510