HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso

15.01.2019 07:20 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 35899 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così possiamo vivere tutti assieme le emozioni del mercato. Sapete cosa è successo fino ad ora? Esatto: la solita beata ceppa. Son tornati in serie A 7 o 8 giocatori e poco altro. È tornato anche Battisti. Ecco, Battisti è il colpo più importante della sessione invernale. Torna in Italia con obbligo di riscatto. Questa simpatica battuta l’ho copiata dai social. Che belle le battute su Battisti. “Mogol è ancora a piede libero?”. “Tu chiamale, se vuoi, estradizioni”. “Dopo Battisti prenderanno Mina!”. Quante risate. Tante.

Facciamoci un po’ di fatti nostri.

Prima missione sociale: aiutare lo scozzese Ross Donaghey

Il signor Ross Donaghey, scozzese di Edimburgo, ha fatto un regalo a suo figlio: volo, albergo e biglietto per Inter-Sassuolo di sabato. Per lui, la moglie e il piccolo Max che compie 12 anni. Quando gli hanno detto che non può entrare per le note questioni, gli sono girate le balle a elica. Nessuno ovviamente gli rimborsa i biglietti. In compenso ha scoperto che alcuni bambini fortunati possono assistere alla partita e ha chiesto via social se qualcuno gli può dare una mano. Ecco, ci auguriamo che l'attuale e generale esigenza nel voler mostrare il pugno duro, non faccia dimenticare alle maestranze che oltre le regole c'è qualcosa di ancora più importante: il buonsenso.

Seconda missione sociale: ringraziare Davide Calà sperando che altri prendano esempio

Davide Calà è un ragazzo molto saggio di Messina, ma residente a Milano. L’altro giorno di ritorno dalle ferie natalizie trascorse in Trinacria si è presentato sotto la redazione con un pacco contenente: funghetti sottolio, dolcetti fatti in casa, leccornie sicule. Davide Calà è un grande uomo.

Terza missione sociale: dissuadere Paolo Brosio dai suoi intenti

Abbiamo letto che Paolo Brosio andrà all’Isola dei Famosi: dal Twiga, a Medjugorje, fino all’Isola dei Famosi. Paolo, non fare boiate.

Quarta missione sociale: convincere i moralisti della tv che trasformare la sovraimpressione Cag-Ata in Cag-Atl è controproducente.

Ogni volta che si presenta il match Cagliari-Atalanta gli amici delle tv camuffano la sovraimpressione perché si vergognano molto. È successo anche ieri. Ma è tutto inutile: noi abbiamo pensato lo stesso a Cag-Ata. Amici delle tv, siate coraggiosi: lo apprezzeremo molto.

Quinta missione sociale: dire le cose come stanno sul “caso-Higuain”

Allora. Tutti dicono “Higuain ha il malumore”. E molti lo giustificano. Dicono: “Magari segna in Supercoppa e ritrova gli stimoli per restare al Milan”. Basta, non diciamo cazzate. Higuain ha il malumore? Ma stiamo scherzando? Sembra che sia tutto normale. Ma vi pare? Il 2° giocatore più pagato in serie A che dopo 4 mesi si stufa perché sperava che il Milan fosse più forte. Perché se i rossoneri non arrivano quarti non lo riscattano. Perché vuole tanto andare da Sarri. Leonardo dice “deve pedalare”. Beh, ha ragione. Basta con le giustificazioni, basta con “è comprensibile”. Non è comprensibile niente di niente. E, soprattutto, non è normale pensare che Gattuso debba preparare una partita importante come quella di domani sapendo che potrebbe essere l’ultima con l’argentino, in attesa di non si sa quale rimpiazzo. Morata? Piatek (avviate le trattative)? Qualcun altro? Ma cos’è, una barzelletta? Oh, stiamo parlando del Milan e stiamo parlando del 2° calciatore più pagato della serie A. Sapete qual è la verità? Per lunghi mesi abbiamo parlato di proprietà forte e di dirigenti forti e probabilmente è così davvero, ma il dato di fatto è che, ad oggi, l’unico vero punto di riferimento per i tifosi del Milan è proprio il tecnico che qualcuno voleva cacciare perché “inadatto per puntare in alto”. L’attaccante “adatto”, invece, vuole andare via perché si aspettava una situazione diversa. Però magari domani farà gol è tutti diranno “beh, bravo, fa bene ad andare dove può vincere”. Robe da matti.

Sesta missione sociale: capire a che punto sono l’Inter e Icardi

Le “parti” si devono trovare. E fin qui non c’è alcun dubbio (ma nonostante le voci non c’è ancora alcun incontro fissato). Le “parti” vogliono andare avanti assieme. E questo è quello che conta. Il dato di fatto è che la “settimana polemica” appena trascorsa ha lasciato uno strascico di confusione e balle-varie. La più importante è quella relativa alla non volontà di rinnovare da parte del giocatore, che invece non sa più come far capire che all’Inter ci vuole stare eccome. Ieri Wanda Nara e Mauro Icardi si trovavano a Roma per registrare “C’è posta per te” dalla De Filippi, presto sapremo se Inter e giocatore apriranno la loro busta (questa frase è agghiacciante, ma aiuta a introdurre un pezzo pubblicato su Esquire qualche giorno fa che riassume un concetto chiaro: andare avanti insieme conviene a tutti).

Ps. Ho ancora l’albero di Natale.

Questo è un pezzo democristiano. Sì, molto democristiano. Anzi no, questo è un pezzo intelligente. E scusate se ce lo diciamo da soli.

Tema: “Rinnovo del contratto di Icardi con l’Inter”. Svolgimento: “Nell’ambito di una trattativa complicata tra un giocatore fortissimo e una società saggia, pare obbligatorio dividersi tra sostenitori della tesi 'ha ragione il frugoletto! Dategli i soldi che si merita!' e tifosi incazzati che 'se ne vada pure a quel paese, i giocatori passano, l’Inter resta!'”. Benissimo. Ora veniamo a noi.

La distinzione di cui sopra, per quanto ci riguarda, è sciocca, stupida, autolesionista. Lasciamo perdere i motivi per cui si è arrivati a questo punto e veniamo… al punto. Se siete appassionati di nerazzurro, la domanda, per come la vediamo noi, non è “voi da che parte state?” ma “qual è il bene dell’Inter?”. E qui, certo, ognuno ha la sua risposta, e noi vi proponiamo la nostra (discutibile, per carità): il bene dell’Inter è andare avanti con Icardi. E viceversa.

L’Inter può fare a meno del suo numero 9? Certo, se ha fatto a meno di Ronaldo può fare a meno di chiunque. Ma perché dovrebbe arrivare a questo punto? In questo momento non avrebbe davvero senso: ha un capitano serio, giovane, capace, professionale, affezionato alla maglia (non con i gesti e baci, ma con i fatti e i gol). Chiede più soldi? Sì, è vero, ma al suo posto – e nelle sue condizioni – credeteci, lo farebbe pure Don Mazzi.

Dall’altra parte: Icardi può fare a meno dell’Inter? Certo, nel calcio moderno le cosiddette “bandiere” sono rappresentazioni ideali di uomini che (quasi) non esistono più. Ma gli conviene davvero? No, non gli conviene. L’Inter probabilmente non potrà mai dargli tutti i soldi che potrebbe guadagnare altrove, ma gli ha già offerto l’occasione (raccolta al volo e onorata alla grande) di essere capitano e guida di un club glorioso. Il ragazzo lo sa, il suo procuratore anche, ed è per questo che nonostante le apparenze non usano strategie: potrebbero dire “resteremo per sempre!” e nel frattempo accordarsi con il Real (Florentino Perez spinge, eccome se spinge), ma invece dicono “vogliamo restare, ma con un giusto contratto”. I modi sono i migliori? No. La sostanza è corretta? Secondo noi sì. È questo un pezzo stucchevole e democratico (assunto di partenza)? Noi preferiamo dire “coerente”: l’Inter e Icardi devono andare avanti assieme per il bene dell’Inter e di Icardi.

Inutile finale ad effetto: scannatevi (magari in privato), ma trovate uno straccio di accordo che ci siamo già rotti i maroni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510