HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

La saudade di Neymar, la corsa al ribasso per Icardi, il campione che s'è trasformato in esubero, l'ultimo desiderio di Zidane, il pallino di Conte: ecco i grandi tormentoni dell'estate 2019

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
07.07.2019 09:45 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 47050 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

È una estate che ricorderemo a lungo. Per quel che è accaduto, per quel che accadrà, questa lunghissima sessione di calciomercato sposta ulteriormente verso l'alto l'asticella delle cifre. L'Atletico Madrid con Joao Felix ha già definito il quarto trasferimento più costoso di sempre, che però potrebbe non essere il trasferimento più costoso di questa estate. Perché non è ancora mezzogiorno in questa lunga estate anche se molto è già accaduto: il Real Madrid ha investito più di 300 milioni di euro, la Juventus si è confermata la meta preferita degli svincolati di lusso e la Premier ha iniziato a ufficializzare acquisti costosissimi come Rodri, Ndombele e Wan-Bissaka.

È l'estate dei tormentoni, delle grandi trattative che hanno bisogno di pagine, capitoli, prima di sapere come finiranno. Per alcuni di essi, stanno scorrendo le pagine finali. Come De Ligt, che presto diventerà un nuovo difensore della Juventus. Come Griezmann, che il prossimo anno graviterà al centro dell'attacco del Barcellona. Come Barella, promesso sposo all'Inter.

Poi ci sono i tormentoni appena iniziati o quelli che sono in pieno ritornello e non si sa bene quando suonerà l'ultima nota.
Il caso dei casi è senza dubbio Neymar, che due anni fa andò via da Barcellona per uscire dall'ombra di Messi e adesso ha proprio nell'argentino il più stretto alleato per tornare in Catalogna. Che vuole lasciare Parigi è ormai chiaro a tutti, che vuole tornare a vestire la maglia azulgrana pure. Ma trovare la quadra su un trasferimento da 300 milioni di euro - tra cifre contropartite, ingaggi e commissioni - è operazione che richiederà del tempo.
Leonardo spera comunque di non andare troppo per le lunghe, anche perché in caso di addio c'è un mercato in entrata tutto da costuire: al PSG serve l'erede di Thiago Silva (De Ligt è andato, per Bonucci nulla di fatto), un mediano di rottura e - dovesse andare via Neymar - un paio di stelle in attacco. La prima verrebbe inserita nell'operazione col Barcellona, ovvero Coutinho. La seconda potrebbe essere Nicolas Pépé, che piace anche al Liverpool: è la stella del Lille, è traferimento a nove cifre o poco meno.

"Che vuole lasciare Manchester ormai lo sanno tutti". Venerdì, ai taccuini del Times, Mino Raiola sul futuro di Paul Pogba non ci è andato giù per il sottile. Anche la seconda avventura allo United può considerarsi conclusa e, dipendesse soltanto da lui, questa estate avrebbe inizio la seconda alla Juventus. Però i bianconeri che stanno chiudendo De Ligt e hanno già preso due centrocampisti l'ultimo grande colpo lo faranno in attacco, dopo le cessioni. Poco male, perché Pogba è l'ultimo grande desiderio di Zidane, più di una ciliegina per chiudere una campagna acquisti già faraonica.
Come convincere però il Manchester che continua a trattare a muso duro? Con diverse decine di milioni di euro, sicuramente, ma anche con un campione come Gareth Bale. Che, fa strano a dirlo ma è cronaca di questa estate, per Zidane è un esubero e quindi può essere sacrificato sull'altare del centrocampista francese.
L'altro grande nome in uscita dalla Casa Blanca è James Rodriguez. Numero 10 della Colombia, il miglior giocatore del Mondiale 2014 che torna a Madrid dopo due anni a Monaco di Baviera costellata di luce e ombre. Lo vuole Carlo Ancelotti, che forse più di tutti ha compreso e sfruttato le sue incredibili doti tecniche, lo vuole quindi il Napoli. Che lavora a un colpo non da De Laurentiis ma che, come sempre, vuole fare attenzione a tutti i dettagli, economici e contrattuali.

Al centro dei tormentoni estivi ci sono anche i sogni di mercato di Antonio Conte. C'è Romelu Lukaku, che nelle idee del tecnico pugliese è il finalizzatore ideale della sua nuova Inter. Ci sta lavorando da lungo tempo Federico Pastorello e ci lavorerà ancora perché lo United è osso duro e, proprio come per Pogba, vuole rientrare dei soldi spesi per acquistarlo. E quindi, se Lukaku fu pagato 85 milioni di euro adesso vale 85 milioni di euro: prendere o lasciare.
Cifra altissima, che l'Inter vorrebbe pur pagare ma magari dilazionando il pagamento negli anni e quindi trasformando la formula dell'operazione in un prestito biennale molto oneroso con diritto di riscatto. Formula che per il momento a Manchester fanno sapere di non gradire, formula che costringerà le parti a lavorare ancora senza conoscere una data di chiusura. Con tutti i rischi che questa dilatazione dei tempi può comportare.
Per un Lukaku che entra c'è un Mauro Icardi che esce a cifre che - se giungessero all'orecchio di chi ha seguito quotidianamente le vicende di calciomercato fino a dicembre e poi ha staccato per un semestre - sarebbero da affarone di mercato. Da settimane, è in scena una corsa al ribasso che non solo ha reso la clausola da 110 milioni di euro fuori mercato, ma ha reso pensabile questo colpo anche a meno della metà. È ciò che spera la Juventus: smaltire gli esuberi e poi, da Ferragosto in poi, imbastire una trattativa per portare Maurito a Milano per 40 milioni di euro o poco più.
Difficile dire già adesso se Paratici riuscirà nell'impresa. La certezza è che prima la Juventus dovrà vendere chi non rientra più nei piani del club. Un nome su tutti? Gonzalo Higuain.
In settimana il nuovo direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi è stato sincero, forse fin troppo perché quella per il Pipita è trattativa ben lontana dal traguardo: per il contratto attualmente in essere tra l'argentino e la Juve, per le possibilità economiche della Roma e perché, il diretto interessato, continua a dire tramite suo fratello che tornerà in Italia solo per giocare con la Juventus. Parole che, in verità, il Pipita regalava alla platea calciomercatara anche un anno fa, prima di Cristiano Ronaldo alla Juve e prima del suo sì al Milan. È il gioco delle parti e, in fondo, il calciomercato ci piace anche per questo. O no?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510