HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio

22.01.2019 18:38 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 50052 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e, infine, è entrato in stato di coma apparente. Io non l'ho visto perché sono a Verona per una roba di Celentano, ma mia madre sostiene che dica cose come "minchia Borini!" e "Pipita, quella è la porta!" e "rispetto per Boateng al Barça!" a intervalli regolari. È probabile che non si riprenda mai più, ma non disperiamo.

Vi dicevo che sono a Verona per questioni musical/televisive e quindi per la gioia di molti andrò immediatamente al sodo grazie al sapiente aiuto di Claudio Savelli (@pensavopiovesse), uno che sa quel che scrive e senza il quale questo scritto si sarebbe ridotto alle troiate zuccherine su mio padre. Passo a lui la palla e torno nel finale.

Cominciamo dall'Inter, che non ha scusanti e in qualche modo ha accusato la decisione (assurda) della giustizia sportiva nell'approccio alla partita con il Sassuolo, decisamente troppo morbido. Sì, certo, c'erano 11mila frugoletti, ma l'atmosfera è parsa più quella di una puntata della Melevisione che altro. Le tribune vuote non hanno senso perché colpiscono la gente "normale" per i peccati di pochi fessi. Almeno l'Inter ha il merito di aver dato un significato alle porte chiuse esponendo il suo nuovo slogan antirazzismo (“BUU”, Fratelli Universalmente Uniti) e lanciando un segnale positivo che le istituzioni dovrebbero cogliere. Ha fatto ciò che il governo del calcio non è stato in grado nemmeno di pensare. Un'iniziativa concreta, promossa attraverso lo strumento più efficace possibile: la comunicazione.
L'Inter “in campo” però non è stata all'altezza dell'Inter “fuori”. Si è adagiata sul pareggio, quasi accontentandosi. La classifica è pericolosa perché il terzo posto sembra ormai conquistato, mentre il secondo è lontano tanto quanto il quarto. Il pericolo è che l'Inter pensi di non aver più nulla da giocarsi in questo campionato.
Con il Sassuolo è sembrata una squadra pigra, l'unico che può scuoterla è Spalletti, perché sul mercato a gennaio (salvo improbabili sorprese) non arriverà nulla: Modric non è più attuale, su Godin si sta lavorando per giugno, per Barella ci sono state solo manifestazioni di interesse, ma ai quasi 50 milioni chiesti dal Cagliari rimane un affare complicatissimo. A meno di un'uscita di Gagliardini, che interessa a molte squadre, ma nessuna sembra disposta a formulare un'offerta che convinca l'Inter a sedersi al tavolo della trattativa.
Detto ciò, è inutile parlar troppo di mercato: Spalletti ha in casa gli strumenti per migliorare l'Inter. Su tutti, Lautaro Martinez che in pochi minuti ha tirato in porta più della squadra intera nel resto della partita. Schierare le due punte può essere un rischio nel momento in cui hai qualcosa da perdere, ma l'Inter ora è nella situazione opposta: ha bisogno di una scossa, di mettersi in discussione, di cercare un equilibrio tattico che sembra impossibile.
Si prenda Allegri, quando schierò le quattro punte insieme, due anni fa: lo fece perché aveva intravisto la Juve accontentarsi. Così rimescolò le carte, creando "confusione" e obbligando i giocatori a ritrovare un nuovo ordine.

Ancelotti a Napoli ha utilizzato la stessa strategia. Ha ridisegnato la squadra, cambiato gerarchie, messo in discussione tutti, ed ora ne sta raccogliendo i frutti. Prendete Malcuit, da oggetto misterioso a pedina stra-affidabile. Oppure Milik: soffriva in panchina mentre Mertens e Insigne erano brillanti ed ora si è preso a forza il palcoscenico, lasciando ai compagni l'obbligo di dimostrarsi più forti di lui. Così si ottiene il massimo dai giocatori, così si migliorano le squadre.

Intanto il Milan in piena emergenza batte 2-0 il Genoa e agguanta il quarto posto. E lo fa senza Higuain (per inciso, un giocatore in prestito ha tutto il diritto di "cambiare idea", ma non certo a metà stagione e in questo modo) e Biglia e Bonaventura e Romagnoli e Calabria e Kessié. Gattuso da mesi tira avanti con quel che ha e lo fa al meglio, cioè senza lamentarsi, né chiedendo questo o quel giocatore sul mercato. Gli hanno consegnato Paquetà, che forse non era quello che serviva ora al Milan (con il Genoa ha fatto molto bene, ma è giovane e forse ai rossoneri servivano centrocampisti più “pronti” all'uso) e lo ha lanciato nella mischia senza farsi troppi problemi. Arriverà Piatek e dovrà assestare il gioco per valorizzare il nuovo acquisto nel bel mezzo del campionato. Di volta in volta disegna una formazione, per quanto possibile, all'altezza, cambiando ruoli ai giocatori, adattandosi, e mai una volta che abbia colpevolizzato qualcuno, anche chi se lo sarebbe meritato.
La dirigenza del Milan, invece, dovrebbe alzare le mani e assumersi le sue responsabilità. L'investimento su Higuain era illogico per definizione: non investi 18 milioni su un prestito, è un po' come ristrutturare una casa in affitto. Prima del Milan lo ha capito il Pipita, che ha utilizzato la situazione contrattuale per ritagliarsi una via d'uscita. È arrivato addirittura a tenere sotto scacco la società, forzando l'assenza in Supercoppa e contro il Genoa: un grande club come il Milan non può permettersi il "ricatto" di un giocatore, nemmeno il più importante.
Dicevamo di Gattuso. Se il Milan è in corsa per l'obiettivo finale - il quarto posto -, lo si deve a lui e alla sua ostinata forza di volontà. Ma a Gattuso riconosciamo un merito che va oltre il Milan, cioè il suo modo di porsi, schietto, senza filtri, che fa bene al calcio. Rino dice quello che pensa in un mondo in cui tutti frenano per evitare di fregarsi con le proprie mani. Il calcio italiano ha bisogno di allenatori come lui. E come Di Francesco, De Zerbi, o Giampaolo. Tecnici che finalmente parlano di calcio e basta, che si fermano ai microfoni per dare spiegazioni tattiche non perché sono obbligati dai contratti, ma perché hanno il piacere di farlo, di motivare le scelte ai loro tifosi e a chi per lavoro li giudica. Vittoria o sconfitta che sia, spiegano cambi, moduli, tattiche. Non si esaltano quando le cose vanno bene e non si nascondono dietro ad un dito quando invece vanno male e semmai condividono i problemi, mostrando un reale volontà di risolverli. Non fanno polemica ma rimandano ogni discorso al campo. E vanno oltre il risultato. Lo fanno per certi versi anche altri più esperti come Allegri, Spalletti e Ancelotti, anche un tecnico come Mourinho, che svestiti i panni dell'allenatore dimostra di essere un cultore della materia, e se non ci credete andate a vedervi i video della trasmissione di a beIN in Inghilterra a cui è stato invitato e dove ha parlato di tutto a ruota libera, spiegando il suo pensiero, il suo modo di vedere il calcio e le sue difficoltà.
Per migliorare questo sport bisogna cambiarne il racconto e questi tecnici aperti al dialogo sono un ottimo inizio. Il migliore possibile. Tocca agli altri adeguarsi, ai giornalisti incentivare questo modo di parlare di calcio e ai tifosi investirci, sorvolando sulle polemiche e concentrandosi sugli aspetti del gioco.

Rieccomi. Molto bravo questo Savelli. Lo ringrazio molto. Nel frattempo ha chiamato mia madre. Dice che papà ha iniziato a parlare in polacco, è preoccupata. Ho provato a spiegarle che c'entra un certo Piatek, ma non ha capito.
Ciao. Ora forse arriva Celentano. Forse..


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510