Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Capello: "Conte sveglierà i giocatori, ma difficile la convivenza con ADL"TUTTO mercato WEB
venerdì 7 giugno 2024, 20:20Le Interviste
di Davide Baratto
per Tuttonapoli.net

Capello: "Conte sveglierà i giocatori, ma difficile la convivenza con ADL"

Fabio Capello, ex allenatore, ha parlato ai media presenti tra cui TMW al Festival della Serie A

Fabio Capello, ex allenatore, ha parlato ai media presenti tra cui TMW al Festival della Serie A partendo dal panel dedicato a lui, Sacchi e Ranieri chiamato Legendary Coach: "Mi sembra giusto il titolo, siamo tre allenatori che hanno qualcosa, soprattutto in giro per il mondo: Ranieri un'impresa impossibile, Arrigo portando il Milan dove lo ha portato e io facendo la mia parte come tecnico in Spagna, Inghilterra, Russia e Cina, un giramondo".

Chi avrà la sfida più difficile tra Conte e Thiago Motta?
"Entrambi perché Motta deve far tornare la Juventus vincente, non c'è niente da fare, lì partecipare non esiste. Così al Milan e al Real Madrid, quando vinci è qualcosa di normale, non hai fatto un'impresa. Conte deve dare una svegliata ai giocatori che si erano adagiati ed è più interessante. La difficoltà dipenderà dalla squadra che riusciranno a imbastire, ma Conte darà quell'agonismo, quella voglia di vincere ed essere protagonisti a tutti quanti. Credo che Conte sia l'uomo adatto per riportare il Napoli a quel ruolo che aveva dimostrato di poter ricoprire. La convivenza con De Laurentiis sarà difficile però, questo è il tema più importante".

Gli allenatori italiani dominano in Europa.
"È un momento molto buono per il calcio italiano, soprattutto questi ultimi due anni. Siamo in competizione con gli spagnoli, che vincono i campionati, in Inghilterra e in Germania, fortunatamente c'è Carletto (Ancelotti, ndr) che tiene alto l'onore in Spagna".

Che pensa di tutti questi cambi in panchina?
"Vedremo qualcosa di diverso, vedremo le capacità di questi allenatori emergenti. I nomi di quelli che hanno vinto però non mi sembrano molto giovani, quelli che hanno più esperienza hanno dimostrato di avere tutta la forza di insegnare calcio".

Spalletti è il top player dell'Italia?
"Ha un impegno difficile. Ha fatto una grande cosa dopo che Mancini ha lasciato la Nazionale, ci ha portato all'Europeo, difenderemo il titolo, ma ha avuto poco tempo per insegnare e per imprimere le sue idee. Sarà tutto molto difficile, ma è l'uomo adatto per riportare l'Italia dove manca a livello mondiale perché due rassegne iridate senza gli Azzurri è una cosa molto grave".

Il Milan con Fonseca come lo vede?
"Adesso non si possono fare previsioni, il Napoli ha preso Conte, ma bisogna vedere che giocatori avrà a disposizione. Puoi essere anche il più bravo al mondo, ma se non hai giocatori... Faccio l'esempio della finale di Champions: se le tre occasioni che ha avuto il Dortmund le aveva il Real pensate che il punteggio rimanesse quello di 0-0? Aspettiamo la campagna acquisti delle varie squadre".

Che pensa di Italiano al Bologna e Palladino alla Fiorentina?
"Bisogna vedere chi compra il Bologna, chi vende... Aspettiamo. Sono delle scommesse: Palladino ha fatto bene due anni al Monza, Italiano ha fatto due finali europee. Mi sembrano delle scelte ponderate, ma aspettiamo".