Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

Le grandi trattative dell’Inter - 1988, Berti simbolo dell'interismo come pochi

Le grandi trattative dell’Inter - 1988, Berti simbolo dell'interismo come pochiTUTTOmercatoWEB.com
domenica 10 maggio 2020 09:10Serie A
di Alessandro Rimi

Sono gli anni in cui il presidente Pellegrini e l’avvocato Prisco ne hanno abbastanza delle vittorie della Juventus di Michel Platini, del Napoli di Diego Maradona e del Milan degli olandesi (ai quali presto si aggiungerà Frank Rijkaard). Gli anni in cui nelle loro menti, in quella di Giovanni Trapattoni che al momento è riuscito al massimo a centrare un podio in Serie A una semifinale di Coppa Italia persa contro la Sampdoria di Vialli, Mancini, Ganz e Chiesa.

È il momento di alzare l’asticella e di fatti siamo ai primordi dell’Inter dei record. Dal mercato arrivano Bianchi, Díaz, Brehme, Matthäus e Nicolino Berti. Centrocampista dallo strappo improvviso a caccia della porta che trovava anche spesso e volentieri. Brillante adolescente al Parma, mediano polivalente nella grande Fiorentina di Baggio, Massaro e Antognoni. A Firenze Nicola cresce con una velocità impressionante.

Non gli tremano le gambe in un contesto di squadra top e anzi ne diventa un caposaldo. Perciò già in gennaio del 1988 il Napoli di Moggi pressa e incalza, tuttavia i risultati non saranno positivi. C’è l’Inter nel destino di Berti, pronta a formulare un’offerta di gran lunga migliore, traducibile nella proposta formale inviata da Milano pari a 7 miliardi di lire. Così la Viola si convince, Nicola si convince, ignaro del fatto che in nerazzurro sarebbe diventato un modello di sostanza, ma pure di eleganza.

Di umiltà ed efficacia, ma anche di distinzione e follia. Centrocampista che attacca, attaccante basso che difende in mezzo. Leader indiscusso dello spogliatoio, incubo del Milan che nei derby con lui davanti ha pianto. Una storia d’amore indimenticabile, lunga dieci anni e marchiati da due Coppe Uefa, una Supercoppa Italiana, lo scudetto dei record, 312 presenze e 41 gol. Lascerà l’Inter per la Premier a zero. Per i nerazzurri non è mai andato via.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000