Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / Primo piano
Emerson: "Cagliari, salvezza tranquillamente raggiungibile. Dossena può diventare un top"TUTTO mercato WEB
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
martedì 5 dicembre 2023, 20:15Primo piano
di Vittorio Arba
per Tuttocagliari.net

Emerson: "Cagliari, salvezza tranquillamente raggiungibile. Dossena può diventare un top"

Ospite del programma "Master Calcio", in onda su TeleSardegna, Emerson Ramos Borges si è espresso sulla situazione attuale del Cagliari. Di seguito le parole dell'ex difensore di Livorno e Olbia, da pochi mesi tornato in forza alla Nuorese, riprese da TuttoCagliari.net: “Sicuramente è mancato qualche accorgimento in fase difensiva, poi nella ripresa ha dimostrato di avere carattere, mettendo in grossa difficoltà la Lazio. In panchina c’è un allenatore di carattere ne ha da vendere, il Cagliari può giocarsela con tutti e l’obiettivo salvezza è tranquillamente raggiungibile. Petagna deve stare il più vicino possibile alla porta, così come Pavoletti. Lapadula è invece l’attaccante più mobile. Mi aspettavo di vedere Oristanio, ma il mister ha voluto coprirsi un po’ di più, poi l’espulsione di Makoumbou ha scombussolato i piani e Ranieri ha dovuto rimescolare le carte. Ranieri? Quando le cose vanno bene, come l’anno scorso durante la cavalcata verso la Serie A, ha fatto capire ai giocatori di non dover abbassare la guardia.

Quando le cose vanno male, cerca di far attirare le attenzioni su di sé, scaricando la pressione dai propri giocatori. Sa toccare i tasti giusti e dopo una sconfitta fa bene a non sparare su tutti, perché rischierebbe di non rovinare il lavoro che dovrà portare alla permanenza in Serie A. Dossena mi piace tantissimo, lo conoscevo fin da quando giocava ad Avellino. Ci ho parlato quando ci siamo affrontati a Olbia e gli ho detto che se migliora un paio di cose nelle scelte, nelle valutazioni e nel pressing può diventare un top in Serie A. Il mio gol più bello? Non posso dirlo, altrimenti mi tolgono la cittadinanza sarda (ride ndr). Ho fatto tanti gol in carriera, sia da lontano che su punizione, ovviamente per importanza è quello siglato al Cagliari con la maglia del Livorno”.