Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / cagliari / Serie A
Rivoluzione VAR: cos'è il challengeTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
giovedì 13 febbraio 2020 17:22Serie A
di Ivan Cardia

Rivoluzione VAR: cos'è il challenge

La FIGC apre al challenge nel mondo del calcio. La federcalcio, con un comunicato diramato pochi minuti fa, ha reso noto di aver dato la disponibilità a sperimentare questa possibilità. Sarebbe una svolta epocale, e d'altra parte la Serie A è già stata apripista per l'ingresso del VAR nel calcio. Ma cos'è il challenge?

La chiamata dell'arbitro alla on field review da parte delle squadre. La FIGC lo spiega brevemente così, e infatti questa è la descrizione più calzante. In sostanza, ove questa disponibilità fosse sfruttata e appoggiata dalla FIFA, i club del nostro campionato potrebbero chiedere all'arbitro di campo di andare a controllare il monitor per rivedere le azioni di gioco controverse. Come e quando? Al momento, ovviamente, è troppo presto per dirlo: lo stesso comunicato si rifà alle determinazioni dell'IFAB, cioè dell'ente deputato a fissare le regole del gioco del calcio a livello mondiale. È ovvio che, come già accaduto col VAR, vi saranno protocolli da seguire. E la possibilità di ricorrere al challenge dovrà comportare anche dei limiti, per evitare di spezzettare in maniera eccessiva un gioco già fatto di tante pause come il calcio.

Gli altri sport. Nel tennis, il challenge esiste da tempo: ciascun tennista ha a disposizione tre "chiamate" per set. Tre, ma potenzialmente illimitate: il conteggio si abbassa infatti soltanto in caso di errore da parte del tennista. Dal 2019, la stessa possibilità è stata introdotta anche in NBA: in questo caso, ciascun tecnico può effettuare solo una "chiamata" a partita, in casi molto ben determinati. Dal 1999 (dopo svariati tentativi negli anni precedenti) la stessa possibilità è stata concessa nel football americano, con limitazioni molto precise: tra le altre, ogni allenatore ne ha a disposizione due a partita. Che però diventano tre se il primo è andato a buon fine. Concludiamo con la pallavolo: due challenge a squadra per set. Anche in questo caso, il conteggio si abbassa soltanto in caso di chiamata errata.
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000