HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Neymar si offre alla Juve, il Psg chiede Dybala. Operazione da 200 milioni. Milan, arriva Correa dall’Atletico, via Cutrone e Andrè Silva. Conte insiste per Lukaku, l’Inter va avanti. Dzeko, si tratta. Con James e Icardi un Napoli da scudetto

19.07.2019 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 70243 volte
© foto di Federico De Luca

Le uniche cose certe sono due: Neymar vuole lasciare il Paris Saint Germain e il club francese deve vendere qualche giocatore per far cassa e mettersi in pace con il fair play finanziario. Come finirà?

La soluzione arriva da una nota televisione brasiliana, Chiringuito Tv, che ieri pomeriggio ha lanciato una bomba degna del grande compianto Maurizio Mosca: Neymar va alla Juve per 100 milioni più Dybala. Vero? Falso? Verosimile?

Cerchiamo di capirci qualcosa anche se è difficile. Neymar e il suo entourage si stanno agitando, hanno capito che tornare al Barcellona è complicato per i duecento milioni chiesti dal Psg, ma anche e soprattutto perché nel club blaugrana le resistenze non mancano dopo l’addio traumatico. Che fare?

E’ venuto in mente di proporsi alla Juventus, un altro club che piace a Neymar, con grandi ambizioni, dove c’è già Ronaldo con il quale al brasiliano piacerebbe giocare. Il messaggio ai bianconeri è arrivato e siccome, ovvio, la Juventus non può spendere duecento milioni per Neymar dopo essersi svenata per il portoghese l’anno scorso e per De Ligt pochi giorni fa, ecco che è venuta fuori l’idea di proporre al Psg uno scambio con Dybala più un centinaio di milioni. Fin qui la cronaca degli eventi raccontata dalla televisione brasiliana.

La Juventus non commenta ed è logico così. Dalla Spagna fanno sapere che il Barcellona è comunque e sempre in vantaggio, servono i tempi giusti e la vendita di qualche giocatore (Coutinho in particolare), ma intanto il missile è partito.

Registrare la notizia era logico, ma è altrettanto logico ridurla per ora a gossip mercatizio. La Juve, fra l’altro, ha una esposizione da tenere sotto controllo, oltre all’esborso per l’acquisto ci sarebbe da pagare un altro ingaggio monstre in grado di far saltare i conti di qualsiasi società. Poi da mettere in conto anche le personalità di Ronaldo e soprattutto Neymar, assieme potrebbe essere dirompenti.

Quindi derubrichiamo per ora la vicenda a semplice curiosità anche se dopo l’acquisto di Ronaldo di un anno fa, sul mercato niente si può escludere a priori. Ripeto, il Psg deve vendere e quando si deve vendere il prezzo spesso lo fa il mercato. Il Barcellona rivuole Neymar, ma alle sue condizioni e non a quelle del Psg. La Juventus, dopo le avances dei Neymar, resta alla finestra a guardare gli eventi. Giusta strategia. Come sta a guardare gli sviluppi del caso-Icardi pronta ad azzannare la preda se ci saranno le giuste condizioni. Ci saranno? Difficile ipotizzarlo anche se conoscendo Marotta è difficile che dia l’ok per vendere Icardi alla Juve per 40 milioni. Il discorso potrebbe essere affrontato se la Juve fosse disponibile a mettere sul piatto un giocatore come Dybala che piace molto, ma per ora l’argentino non ha mai lasciato passare messaggi positivi. La telenovela Icardi che dura da febbraio è destinata a continuare per tutta l’estate.

Altra bomba di giornata è l’interessamento più che concreto del Milan per Angel Correa dell’Atletico Madrid, anche qui sotto il segno di Mendes. L’attaccante costa 55 milioni che il Milan spera di recuperare vendendo Cutrone al Wolverhampton e il portoghese al Monaco. Si aspetta l’ok di Correa al trasferimento al Milan, ma l’operazione è ampiamente impostata.

Tornando a Icardi, alla finestra c’è anche Aurelio De Laurentiis che dopo le smentite classiche, si è lasciato sfuggire la frase “prenderemo un bomber da trenta gol”. Il contatto con Wanda Nara c’è stato, l’offerta di un ingaggio importante (sette milioni) è piaciuta, ma la vicenda è complessa. Oltre a Icardi per Adl c’è da gestire anche l’affare James Rodriguez. Dopo l’ok del giocatore, il presidente del Napoli pensava di avere la partita dalla sua parte, ma non ha fatto i conti con Florentino Perez che è tosto almeno quanto lui. Il Real non vuole cedere James in prestito, anzi, il presidente spagnolo indispettito ha alzato il prezzo del centrocampista colombiano da 40 a 50 milioni mettendo in crisi anche la mediazione (per ora) del potentissimo Jorge Mendes. L’Atletico Madrid che venderà Correa al Milan come detto, è pronto a inserirsi. E guarda caso Correa e James hanno lo stesso procuratore. C’è poco da insegnare a De Laurentiis in tema di strategie-mercato, perdere James sarebbe comunque un errore. E’ un giocatore chiesto da Ancelotti per far crescere il Napoli, ma soprattutto James potrebbe far scatenare l’entusiasmo dei tifosi. Analizzando la situazione tecnica soltanto il doppio colpo James-Icardi potrebbe avvicinare il Napoli alla Juve in tema scudetto.

Un 4-2-3-1 con James dietro Icardi, Insigne a sinistra e Callejon a destra, Ruiz e Allan in mediana, Manolas-Koulibaly centrali, Ghoulam a sinistra e un esterno destro da inventare (Malcuit?) con Meret in porta, messo in mano ad Ancelotti potrebbe davvero provare a colmare il gap con la Juve. De Laurentiis pensa giustamente anche ai conti, ma certe opportunità non si presentano spesso. E’ il momento della riflessione.

La riflessione l’Inter l’ha già fatta e gli 80 milioni chiesti dal Manchester per Lukaku non hanno spaventato più di tanto. I soldi ci sono, si sta valutando se è giusto spenderli (l’idea era settanta), ma Conte insiste e l’Inter è obbligata a provare da subito l’attacco alla Juve. Marotta aspetta soltanto l’ok del signor Zhang per affondare il colpo, e l’attesa non sarà infinita. Il Manchester giocherà in Premier con il Chelsea l’undici di agosto e il mercato inglese chiude l’otto. Ovvio che il Manchester ha fretta per i tempi tecnici necessari per trovare l’eventuale sostituto del belga.

Intanto Ausilio ha ripreso contatti con Petrachi per Dzeko. La Roma sa che insistere sulla richiesta di venti milioni per un giocatore in scadenza l’anno prossimo ha poco senso. L’Inter era partita da cinque milioni, la sintesi potrebbe essere attorno ai 10-12, ma ci vorrà del tempo di discussione. Nel frattempo la Roma ha chiuso ufficialmente ieri per Veretout. Alla Fiorentina andrà un milione per il prestito, diciassette come obbligo di riscatto e un altro milione di bonus.

Più difficile invece per i Viola arrivare a Llorente. Il Tottenham aveva lasciato il giocatore in scadenza, ma ora sembra ripensarci e sarebbe pronto a rinnovare per altri due anni a quattro milioni netti. Offerta reale o manovra di disturbo ispirata dall’entourage di Llorente per alzare la posta? Lo sapremo presto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510