Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Editoriale
Sarà Marotta il nuovo presidente dell’Inter?TUTTO mercato WEB
lunedì 20 maggio 2024, 22:12Editoriale
di Tancredi Palmeri
per Linterista.it

Sarà Marotta il nuovo presidente dell’Inter?

Chissà se quando Elio ha composto ‘C’è Solo l’Inter’, avesse chiaramente visualizzato le implicazioni del verso “niente per noi è mai normale, né sconfitta né vittoria”. Perché una situazione così schizofrenica come festeggiare la seconda stella con un mese di feste culminate nello spettacolo di fuochi mozzafiato di San Siro, e avere però nel cuore il timore per l’incertezza di un cambio societario forzato e ancora ignoto solo 72 ore dopo, è qualcosa davvero unico per la storia del calcio.

A meno di colpi di scena, e applicando il condizionale d’obbligo da sempre nelle questioni societarie, mercoledì Zhang dovrebbe perdere la società. Ma anche qua è meglio ipotizzare scenari più che certezze, perché in caso di mancanza di un improbabilissimo accordo, è altamente probabile attendersi una battaglia a carte bollate che prolungherebbe la coda della transizione. Nessuno perde una proprietà da circa 1 miliardo di € senza mettere in mezzo gli avvocati (oddio: a pensarci bene Yonghong Li l'ha fatto, ma chi è Yonghong Li? Non lo sapremo mai, così come non sapremo mai da dove sono arrivati gli altri 300 milioni per comprarsi il Milan), e neanche questa volta potrà essere differente. Con tutto quello che ne consegue per il pericolo di immobilità per l’Inter: come si possono firmare nuovi contratti quando non si ha certezza di chi metterà il grano? E la prima cartina di tornasole sarà a inizio giugno, quando si vedrà chi sarà ad erogare gli stipendi.

Ricordate sempre: dovunque, comanda chi decide di fare partire i bonifici per i salari e ci mette i soldi a inizio mese. Il resto sono chiacchiere.

Dunque non si può essere sicuri di niente. Però è bene ricordare che Oaktree siede nel consiglio di amministrazione dell’Inter con due membri sin dall’erogazione di prestito, quindi non stiamo parlando di una navicella spaziale allena pronta a sbarcare sul pianeta nerazzurro. Sarà da vedere se i due membri, Carlo Marchetti e Amedeo Carassai, avranno nuove e più importanti mansioni.

Ma è chiaro che c’è un uomo che ha intessuto i rapporti in questi anni, e che è stato il vero campione d’Italia attraverso le stagioni: Beppe Marotta. Il riuscire a vincere con un mercato in negativo è sicuramente merito per prima di Simone Inzaghi, ma la protezione dall’esterno attraverso gli anni e la lungimiranza si ascrivono al dirigente sportivo di gran lunga migliore d’Italia.

E allora con queste premesse, Marotta potrebbe diventare il nuovo presidente dell’Inter, o comunque plenipotenziario, in quanto migliore garanzia proprio per Oaktree di valorizzazione dell’investimento.

Tuttavia tenete a mente un dettaglio molto importante: è notorio che usualmente il fondo americano rivenda non rimanga, e non sappiamo ancora quali sono le intenzioni e se abbiano già un compratore in tasca. In qualsiasi caso, da che mondo è mondo, un nuovo proprietario si sceglie sempre nuovi dirigenti di fiducia, e di estrazione propria.

Dunque, l’incertezza futura è l’unica cosa di cui si può essere certi.