Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Pogba e la maglia numero 10 per una leadership totaleTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uefa/Image Sport
venerdì 1 luglio 2022, 10:19Primo piano
di Quintiliano Giampietro
per Bianconeranews.it

Pogba e la maglia numero 10 per una leadership totale

Globalizzazione del marchio è una delle missioni più importanti del nuovo corso bianconero. Partito Ronaldo, nella passata stagione sembrava fosse il momento di Dybala, incoronato da Allegri come ombelico del nuovo progetto. Invece sappiamo com'è andata: la Joya non c'è più. Chi al suo posto? Così Arrivabene: “Una scelta di mercato non può partire solo da logiche commerciali, ma devi avere un giocatore con un appeal internazionale”. Quindi? Risposta facile. Nome Paul, cognome Pogba. Proprio l'amico dell'argentino sarà il nuovo leader tecnico, emotivo e fuori dal campo motore per spingere il marketing. Oltre 54 milioni di follower su Instagram, il francese da poco è sbarcato su Tik Tok. Una certezza come veicolo per portare la J in ogni angolo del pianeta. Calcistico e non solo.

Quando si parla di trascinatore in campo, riferimento nello spogliatoio e di mezzo per far decollare il marketing, viene automatico accostare la numero 10 al giocatore in questione. Pogba, salvo sorprese dell'ultima ora, indosserà di nuovo la maglia storicamente più prestigiosa, come nell'ultimo anno della precedente esperienza con la Juve. Anche in questo senso sarà un passaggio di testimone con Dybala. Un destino. Sempre Arrivabene, nei giorni caratterizzati dagli scontri verbali con l'argentino, a proposito delle pretese economiche per il rinnovo contrattuale, parlò proprio del peso di questa casacca, diverso rispetto alle altre. Aveva ragione. Basterebbe ricordare chi l'ha indossata nel corso della storia bianconera: Sivori, Platini, Baggio, Del Piero. Praticamente quattro mostri sacri. Senza dimenticare Tevez. Pogba ne è consapevole. Sarà una spinta ulteriore per riportare la Juve ai livelli di un tempo e sotto il profilo personale forse l'ultima opportunità per consacrarsi a livello mondiale.