Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Primo Piano
Florenzi a SportMediaset: "Felice di essere tornato, l'obiettivo è entrare in Champions. Napoli? Nessuna squadra è imbattibile"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 31 marzo 2023, 13:25Primo Piano
di Redazione MilanNews
per Milannews.it

Florenzi a SportMediaset: "Felice di essere tornato, l'obiettivo è entrare in Champions. Napoli? Nessuna squadra è imbattibile"

Alessandro Florenzi ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di SportMediaset:

Sul ritorno in campo dopo i tanti mesi fuori: “Sono felice di essere tornato, questa sosta per me è stata una manna dal cielo: ho potuto continuare a lavorare ma l’ho fatto in campo con i miei compagni. Sono cresciuto fisicamente e atleticamente e ora mi sento pronto per aiutare la squadra ancora di più".

Su questi mesi fuori dal campo se gli hanno fatto fare ‘cattivi pensieri’: “Sì, c’è stato un piccolo momento in cui ho pensato di cercare altre strade durante questi mesi. Ma per fortuna la mia famiglia mi ha fatto pensare bene a quello che volevo e la verità è che quando ho visto di nuovo il pallone tutti quei pensieri sono andati via”.

Su cosa può dare ancora al Milan e al calcio italiano: “Posso dare tanto e mi sento di poter dare tanto ogni giorno qui. Sono pronto ad aiutare tutti, in primis devo stare bene io perché poi se sto bene posso dare tanto”.

Sulla sua motivazione dopo l’infortunio: “La motivazione che mi ha spinto a recuperare in questi mesi è tanta. Dispiace sempre vedere i compagni soffrire da fuori e non poterli aiutare in pieno. Soffri anche fuori ma non come quando sei dentro lo spogliatoio. Spero adesso di essere una carta importante per il Milan e sono qui per questo”.

Sui tanti infortuni e sull’infermeria di Milanello che spesso è piena: “Su questo ho un grande compagno che è Zlatan. Tra me e lui di interventi ne abbiamo visti. Ma a parte gli scherzi ci sosteniamo tutti quanti, siamo una bella famiglia”.

Sulla prima delle tre sfide contro il Napoli e sui pronostici a sfavore dei rossoneri: “Non è la prima partita di tre gare contro il Napoli. Dobbiamo pensare a una gara alla volta. Sul fatto di essere svantaggiati e già sconfitti è una cosa che dicevano anche l’anno scorso e poi in molti si sono rimangiate le critiche e sono saliti sul carro”.

Sulle voci che dicono che lo Scudetto dell’anno scorso sia stato un episodio isolato: “Quello che dicono fuori non ci tocca molto. Il valore di queste voci è poco, sappiamo di aver scritto una pagina importante per il Milan dopo tanto tempo. Siamo una squadra forte poi ci sono annate che vanno bene e altre che vanno meno bene. E a volte trovi altre squadre che trovano il loro punto di svolta come quest’anno il Napoli”.

Sull’obiettivo stagionale di entrare nei primi quattro posti: “In questo momento ovviamente sì”.

Sui quarti di finale contro il Napoli: “Saranno due partite molto toste contro una squadra forte ma io non penso che loro abbiano esultato così tanto quando hanno pescato il Milan, vista anche la storia che ha il Milan con la Champions e anche vedendo l’anno scorso e cosa possiamo fare. Saranno due belle sfide che porteranno una squadra italiana in semifinale dopo tanto tempo e questo è anche un bene per l’Italia”.

Sul fatto se si possa battere questo Napoli: “Per me nessuna squadra è imbattibile”.

Su Spalletti che ritroverà come avversario: “Sicuramente lo abbraccerò negli spogliatoi, poi saremo avversari ma resterà uno degli allenatori più influenti che ho avuto nella mia carriera”.

Sulle voci di mercato che lo vedevano a Napoli dopo il PSG: “Abbiamo chiacchierato io e Spalletti poi non c’è stato niente di concreto ma due battute le avevamo scambiate”.

Su come si possa fermare Kvaratskhelia: “È un giocatore molto bravo che sta facendo la differenza. Penso che si possa fermare più di squadra che singolarmente ma dobbiamo pensare a come fermare il collettivo del Napoli più che un solo giocatore”.

Sulla percezione del DNA europeo del Milan: “Penso che molto lo faccia anche la pressione esterna. Io ho vissuto in grandi città e ho giocato due semifinali di Champions, con la Roma e con il PSG e anche lì sentivo le stesse cose. Molti pensano che giocare la Champions sia diverso rispetto al campionato ma semplicemente perché in Champions ti giochi tutto in due partite e in campionato te lo giochi in 38 partite. Ma non si affrontano in maniera diversa, l’approccio della squadra è lo stesso: per noi la gara contro il Napoli in campionato sarà importante come quelle di Champions”.

Su Leao: “Rafa è sempre molto tranquillo. Spero per lui e per noi che possa fare la differenza domenica. Anche lui sa quanto sia importante per il nostro gioco, non dico che siamo aggrappati a lui perché nessun singolo è una squadra quindi insieme a lui dobbiamo cercare di ritrovarci anche noi per fare una bella partita”.

Sul fatto di terminare la carriera al Milan: “Fammi arrivare a domenica poi vediamo…”.

Su Ibrahimovic che sembra voglia continuare a giocare: “Lui è bionico. Quello che gli ho visto fare a lui l’anno scorso non l’ho mai visto fare a nessuno. Anche da fuori, solo la sua presenza ti dà una spinta, ti aiuta. Cerca sempre di tirare fuori il meglio da noi e anche da sé stesso”.

Sulle differenze tra Spalletti e Pioli: “Caratterialmente sono diversi, quando si arrabbiano sono abbastanza simili e si fanno sentire. Forse Spalletti è più fumantino. Sul campo hanno due stili di gioco differenti”.

Sulla possibilità di rivederlo come esterno alto: “Perché no, sono aperto a tutto. Non c’è nessun problema, posso giocare in ogni posizione, anche come attaccante”.