Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / Calcio estero
Kakà rischia la caviglia in un match di beneficenza: fallo criminale dello streamer SpeedTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
venerdì 23 febbraio 2024, 21:42Calcio estero
di Michele Pavese

Kakà rischia la caviglia in un match di beneficenza: fallo criminale dello streamer Speed

Sta facendo il giro del mondo un intervento durissimo che poteva costare molto caro a Kakà. Durante una partita di beneficenza ("Match for Hope") che si è disputato in Qatar, l'ex giocatore del Milan è stato vittima di un fallo molto pericoloso commesso dallo streamer americano "iShowSpeed".

Supertifoso di Cristiano Ronaldo, Speed ​​è diventato l'assoluto protagonista allo stadio Ahmad Bin Ali, dove si sono radunati influencer e leggende del calcio (su tutti Eden Hazard, Roberto Carlos e David Villa nella squadra guidata da Arsène Wenger, Didier Drogba, Claude Makelele e Kakà in quella allenata da Antonio Conte) per una causa nobile. Intorno alla mezzora Kakà ha ricevuto palla sulla sinistra ma l'incauto avversario è piombato su di lui in scivolata, rischiando di procurargli un serio infortunio alla caviglia. Per fortuna, il brasiliano si è rialzato mentre Darren Watkins (il vero nome di Speed) è stato ammonito e ha anche avuto il coraggio di protestare con l'arbitro in modo plateale.


Il suo amore per il calcio è noto ma, come riporta Sport Bible, non sembra conoscere molto la storia di questo sport: Novak Djokovic, durante la cerimonia del Pallone d'Oro, lo ha convinto di essere un giocatore del Milan; inoltre, avrebbe chiesto a Ronaldo il Fenomeno se fosse il padre dell'omonimo Cristiano.