Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
L'identikit perfetto per il mercato del Napoli: Lindstrom sulla scia degli ultimi colpi a sorpresaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico Titone
giovedì 23 marzo 2023, 16:23Serie A
di Marco Conterio

L'identikit perfetto per il mercato del Napoli: Lindstrom sulla scia degli ultimi colpi a sorpresa

Jesper Lindstrom non è da annoverare tra i talenti 'sconosciuti' ma è certamente uno dei giocatori pronti al grande salto, in rampa di lancio. Il target perfetto per il Napoli che ha seguito più volte in stagione il classe 2000 dell'Eintracht Francoforte che ha peraltro sfidato anche in Champions League (ma solo all'andata, al ritorno era fuori per infortunio). Danese, ovvero figlio di una terra che negli ultimi anni sta sfornando talenti a profusione, nell'ultima stagione ha vinto il premio di Rookie of The Year della Bundesliga e nel palmares ha già un'Europa League vinta da protagonista.

Scuola Brondby: erede di Zielinski, 'vice Elmas'
Trequartista, esterno sinistro, nelle idee del Napoli potrebbe essere l'erede perfetto di Piotr Zielinski (sul quale ci sono sirene dalla Premier League e piace tantissimo alla Lazio) e diventare di fatto il vice Eljif Elmas. Per ricalcare le orme del macedone del Napoli, anche lui in rampa di lancio e pronto allo step successivo in casa azzurra.

Lindstrom è un talento scuola Brondby dove ha vinto una Superligaen con 10 reti e 10 assist in 29 partite. Passa all'Eintracht per 9 milioni e poi, al primo anno, diventa un perno della cavalcata europea della formazione di Glasner. Un identikit che sembra perfetto per la filosofia di Giuntoli e Micheli, per il Napoli del presente e del futuro.