Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
Lassana Coulibaly, il duro messaggio contro la Federazione del MaliTUTTO mercato WEB
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
sabato 22 giugno 2024, 13:30News
di Lorenzo Portanova
per Tuttosalernitana.com

Lassana Coulibaly, il duro messaggio contro la Federazione del Mali

Protesta da parte di Lassana Coulibaly e di tutti i suoi compagni di nazionale contro i vertici del calcio del Mali. I calciatori della selezione maliana potrebbero infatti scioperare per i prossimi impegni e non prendere parte alle partite. Questo il messaggio pubblicato dal centrocampista della Salernitana e da tutti i calciatori della nazionale del Mali sui propri profili social: "Siamo profondamente preoccupati di fronte alla crisi che tocca il nostro sport. Dopo diversi anni, malgrado il nostro impegno e il sostegno incondizionato del pubblico, non siamo riusciti a raggiungere i nostri obiettivi. Per questo comprendiamo la rabbia dei nostri sostenitori. È tempo di smetterla di nascondere la realtà e di porsi le giuste domande per sperare di cambiare le cose. Il turnover di giocatori e allenatori è evidente ma non dovrebbero anche i dirigenti mettersi in discussione? Quali sono le ambizioni del calcio maliano?

Essere professionisti dev’essere la nostra priorità per mettere fine alle condizioni che ostacolano le nostre performances. Riconosciamo gli sforzi dello Stato per migliorare le nostre infrastrutture, ma anche i risultati sono stagnanti a causa della cattiva gestione dei nostri leader. Chiediamo ai dirigenti della federazione di assumersi urgentemente le proprie responsabilità. Noi, i giocatori, siamo determinati a rappresentare con orgoglio il nostro Paese, ma abbiamo bisogno del sostegno e della visione illuminata di leader determinati a portare il Mali ai vertici della scena internazionale.

Per questo, oggi, ci assumiamo le nostre responsabilità. Se la situazione rimane invariata, ci riserviamo il diritto di non onorare la selezione e di non partecipare alle prossime partite di qualificazione. Per amore del Mali e del nostro Paese, stiamo prendendo questa decisione delicata, ma necessaria per le generazioni future. Tutto questo deve finire. Siamo fieri di portare i colori delle Aquile e ringraziamo i tifosi. Speriamo arrivino giorni migliori. Insieme possiamo superare questa crisi e riportare in alto il calcio maliano".