Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / salernitana / Rassegna stampa
Barbano sul Corriere dello Sport: "Italia presa a schiaffi e il fantasma della Serie B"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 2 giugno 2022, 09:53Rassegna stampa
di Antonio Parrotto

Barbano sul Corriere dello Sport: "Italia presa a schiaffi e il fantasma della Serie B"

Alessandro Barbano sul Corriere dello Sport ha scritto: "Italia presa a schiaffi e il fantasma della Serie B". Brutto ko per l'Italia contro l'Argentina, ritorno a Wembley amaro per gli Azzurri: "la Nazionale presa a schiaffi è l’altra faccia dei club che fuori dai confini hanno vinto in dodici anni solo una Conference cup, grazie a un altro genio della lampada. Possiamo continuare a raccontarci bugie. E pensare che ieri sera ce la siamo giocata per venti minuti" scrive il giornalista. Barbano punta il dito contro contro la classe dirigente e contro il sistema perché: "senza una rifondazione del sistema industriale non c’è ct che possa salvarci". E poi ancora: "Contro questi campioni è naturale perdere la partita. Non è naturale perdere la faccia, nella giornata dell’atteso riscatto. Non è naturale presentarsi come gli sparring partners dell’unica nazionale in campo. Un ciclo è finito. Ma non è detto che un nuovo possa iniziare, semplicemente dando la maglia da titolare a quelli che stanno fuori. La serie A oggi è, fuori dai confini nazionali, una serie B. Capace di attirare al più gli appetiti di attempati fuoriclasse in disarmo e senza contratto, non di trattenere i talenti migliori. Chiediamoci che cosa farebbe Leão, se domani uno dei grandi club inglesi gli facesse una telefonata".