Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone A
AlbinoLeffe-Piacenza, rialzarsi per proseguire quel che era: le probabili formazioniTUTTO mercato WEB
© foto di Francesco Moscatelli
domenica 29 gennaio 2023, 10:15Girone A
di Riccardo Quarti
per Tuttoc.com

AlbinoLeffe-Piacenza, rialzarsi per proseguire quel che era: le probabili formazioni

8 giorni or sono, in vista di questa sfida, in molti avrebbero visto il confronto tra AlbinoLeffe e Piacenza come una sorta di "Big match" dato il bottino di punti (10, il migliore del girone A) incassato da entrambe nelle cinque gare precedenti alla 23^ giornata. Invece, le sconfitte subite la scorsa settimana hanno fatto ritornare ambedue le squadre  sul pianeta terra, ma senza compromettere, per ora, la comunque ottima fase che si sta affrontando.

 Oggi (14.30), allo "Stadium" di Zanica, sarà sicuramente la giusta occasione per riprendere immediatamente la marcia, con i bergamaschi pronti ad infilare la terza vittoria di fila in casa per ritornare in zona playoff, così da non definire l'ultimo mese come un illusione. Difatti, gli uomini di Biava dopo la sconfitta subita al "Menti" con il Vicenza dovranno sfruttare il confronto odierno per conquistare i tre punti e ritrovare totalmente quelle ottime sensazioni denotate nell'ultimo mese, soprattutto nelle vittorie ottenute con Pro Sesto e Pergolettese, proprio ad inizio 2023. Ma al di là di queste due gare, i seriani avevano mostrato enormi passi in avanti ed un certo  tipo di costanza nel gioco, già dalla vittoria di Trento di metà dicembre, non sfigurando nemmeno nella sconfitta di Salò prima di natale. Un bel gioco, che la scorsa settimana la compagine bluceleste ha faticato ad esprimere in modo particolare nel primo tempo, poi nei 45' finali l'AlbinoLeffe ha decisamente creato di più senza però finalizzare, al cospetto di una squadra, il Vicenza, comunque superiore. Con il Piacenza allora ci si aspetta un ulteriore conferma nel vedere una squadra solida e dall'attacco maggiormente proficuo rispetto ad inizio stagione, vista l'ottima condizione ritrovata da Cocco ed il "trascinare" del solito Manconi, il quale con i suoi gol ha portato ben 11 punti ai suoi, e con una difesa che al di là dei tre gol subiti al "Menti" è parsa decisamente più sull'attenti del solito viste che nelle ultime 7 giornate ( compresi i tre gol subiti domenica scorsa) ha incassato 7 reti, delle 26 totali. Seriani oggi dinanzi ad un esame importante dal punto di vista "mentale", per reagire all'istante tramite una prestazione di qualità.

E farlo con il Piacenza accrescerebbe sicuramente la fiducia visto che gli emiliani sono squadra dalle due facce: pericolosa per tutti ma allo stesso tempo fragile, in modo particolare in difesa con ben 39 gol subiti. Biancorossi che si presentano a Zanica anch'essi con voglia di riscatto e di ripresa, ridando continuità a quello che era stato il trend dell'ultimo periodo, il quale  aveva visto i "Papaveri" porsi  addirittura vicino alla zona salvezza (dopo aver passato praticamente l'intero girone d'andata all'ultimo posto) data la svolta che sembrava essersi approcciata nell'ultima di andata, in occasione del pareggio per 1-1 con il Vicenza, seguita dalle  tre vittorie di fila con Pergolettese, Virtus Verona e soprattutto, con l'allora capolista Feralpisalò, prima del brusco stop conciso con il 2-1 subito dall'Arzignano sabato scorso al "Garilli". I risultati sfornati complessivamente nell'ultimo periodo e visti anche gli exploit fatti con squadre che si giocano la Serie B confermano il valore di una squadra che vale molto di più del penultimo posto per ora occupato, in una stagione stregata e passata sempre nelle grinfie della zona retrocessione, in cui spesso l'incostanza nel gioco e la lucidità hanno penalizzato i "Papaveri' come dimostrato dal dato che evidenzia i ben 7 gol subiti nei primi 15' di gioco. Ma i miglioramenti denotati nell'ultimo periodo sono enormi ed oggi con l'AlbinoLeffe è praticamente d'obbligo dare un ulteriore scossa alla propria classifica per rendere quanto successo con l'Arzignano solo un incidente di percorso nel mezzo della ripresa.

Confronto numero 12 in terra lombarda tra le due, con i locali che in casa non vincono dal 2007/2008 (Serie B). Tutto apparecchiato, allora, per un faccia a faccia condito da un immediata voglia di riscatto e di conferma riguardante quel che si vale per davvero.

QUI ALBINOLEFFE- degli assenti di Vicenza recupera solo Muzio, ripresosi definitivamente dalla febbre. Infatti, al di là di Poletti, ormai fuori dalla terza giornata a causa della rottura del crociato anteriore destro, Saltarelli è alle prese, così come Genevier ( quest'ultimo da molto più tempo) con un problema muscolare al polpaccio; ancora fermi ai box anche i due portieri di riserva Pratelli e Facchetti rispettivamente per fastidi muscolari all' aduttore e uno di cause lombari per l'altro. Non ci sarà nemmeno Brentan, squalificato, ed i soliti due ormai non convocati da quasi un mese e mezzo: Francesco Gelli e Tomaselli, fermati dalla società per motivi mai davvero chiariti. Per Biava i dubbi della formazione potrebbero essere legati al centrale di centrocampo da schierare visto l'assenza di tutti e 3 coloro che hanno giocato in stagione in quel ruolo (Brentan, Genevier, Francesco Gelli). Probabile, in tal senso, vedere Piccoli inserito lì, in mezzo a Doumbia e Giorgione oppure con i primi due ad invertirsi. 3-5-2 solito del tecnico bergamasco quindi con Offredi in porta, in difesa Marchetti posto tra Borghini e Milesi. Centrocampo quindi (da destra) con Gusu, Doumbia, Piccoli (o viceversa per gli ultimi due), Giorgione, Zoma. Attacco formato dall'ormai coppia fissa composta da Manconi e Cocco.

QUI PIACENZA- Scazzola, al rientro in panchina dopo la giornata di squalifica scontata con l'Arzignano, può tirare un sospiro di sollievo in più rispetto a Biava visto che l'unico assente sarà Persia, peraltro in via di ripresa, con Rizza recuperato al meglio ed al rientro. Nel 3-5-2 titolare il tecnico ligure potrebbe cambiare qualcosa rispetto a quanto visto la scorsa settimana. Dunque potremmo vedere: Rinaldi tra i pali, difesa a tre con Cosenza in mezzo ad Accardi e Nava; centrocampo ( da destra) con Munari, Giorno ( potrebbe essere la prima da titolare per il neo acquisto), Suljic, Chierico e Rizza. Verso la conferma, a meno di soprese legate all'ultimo minuto, il duo offensivo Cesarini-Morra.

Queste le probabili formazioni della gara che potrete seguire tramite il LIVE MATCH di TuttoC.com.

AlbinoLeffe (3-5-2): Offredi; Borghini,Marchetti, Milesi; Gusu, Giorgione, Piccoli, Doumbia, Zoma; Cocco, Manconi.  A disp. Pagno, Taramelli, Ntube, Petrungaro, Concas, J. Gelli, Miculi, Muzio, Rosso, Allieri, Frosinini, Toma. All. Biava.

Piacenza (3-5-2): Rinaldi; Accardi, Cosenza, Nava; Munari, Giorno, Suljic, Chierico, Rizza; Cesarini, Morra. A disp. Tintori, Reclaf, Plescia, Zunno, Parisi, Luppi, Vianni, Capoferri, Onisa, Masetti, Gonzi, Palazzolo, Vianni, Luppi. All. Scazzola.

 Arbitro: Cerbasi di Arezzo. Assistenti: Fumarolo di Barletta e Rinaldi di Pisa. IV ufficiale: Frigo di Portogruaro.