Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Carboni: “Tanti giovani, la qualità è migliorata. Nel Girone B livello alto”
martedì 11 giugno 2024, 20:15Altre news
di Sebastian Donzella
per Tuttoc.com

Carboni: “Tanti giovani, la qualità è migliorata. Nel Girone B livello alto”

tmwradio
Ospite: Guido Carboni A TUTTA C con Cristiano Cesarini
00:00
/
00:00

L’allenatore Guido Carboni, durante il suo intervento durante la rubrica A Tutta C, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Tmw Radio riguardo il campionato di Serie C.

Chi l’ha delusa maggiormente ai playoff?
“Mi allargherei più sull’annata, perché i playoff sono un terno al lotto. L’Avellino per esempio ha faticato a ritrovare la forma, ma bisogna dire che per chi arriva secondo ci sono troppi giorni di distanza tra le partite, la formula va rivista. Anche squadre come Benevento e Vicenza in ogni caso potevano fare qualcosa in più”.

Quali sono stati i punti di forza della Carrarese di questa stagione?
“Ha meritato di vincere contro un Vicenza che non aveva molti giocatori a disposizione. Un plauso però va a tutto allo staff, che ha composto una squadra solida in tutti i reparti. Ha una rosa forte in tutti reparti, ha fatto giocar male le avversarie. È stata nel complesso una sorpresa, ma non è la prima volta che capita negli ultimi anni. Andrebbe però rivista la formula dei playoff, per rendere il campionato più meritevole”.

Ha individuato una crescita dei giovani in Serie C?
“Di giovani ce ne sono tanti in C. Molti possono fare anche la Serie B, perché la qualità è migliorata. C’è stata poi la crescita delle U23, perché un conto è giocare in Serie C, un altro in Primavera. Ci sono società che stanno lavorando bene, anche facendo investimenti importanti. Non sono però d’accordo con il minutaggio forzato dei giovani, perché chi è forte alla fine gioca lo stesso. Quest’anno ho visto un particolare il Girone B, il livello è stato molto alto”.

La Serie C appare formativa anche per gli allenatori, basti pensare ad allenatori come Sarri.
“È un campionato competitivo, che ha a fatto uscire tanti allenatori. Io per esempio ho incrociato tante volte Gasperini, che ha fatto una grande carriera. In giro ci sono ottimi allenatori, sta migliorando anche adesso”.

Si è mai chiesto perché i migliori allenatori italiani sono toscani?
“Probabilmente abbiamo Coverciano vicino. Effettivamente anche Baroni ora è arrivato alla Lazio, se lo merita. Abbiamo fatto i corsi insieme a Coverciano e gli auguro il meglio.
Vedremo anche Spalletti come andrà agli Europei, ha carisma, personalità e sicurezza. Non abbiamo i valori di alcune squadre, ma nel calcio gli allenatori che sanno trasmettere la giusta carica possono far sentire più forti i propri giocatori”.