Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / turris / Primo piano
Turris, Menichini: "Raccolto meno di quanto avremmo meritato. Ci manca ancora uno step di crescita, preoccupati per Casarini..."
domenica 3 marzo 2024, 23:07Primo piano
di tuttoturris .com
per Tuttoturris.com

Turris, Menichini: "Raccolto meno di quanto avremmo meritato. Ci manca ancora uno step di crescita, preoccupati per Casarini..."

Il tecnico della Turris Leonardo Menichini commenta così il pareggio con il Taranto. Un risultato che lascia amaro in bocca: “Sì, un pari che lascia tanta amarezza. È stata una partita tirata, dura, contro un avversario che è da tantissimo tempo in serie positiva. Prima parlavo con Capuano e mi ha detto che avremmo meritato di vincere. Abbiamo creato delle buone opportunità, soprattutto con D’Auria nel secondo tempo, ma Vannucchi è stato molto bravo. Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare: pressing, grinta, impegno. Il rigore? Forse c’era, ma l’arbitro ha pensato diversamente. Dispiace che abbiamo perso anche qualche calciatore tra cui c’è da valutare Casarini, che per noi è un giocatore importante perché sa dare i ritmi giusti, garantisce equilibrio, ci da geometrie; anche Saccani, che oggi ha fatto bene, ad un certo punto ha chiamato il cambio per un problema all’adduttore. Insomma, abbiamo avuto un po' di problemi senza i quali forse riusciamo a portare a casa una partita in cui avremmo meritato la vittoria.

Sul momento: “C’è rammarico per aver raccolto meno di quanto avremmo meritato perché la squadra sta giocando, si sta impegnando. Dobbiamo fare ancora uno step verso l’alto, cercando di migliorare sia nelle finalizzazioni sia nell’ultimo passaggio. Però guardiamo il bicchiere mezzo pieno: fare un punto con il Taranto, squadra che è da tantissimo in serie positiva, è una squadra forte, fatta da giocatori esperti, squadra muscolare che sa adattarsi a qualsiasi tipo di gioco e di avversario, sia se c’è da giocare sia se c’è da pressare. Anzi, a volte siamo riusciti a farli girare a vuoto e questo è un nostro merito perché sapevamo che sarebbero venuti a prenderci alti con il pressing e tante volte siamo riusciti ad evitarlo”.

Sulla difficoltà in fase offensiva: “Al di la dell’occasionissima di D’Auria, per il resto abbiamo creato dei presupposti per essere pericolosi però ci vuole qualcosa di più, bisogna essere più concreti. Stasera guardo anche il bicchiere mezzo pieno, con un punto che magari quando arriviamo in fondo può essere utile. Certo, parlare di un buon punto dopo che abbiamo assaporato la vittoria lascia amarezza, però il Taranto è una squadra che se va in vantaggio, poi è difficile fargli gol. Siamo riusciti a sbloccarla con un gran gol di Contessa, poi dopo abbiamo commesso qualche errore che ci ha penalizzato ed anche loro sono stati bravi a concretizzare al meglio”.

Sugli infortuni:Casarini domani farà gli esami strumentali, però siamo un po' preoccupati. Speriamo che non sia nulla di grave perché è un giocatore che sa dare equilibrio, sa tenere palla quando è il momento, sa velocizzare quando serve, insomma è un play molto bravo che sa far girare la squadra come pochi. Pugliese? Difficile che ce la faccia per mercoledì, ma credo che riesca a farcela per lunedì prossimo con la Casertana”.