Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / turris / Primo piano
Tutto E' - Soci, stadio, fideiussione, stipendi: percorso ad ostacoli per l'iscrizione della Turris...
sabato 18 maggio 2024, 09:27Primo piano
di Vincenzo Piergallino
per Tuttoturris.com
fonte Tutto E' (Nello Giannantonio)

Tutto E' - Soci, stadio, fideiussione, stipendi: percorso ad ostacoli per l'iscrizione della Turris...

Eppur si muove. Il disimpegno assoluto annunciato da Antonio Colantonio, non essendosi tradotto nell’immediato in una cessione delle quote di maggioranza della Turris, non poteva risolversi in un lasciar precipitare così una società già in sofferenza, con tanto di procedura di ristrutturazione del debito avviata presso il tribunale di Torre Annunziata, che intanto vuole innanzitutto sapere se il piano di rientro sia sempre da intendere in una prospettiva di “continuità aziendale” o meno, anche se la nuova e prorogata scadenza concessa al club corallino supererà il termine per la domanda di ammissione al campionato (4 giugno).

E allora il presidente dimissionario, seppur sempre alla ricerca di successori al timone della Turris tra nuovi sondaggi e contatti con imprenditori con i quali aveva avuto in passato un abboccamento, più di qualche passo lo sta nel frattempo muovendo per non precludersi la possibilità del “colpo di coda”, nel caso riuscisse invece ancora a mettere insieme una serie di sostegni attorno alla sua figura, iscrivendo nuovamente lui la Turris al prossimo torneo di serie C, senza così “macchiare” dell’onta della rinuncia alla categoria professionistica la sua gestione che quella categoria la aveva conquistata nel 2020.

Ma è un percorso ad ostacoli. Già in Comune la Turris sta riscontrando le sue inevitabili difficoltà ad ottenere uno dei primi documenti da spedire in Lega, vale a dire la dichiarazione di disponibilità dell’impianto di gioco per le gare casalinghe anche per la prossima stagione sportiva di fronte alla nota morosità relativa ai canoni di gestione rivendicati dall’ente. Questo non per una volontà politica, evidentemente, quanto per eccezioni sollevate dagli uffici competenti a salvaguardare patrimonio e casse del Comune. Figuriamoci, poi, a parlare in questo momento di rinnovo della concessione-stadio propedeutica alla attività settimanale di prima squadra e settore giovanile per la prossima annata calcistica.

Anche il rinnovo della fideiussione bancaria da 350mila euro da depositare in Lega non è mai una passeggiata di salute, ma anche in questo caso sono state già avviate nuove interlocuzioni con la Banca di Credito Popolare di Torre del Greco.

Capitolo stipendi, infine. La Turris la scorsa settimana ha terminato di corrispondere ai tesserati la mensilità di marzo. Per l’iscrizione al campionato occorrerà aver saldato anche competenze e oneri previdenziali del mese di aprile. Il problema minore, forse, in questo momento.