Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Notizie
Paolillo: "Como, Venezia e Atalanta hanno proprietà che stanno investendo nei settori giovanili"TUTTO mercato WEB
© foto di Andrea Ninni/Image Sport
venerdì 14 giugno 2024, 09:00Notizie
di Davide Marchiol
per Tuttoveneziasport.it

Paolillo: "Como, Venezia e Atalanta hanno proprietà che stanno investendo nei settori giovanili"

Durante il programma "Piazza Affari", in onda su TMW Radio, è intervenuto l'ex dirigente dell'Inter Ernesto Paolillo commentando anche gli investimenti delle proprietà straniere in Italia. Tutte e tre le neopromosse infatti non sono in mano a proprietà italiane: “I grandi imprenditori stranieri investono in proporzione a quelli che possono essere i ricavi. A Roma per esempio non c’è lo stadio di proprietà, quindi le uniche grandi entrate possono essere regolate dalle plusvalenze. Un modo per fare utili sarebbe investire molto nel settore giovanile. In questo senso il futuro del calcio italiano potrebbe essere l’acquisto di una squadra di Serie C e puntare a portarla in Serie A.

Como e Venezia hanno tracciato una strada in questo senso, senza dimenticare l’Atalanta che, nonostante sia di un gruppo di imprenditori americani, mantiene la mentalità di investire per far crescere i giovani. Ci sono poi delle regole della Lega anacronistiche, c’è bisogno di rinnovare. La legge sui diritti televisivi per esempio ha fatto guadagnare alcune squadre, ma molte si accontentano esclusivamente di quella fetta, senza pensare ad altro. Ultimamente addirittura si sta scoprendo come guadagnare con il paracadute per la retrocessione, che rimane un male per il calcio italiano”.