Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / avellino / Ex biancoverdi
Gragnaniello: "Per un portiere, il fattore mentale è fondamentale. Bravo Ghidotti a reagire alle critiche. Il Girone C è quello che forma di più a livello umano"TUTTO mercato WEB
© foto di Giuseppe Scialla
giovedì 22 febbraio 2024, 14:40Ex biancoverdi
di Marco Costanza
per Tuttoavellino.it

Gragnaniello: "Per un portiere, il fattore mentale è fondamentale. Bravo Ghidotti a reagire alle critiche. Il Girone C è quello che forma di più a livello umano"

Raffaele Gragnaniello, ex portiere dell'Avellino, ha parlato a Radio Punto Nuovo in merito al momento dei lupi e del riscatto di Ghidotti, dopo le critiche post Potenza. 

Queste le sue parole: "Per un portiere la testa vale tanto, lo vale nel calcio in generale, in particolare ma per un portiere in particolare. Buon per Ghidotti che ha avuto questo tipo di reazione, dopo le critiche a Potenza, ma dietro a questa reazione ci sta anche uno staff che ti supporta, un allenatore dei portieri che ti aiuta ad andare avanti e ad archiviare anche un errore, che ci può stare".
Sulla classifica: "Situazione interessante, la Juve Stabia ha fatto e sta facendo qualcosa di importante, perchè a settembre se avessimo pronosticato una Juve Stabia prima, con 6-7 punti sulle seconde e terze a fine febbraio, magari nessuno ci avrebbe creduto. Ci sono i meriti della Juve Stabia e i demeriti delle favorite, magari Avellino e Benevento su tutte. I giochi non sono chiusi, le squadre dietro magari un tuffo all'Inferno già lo hanno fatto, e ora devono crederci. La differenza al momento la fa lo scontro diretto, perchè vincendo quello, senza quel gol al 90',  magari si stava parlando di altro. Io credo che quel pareggio al 90', l'Avellino lo ha pagato anche nelle gare successive. Ma ora è lì, a -7, e deve crederci, senza lasciare nulla di intentato".
Sul portiere: "Il calcio è sempre più veloce, la velocità della palla aumenta di anno in anno e ti lascia sempre con meno margine di errore. E' normale che l'ingresso di nuovi innesti, a gennaio, ha fatto avere una fase di adattamento, così come per Ghidotti, abituato sempre al girone del nord, possa avere tempo per abituarsi a questo girone. Il girone C è quello più stressante. Se io fossi un presidente, manderei a giocare un ragazzo nel girone C, perchè è altamente formativo. E' un girone stressante e anche nei playoff se si vede, le squadre di questi gironi arrivano sempre in difficoltà, perchè stressate dal campionato".
Sul passato di Avellino: "Ho un debito con Avellino, mi ha formato come uomo, come persona, mi sono portato dentro il gruppo, l'unione di un popolo. Se la città decideva di vincere, lo si faceva. Avellino mi ha dato più di quello che io abbia potuto ricambiare".