Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / bari / Esclusive
Mandorlini a TuttoBari: "La rosa va rinforzata. Doppio salto dalla C? Vi spiego come io ci riuscii"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 15 giugno 2022, 19:00Esclusive
di Raffaele Digirolamo
per Tuttobari.com

Mandorlini a TuttoBari: "La rosa va rinforzata. Doppio salto dalla C? Vi spiego come io ci riuscii"

Fra gli allenatori che conoscono bene il campionato di B figura senza dubbio Andrea Mandorlini, che in carriera ha centrato ben due volte la promozione in massima serie, sulle panchine di Atalanta ed Hellas Verona. Intervistato da TuttoBari.com, ha fatto il punto sulla stagione alle porte: "Dalla massima serie sono scese società importanti e altrettante ne sono salite, ovviamente sarà un torneo molto difficile. Però io ho avuto la fortuna di vincere la Serie C a Verona e poi di centrare il doppio salto (in due anni, dopo una prima stagione positiva, ndr), non abbiamo cambiato tanto perché il gruppo si era fortificato. Bisogna puntare su una base importante, fatta dai calciatori che hanno sofferto e vinto il campionato precedente. Poi ovviamente la rosa va rinforzata, anche se non voglio fare nomi di possibili acquisti: sicuramente il Bari saprà scegliere gli uomini giusti".

Mandorlini prosegue: "L'importante sarà creare il giusto mix fra giocatori esperti e giovani, il ruolo dei primi deve essere anche quello di aiutare i compagni di squadra. Ma se un calciatore è bravo, anche con meno esperienza, alla lunga viene fuori e riesce a fare la differenza".

Il tecnico torna a parlare delle qualità che servono per far bene: "Se guardiamo allo scorso campionato di Serie B, Lecce e Cremonese erano nel lotto delle cinque o sei squadre che partivano come favorite. Ma anche se potevano essere annoverate fra le squadre che potevano vincere il campionato, fino a tre domeniche dalla fine poteva accadere di tutto, perché vi erano anche altre squadre, come il Brescia, costruite per far bene. Non serve mai mollare, perché al di là dei nomi delle singole squadre, è facile prevedere che ci sarà tanto equilibrio".