Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
Chi sale e chi scende - Di Cesare in cattedra, Benedetti in crescita. Male gli attaccanti
domenica 4 dicembre 2022, 22:00In Primo Piano
di Alessio Bonavoglia
per Tuttobari.com

Chi sale e chi scende - Di Cesare in cattedra, Benedetti in crescita. Male gli attaccanti

Si allunga la striscia di pareggi consecutivi per il Bari. I biancorossi, con lo 0-0 di oggi contro il Pisa, hanno messo in fila la quinta gara finita in parità di fila. Nonostante la vittoria manchi da sette partite ormai, la classifica della squadra di Mignani è tutt’altro che negativa: terzo posto con 23 punti, al pari di Parma, Genoa e Brescia. Oggi, al San Nicola, i galletti sono riusciti a rendersi pericolosi solo nel finale, dove è mancata cattiveria e un pizzico di fortuna per portare a casa i tre punti.

Vediamo, di seguito, chi si è distinto in positivo nella gara di questo pomeriggio e chi, invece, ha fornito una prestazione sottotono rispetto al solito:

CHI SALE – Dopo aver saltato l’ultima gara (la trasferta contro il Como), capitan Valerio Di Cesare si è ripreso il posto da titolare al centro della difesa e ha fornito una prova autorevole, di grande personalità, come ormai ci ha abituati in questa prima parte di stagione. In fase difensiva si è distinto anche Raffaele Maiello, protagonista di una gara da vero e proprio ruba-palloni. La sua abilità di schermare la linea difensiva ha reso difficile la vita ai calciatori in maglia nerazzurra. Positiva anche la gara di Leonardo Benedetti: l’ex Samp, entrato nella ripresa, ha dato vitalità alla manovra offensiva. Solo la traversa gli ha negato la prima gioia con la maglia biancorossa.

CHI SCENDE – Delude ancora Folorunsho, autore di una prova opaca come quella fornita al Sinigaglia la settimana scorsa. Il centrocampista ex Reggina è stato uno dei migliori di questa prima parte di stagione, ma ultimamente stanno mancando molto la sua fisicità e la sua esplosività, armi fondamentali per la linea metodista dei galletti. Male anche i due attaccanti, Scheidler e Antenucci. Il francese è ancora molto lontano dall’idea di giocatore decisivo che i tifosi si erano fatti di lui in estate, anche in relazione ai milioni spesi sul mercato per assicurarsi le sue prestazioni. Ad Antenucci, invece, non si è reso mai pericoloso in area avversaria.