Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / cagliari / Ex rossoblù
Bellini: "I miei gol più importanti? Quello all'Udinese che ci riportò in A e quello alla Juve al Sant'Elia"TUTTO mercato WEB
© foto di Luca Di Leonardo
martedì 5 dicembre 2023, 16:45Ex rossoblù
di Paola Pascalis
per Tuttocagliari.net

Bellini: "I miei gol più importanti? Quello all'Udinese che ci riportò in A e quello alla Juve al Sant'Elia"

Pino Bellini ha giocato con la maglia del Cagliari dal 1976 al 1982, diventando subito fra i titolari del centrocampo dei rossoblù in Serie B. Dopo una parentesi di un anno alla Fiorentina, tornò in rossoblù nella stagione 1983/84 e rimase per tre stagioni in Serie B, per poi essere ceduto all'Arezzo nel campionato 1986/87 e tornare ancora un anno in Sardegna la stagione successiva. L'ex centrocampista è intervenuto ai microfoni di Radiolina, ricordando la sua carriera in rossoblù. Di seguito quanto sintetizzato da TuttoCagliari: "Siamo venuti tutti dall'Almas Roma, io, Quagliozzi, ecc...Il prossimo anno sono 50 anni che sono a Cagliari. Sono arrivato quando avevo 17 anni da Roma e non sono più andato via.

Avevo un rapporto bellissimo con tutti i compagni, era un periodo bellissimo, con i miei compagni ci si riuniva a cena insieme in qualche ristorante almeno 3 volte alla settimana, poi quando si sta insieme, l'amicizia si consolida ancora di più - ha proseguito l'ex centrocampista - Sono ancora in contatto con Roccotelli, con Gattelli, Quagliozzi e con Tomasini. Ci vediamo settimanalmente, ci sentiamo sempre, la passione non è ancora andata via. La partita con la Juventus del 30 marzo 1980? Forse molta gente non ha visto il mio gol, anche perché era solita andare via dal Sant'Elia qualche minuto prima della fine, per evitare il traffico. Io segnai all’89', ho anticipato Cabrini e mi sono ritrovato di fronte a Dino Zoff e non fu difficile fare gol. Fu il mio gol più importante, insieme a quello segnato all'Udinese per andare in Serie A".