HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Roma, Totti lascia dopo 30 anni. Quale futuro ora per il Pupone?
  Reintegro nella Roma il prima possibile, non può esserci altra soluzione
  Direttore tecnico in un altro top club, che non sia la Lazio
  Carriera in federazione, sull'esempio di Riva e altri simboli azzurri
  Dirigente di alto profilo in Nazionale, la sua esperienza può far comodo a Mancini
  Un nuovo incarico all'estero, magari alla UEFA o alla FIFA

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.05.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38465 volte

Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale di FA Cup, tra il Watford italiano dei Pozzo e il Manchester City di Re Paperone. Ho visto quello che, forse, in Italia vedremo tra 20 anni o, più probabile, non vedremo mai. Steward ad ogni angolo a dare delle informazioni precise e utili. Per entrare ed uscire da Wembley ci impieghi 10 minuti, nonostante il tutto esaurito e nonostante i lavori intorno allo stadio; stanno costruendo nuovi palazzi. Non c'è la puzza dei paninari abusivi, non ti vendono magliette a 5 euro pezzotte e quando entri nello stadio è uno spettacolo per organizzazione, scenografia, impianto audio e qualità del gioco. Avevo Guardiola a 20 metri. Lo guardavo e pensavo: ma questo qui perché mai dovrebbe solo pensare di venire in Italia? Siamo il Paese che abolisce nella seconda divisione 3 squadre dal campionato, il giorno prima della partenza, e manda in serie C una squadra che lotta per la promozione due giorni dopo la fine della stagione regolare. Aboliti i play out dalla sera alla mattina. Ne parleremo più avanti. Sul campo ha stravinto il City 6-0 ma il risultato inganna. Sullo 0-0 per mezz'ora è stata partita vera e se Pereyra, ex Udinese e Juventus con possibile futuro al Torino, non si mangia il gol solo davanti alla porta forse avremmo visto un'altra gara. Il Watford parla italiano. Una squadra presa dai Pozzo in serie B inglese e portata alla fine di FA Cup davanti agli occhi del Principe William. I tifosi del Watford erano quanti quelli del City. Hanno perso, pure pesante, ma è stata una grande festa. Tifosi e giornalisti parlano dei Pozzo in Italia come la loro salvezza; la svolta. In Italia, i giornali locali, gli fanno le vignette con la loro testa nella pattumiera. Qualcuno si chiede come mai gli viene voglia a Gino Pozzo di fare la Premier. Guardiola era sereno, vince e gode. L'ipotesi Juventus sembra lontana. Sarebbe, però, l'unica vera e valida soluzione al post Allegri; se l'obiettivo è realmente svoltare in Europa.
La Juventus sapeva da un pezzo di voler dare il benservito ad Allegri. Allegri l'ha saputo un attimo dopo. Paratici ha incontrato Simone Inzaghi. La sera di Ajax-Tottenham. A cena a Piacenza, era l'8 maggio. Ci sono intese sul piano di lavoro e sul progetto tecnico. Il problema, come ha confidato Simone ad alcuni intimi, è Lotito che probabilmente la tirerà lunga per liberarlo e la Juventus non può aspettare ancora a lungo. C'è il piano Sarri e ci potrebbe essere una sorpresa che, per ora, resta nella testa di Paratici. Insomma, grandi nomi non ci sono. Il rischio di sbagliare è elevato e ad Allegri va detto solo grazie. Condividiamo che era giunto il tempo dell'addio. Di più era difficile fare e infatti non si è fatto. La Juve, però, avrebbe dovuto lavorare prima e meglio sulle alternative che oggi risultano come un piano B, se non addirittura C. Inzaghi è un ragazzo bravo e preparato ma grande esperienza con i top player non ne ha. Un rischio. Calcolato, evidentemente, ma pur sempre un rischio.
Passiamo alla settimana tormentata in serie B. Come saprete, da anni, non siamo mai stati teneri con il Palermo. Zamparini è la rovina del Palermo, i palermitani meritano un altro Presidente, Foschi è un grande e con il suo intervento pieno di amore a Sportitalia ci ha anche commosso (ad averne gente così, con passione e non mercenaria). Sarebbe stato meglio fallire e ripartire dalla D. Però quello che hanno fatto al Palermo è grave e preoccupante. Perchè non puoi decidere a tavolino una retrocessione in serie C due giorni dopo la fine del campionato e non puoi negare i play off ad una squadra che li aveva meritati sul campo. Un campionato falsato che andava fermato prima. Se il Palermo ha commesso dei reati andava fermato ad inizio anno oppure tre anni fa. Il Palermo doveva pagare ma non così con una ingiustizia ad orologeria che fa paura. Parlo e scrivo anche contro i miei interessi. Il Palermo in B lo vedi sul computer su Dazn, in serie C lo vedi su Sportitalia. Palermo, Bari, Avellino, Catania (forse), Foggia sono grande piazze per la tv ma noi parliamo sempre per amore della verità. Quella che è stata fatta ai siciliani è una vigliaccata che non meritava di esistere e ancora più allucinante la cancellazione dei play out. Non esiste. Nella serie C bulgara queste cose non accadono. Poi, come sempre, due pesi e due misure: per i play off va bene scalare la classifica. Per i play out li aboliamo direttamente che facciamo prima. Il Perugia, per la figura che ha fatto, forse di doveva augurare di terminare il campionato 90 minuti prima nella regular season.
Infine abbiamo, finalmente, le date del calciomercato. Gabriele Gravina si è confermato un Presidente federale lungimirante e ha abolito la buffonata della chiusura anticipata. Come il resto d'Europa e avanti fino al 2 settembre. E' un lunedì ed è giusto che chiuda alla fine del mese di agosto il mercato. Così come a gennaio. Ci divertiremo nel mercato più pazzo di sempre. Da cambi in panchina a rivoluzioni di squadre. Ancelotti deve rifare il Napoli. Milan, Juve, Inter e Roma cambieranno allenatore e di conseguenza si scateneranno sul mercato. L'Inter ha risolto i suoi problemi con la Uefa e adesso Mister Zhang non avrà più scuse. Infine una considerazione su Totti: dopo quello che hanno fatto a De Rossi, contro la sua volontà, dovrebbe solo fare una cosa per essere coerente con la sua immagine: dimettersi e lasciare a Pallotta il compito di continuare ad affondare questa società.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Paratici fa le cose in grande. Ecco il viaggio di Sarri in Grecia... De Zerbi il prossimo Allegri/Giampaolo. Di Biagio, un fallimento annunciato. Ferrero-Vialli: un flop americano che disturba la Samp 24.06 - Fotografia di Fenomeno. Da calciatore nulla di trascendentale. Qualche giro per Novara, Lecco, Palermo, Savoia e Giugliano. Tanti (scarsi) come lui. Paratici? Chi? Poi sposta le scarpette con i chiodini nell'armadietto e con la valigia inizia fare giochi di prestigio. FP71. Il 71...

Editoriale DI: Marco Conterio

Tutto su De Ligt, Pogba, Benatia, Rabiot: Paratici e Juventus scatenati. L'Under 21 vittima dei suoi errori e la lezione di Di Biagio a Zaniolo e Kean 23.06 - Se non puoi batterli, acquistali. O almeno se non ci sei riuscito una volta, due, nelle terribili notti d'Olanda. La Juventus vittima del gioco ammaliante e abbagliante di Erik ten Hag e del suo giovane, imberbe ma muscoloso e decisivo capitano Matthijs de Ligt. Forte, fortissimo....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, colpo Sensi, anche Barella e Dzeko in arrivo, passi avanti per Lazaro. James Rodriguez vuole solo il Napoli, si lavora agli accordi con il Real Madrid. Per Manolas ore caldissime, Diawara la chiave per sbloccare la situazione 22.06 - Il mercato è ormai entrato nel vivo. Tutte le big sono molto attive. Comincio dall’Inter che ha preso Sensi. Un’operazione praticamente chiusa nel pomeriggio di ieri. Un prestito oneroso a 5 milioni di euro con diritto di riscatto a 22. Nell’affare al Sassuolo anche il giovane Vergani...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Rabiot il regalo per Sarri. Pogba, il Manchester non molla. Dybala e Douglas ok, ma la Juve non giocherà come il Napoli. Milan: asse col Real, ottimismo per Ceballos. Adl, dopo James il piano per Manolas. Lazzari no Viola, è della Lazio 21.06 - Sarà Rabiot il primo regalo per Maurizio Sarri. Ieri Paratici non l’ha detto espressamente, ma interpretando le sue parole, il lungo corteggiamento dovrebbe aver fatto effetto e la mamma-agente ha detto sì all’offerta bianconera. E’ una storia che parte da lontano, la Juve è sempre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan missione a Madrid, Juve e Napoli è già iniziata soprattutto sul mercato a suon di trattative. Roma su Bartra, su Lazzari esce allo scoperto la Fiorentina... 20.06 - Comincia l'avventura di Giampaolo in casa Milan (due anni di contratto più l'opzione per il terzo) e contestualmente Maldini e Boban, anche loro freschi di ufficialità, faranno il loro primo viaggio alla casa blanca. Un incontro, il primo, per conoscersi "ufficialmente" con il Real...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Sarri-Juventus-Guardiola: chi se ne frega delle guerre tra giornalisti. La questione importante è un’altra: rimangono tre misteri molto strani, tre domande che necessitano una risposta 19.06 - Stanno scorrendo fiumi di inchiostro che sigillano quello che è stato un esaltante e allo stesso tempo aberrante mese di calciomercato su Maurizio Sarri alla Juventus, con le relative grigliate del fumo prodotto su Guardiola. Nella guerra della primogenitura della notizia eviterò...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri: un obiettivo, un sacrificio e un pizzico di Pep. Inter: la telefonata di Conte. Milan: Giampaolo è giusto se... Roma: Totti e il destino delle bandiere 18.06 - Eccoci qua tutti belli freschi dopo il Sarri day. Anzi, il Sarri-Annuncio, perché il Sarri day vero e proprio è in programma giovedì. Leopardi, antico poeta molto gobbo e sofferente, parlerebbe oggi di "quiete dopo la tempesta", ma non siam qui a fare letteratura spicciola e neppure...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, finalmente Sarri: un progetto nuovo e affascinante. Totti, hai fatto la scelta giusta. Napoli, con Manolas e James inizieresti a ragionare da grande. Milan, benvenuto Giampaolo ma quanti rischi 17.06 - Finalmente è finita una telenovela lunga un mese; giorno più giorno meno. La Juventus ha avuto sempre le idee chiare, forse poteva fare chiarezza pubblica un pò prima, avrebbe potuto spegnere le voci (false) che rimbombavano sul web ma, giustamente, il club più quotato in Italia avrà...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

I colpi di Perez spiegano la decisione di Zidane (che era la prima scelta di Agnelli). L'allenatore della Juve e una triste battaglia. Calcio europeo da riformare: serve un compromesso 16.06 - Ci sarà tempo e modo di parlare della Juventus, del nuovo allenatore e di un racconto che meriterebbe studi sociologici approfonditi e non di un banale editoriale. Ma prima c'è da raccontare chi ha già operato, anche perché spiega con i fatti la decisione dell'allenatore che, lo scorso...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, riflettori puntati su Sensi e Veretout, in difesa Andersen e Lovren da monitorare, per la fascia sinistra c’è Mario Rui. Suso in partenza. Il Napoli pensa a Fares, per l’attacco uno tra James Rodriguez e Lozano 15.06 - Comincia a muoversi il mercato del Milan. Con l’arrivo di Giampaolo in panchina, di Massara come ds, di Boban in società e con il primo acquisto Krunic, il club rossonero ha sistemato già tanti tasselli. Ora deve costruire in maniera completa la squadra. Gli obiettivi più concreti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510