HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.05.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 38816 volte

Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale di FA Cup, tra il Watford italiano dei Pozzo e il Manchester City di Re Paperone. Ho visto quello che, forse, in Italia vedremo tra 20 anni o, più probabile, non vedremo mai. Steward ad ogni angolo a dare delle informazioni precise e utili. Per entrare ed uscire da Wembley ci impieghi 10 minuti, nonostante il tutto esaurito e nonostante i lavori intorno allo stadio; stanno costruendo nuovi palazzi. Non c'è la puzza dei paninari abusivi, non ti vendono magliette a 5 euro pezzotte e quando entri nello stadio è uno spettacolo per organizzazione, scenografia, impianto audio e qualità del gioco. Avevo Guardiola a 20 metri. Lo guardavo e pensavo: ma questo qui perché mai dovrebbe solo pensare di venire in Italia? Siamo il Paese che abolisce nella seconda divisione 3 squadre dal campionato, il giorno prima della partenza, e manda in serie C una squadra che lotta per la promozione due giorni dopo la fine della stagione regolare. Aboliti i play out dalla sera alla mattina. Ne parleremo più avanti. Sul campo ha stravinto il City 6-0 ma il risultato inganna. Sullo 0-0 per mezz'ora è stata partita vera e se Pereyra, ex Udinese e Juventus con possibile futuro al Torino, non si mangia il gol solo davanti alla porta forse avremmo visto un'altra gara. Il Watford parla italiano. Una squadra presa dai Pozzo in serie B inglese e portata alla fine di FA Cup davanti agli occhi del Principe William. I tifosi del Watford erano quanti quelli del City. Hanno perso, pure pesante, ma è stata una grande festa. Tifosi e giornalisti parlano dei Pozzo in Italia come la loro salvezza; la svolta. In Italia, i giornali locali, gli fanno le vignette con la loro testa nella pattumiera. Qualcuno si chiede come mai gli viene voglia a Gino Pozzo di fare la Premier. Guardiola era sereno, vince e gode. L'ipotesi Juventus sembra lontana. Sarebbe, però, l'unica vera e valida soluzione al post Allegri; se l'obiettivo è realmente svoltare in Europa.
La Juventus sapeva da un pezzo di voler dare il benservito ad Allegri. Allegri l'ha saputo un attimo dopo. Paratici ha incontrato Simone Inzaghi. La sera di Ajax-Tottenham. A cena a Piacenza, era l'8 maggio. Ci sono intese sul piano di lavoro e sul progetto tecnico. Il problema, come ha confidato Simone ad alcuni intimi, è Lotito che probabilmente la tirerà lunga per liberarlo e la Juventus non può aspettare ancora a lungo. C'è il piano Sarri e ci potrebbe essere una sorpresa che, per ora, resta nella testa di Paratici. Insomma, grandi nomi non ci sono. Il rischio di sbagliare è elevato e ad Allegri va detto solo grazie. Condividiamo che era giunto il tempo dell'addio. Di più era difficile fare e infatti non si è fatto. La Juve, però, avrebbe dovuto lavorare prima e meglio sulle alternative che oggi risultano come un piano B, se non addirittura C. Inzaghi è un ragazzo bravo e preparato ma grande esperienza con i top player non ne ha. Un rischio. Calcolato, evidentemente, ma pur sempre un rischio.
Passiamo alla settimana tormentata in serie B. Come saprete, da anni, non siamo mai stati teneri con il Palermo. Zamparini è la rovina del Palermo, i palermitani meritano un altro Presidente, Foschi è un grande e con il suo intervento pieno di amore a Sportitalia ci ha anche commosso (ad averne gente così, con passione e non mercenaria). Sarebbe stato meglio fallire e ripartire dalla D. Però quello che hanno fatto al Palermo è grave e preoccupante. Perchè non puoi decidere a tavolino una retrocessione in serie C due giorni dopo la fine del campionato e non puoi negare i play off ad una squadra che li aveva meritati sul campo. Un campionato falsato che andava fermato prima. Se il Palermo ha commesso dei reati andava fermato ad inizio anno oppure tre anni fa. Il Palermo doveva pagare ma non così con una ingiustizia ad orologeria che fa paura. Parlo e scrivo anche contro i miei interessi. Il Palermo in B lo vedi sul computer su Dazn, in serie C lo vedi su Sportitalia. Palermo, Bari, Avellino, Catania (forse), Foggia sono grande piazze per la tv ma noi parliamo sempre per amore della verità. Quella che è stata fatta ai siciliani è una vigliaccata che non meritava di esistere e ancora più allucinante la cancellazione dei play out. Non esiste. Nella serie C bulgara queste cose non accadono. Poi, come sempre, due pesi e due misure: per i play off va bene scalare la classifica. Per i play out li aboliamo direttamente che facciamo prima. Il Perugia, per la figura che ha fatto, forse di doveva augurare di terminare il campionato 90 minuti prima nella regular season.
Infine abbiamo, finalmente, le date del calciomercato. Gabriele Gravina si è confermato un Presidente federale lungimirante e ha abolito la buffonata della chiusura anticipata. Come il resto d'Europa e avanti fino al 2 settembre. E' un lunedì ed è giusto che chiuda alla fine del mese di agosto il mercato. Così come a gennaio. Ci divertiremo nel mercato più pazzo di sempre. Da cambi in panchina a rivoluzioni di squadre. Ancelotti deve rifare il Napoli. Milan, Juve, Inter e Roma cambieranno allenatore e di conseguenza si scateneranno sul mercato. L'Inter ha risolto i suoi problemi con la Uefa e adesso Mister Zhang non avrà più scuse. Infine una considerazione su Totti: dopo quello che hanno fatto a De Rossi, contro la sua volontà, dovrebbe solo fare una cosa per essere coerente con la sua immagine: dimettersi e lasciare a Pallotta il compito di continuare ad affondare questa società.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510