Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / esports / News
Il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, definisce la risposta dell'azienda alla causa "sorda"
mercoledì 28 luglio 2021 09:11News
di Matteo Ghiloni
per Esportsweb.it
fonte dotesports.com

Il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, definisce la risposta dell'azienda alla causa "sorda"

Il CEO di Activision Blizzard è intervenuto nella questione molestie rilasciando un'email a tutti dipendenti dell'organizzazione.

In risposta al presunto maltrattamento delle dipendenti donne e al contraccolpo che ne è seguito, il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotick, ha inviato un'e-mail a tutta l'azienda in cui ha affermato che la risposta dell'azienda alla causa del California Department of Fair Employment and Housing è stata "sorda". All'interno dell'e-mail, Kotick si è anche scusato per non aver fornito "la giusta empatia e comprensione". Inizialmente, le risposte interne ed esterne dell'azienda alla causa erano incentrate sulla negazione delle affermazioni, affermando che erano "false e distorte".

Di conseguenza, 1.000 dipendenti attuali ed ex di Activision Blizzard hanno firmato una lettera in cui denunciava l'azienda e il modo in cui ha gestito la situazione. Secondo quanto riferito, i dipendenti dovrebbero uscire e scioperare mercoledì 28 luglio fuori dal quartier generale di Blizzard a Irvine, in California. Kotick ha affermato di aver chiesto allo studio legale WilmerHale di "condurre una revisione delle [sue] politiche e procedure per garantire che [disponga] e mantenga le migliori pratiche per promuovere un ambiente di lavoro rispettoso e inclusivo". Questo team sarà guidato da Stephanie Avakian, un membro del team di gestione dell'azienda e che è stato recentemente direttore della divisione di applicazione della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti. La società intraprenderà anche le seguenti azioni, secondo l'e-mail di Kotick:

Assistenza ai dipendenti: Activision Blizzard continuerà a indagare su ogni singolo reclamo e non esiterà a intraprendere azioni decisive. Per rafforzare le capacità dell'azienda in questo settore, sta aggiungendo ulteriore personale senior e altre risorse sia al team di conformità che al team di relazioni con i dipendenti. Sessioni di ascolto: Activision Blizzard creerà spazi sicuri, moderati da terze parti, in cui i dipendenti potranno parlare e condividere aree di miglioramento. Modifiche del personale: Activision Blizzard sta valutando immediatamente manager e leader in tutta l'azienda. Chiunque venga scoperto ad aver ostacolato l'integrità dei suoi processi per la valutazione dei reclami e l'imposizione di conseguenze appropriate sarà terminato. Pratiche di assunzione: all'inizio di quest'anno, Kotick ha inviato un'e-mail chiedendo a tutti i responsabili delle assunzioni di assicurarsi di avere liste di candidati diverse per tutte le posizioni aperte.

Activision Blizzard aggiungerà risorse di conformità per garantire che i suoi responsabili delle assunzioni aderiscano a questa direttiva. Modifiche al gioco: Activision Blizzard ha ascoltato l'input delle comunità di dipendenti e giocatori che alcuni contenuti di gioco sono inappropriati e stanno rimuovendo tali contenuti. La scorsa settimana, il Dipartimento per l'occupazione e l'alloggio equo della California ha intentato una causa contro Activision Blizzard, sostenendo che l'azienda promuove un'atmosfera di lavoro "frat boy" in cui le dipendenti donne vengono derise, molestate sessualmente e soggette a una retribuzione ineguale. La causa ha seguito un'indagine di due anni nella società.

© foto di Pixabay
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000