Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / fiorentina / News
ITALIANO-RINNOVO, Cosa manca ancora per l'intesaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 17 giugno 2022, 11:13News
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

ITALIANO-RINNOVO, Cosa manca ancora per l'intesa

Come sottolinea stamani il Corriere dello Sport - Stadio, Firenze freme in attesa dell’annuncio ufficiale del rinnovo di Vincenzo Italiano. Il comunicato sul rinnovo di contratto ritarda, ma il ragionamento si sviluppa su due direttrici: quella economica e quella progettuale. Sulla prima non c’è ancora intesa, sulla seconda è totale anche se le cose da fare. Società e tecnico - scrive il quotidiano - sono in sintonia su ruoli, nomi e profili: Italiano suggerisce, Barone, Pradè e Burdisso accolgono e indicano quello che si può fare e quello non si può fare.

L'accordo manca sotto il profilo economico e le parti lo stanno cercando attraverso un confronto privo di ansia: la Fiorentina vuole Italiano e sa che Italiano non cerca un’altra squadra, Italiano vuole la Fiorentina e sa che la Fiorentina non cerca un altro allenatore. Partendo da un contratto che tiene il tecnico siciliano a Firenze fino a giugno 2023, con opzione a favore del club di portarlo a giugno 2024, il punto d’arrivo è il 2025. Italiano ha dimostrato il proprio valore riportando la Fiorentina in Europa e chiede un riconoscimento economico: da un milione (meno) di adesso a 1,5 per poi salire a due può essere una buona chiave di lettura, oltre si entra in un campo minato. Una gratificazione sostanziosa da estendere poi anche allo staff che ha un rapporto con il club che percorre altre strade rispetto a quelle dell’allenatore.

La Fiorentina comprende la richiesta, ma ha rilanciato con una proposta di aggiungere bonus variabili per entità economica al raggiungimento dell’obiettivo nella stagione 2022-23: un piazzamento da Champions League vale tot, quello da Europa League vale a sua volta tot, la conquista della Coppa Italia e della Conference League avrebbero un loro premio. Di questo stanno discutendo. Non c’è una scadenza, forse nemmeno il ritiro di Moena: ma prima si risolve e meglio è.