Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Notizie di FV
UNA CABINA (DI REGIA) PER DUETUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini
venerdì 7 ottobre 2022, 20:00Notizie di FV
di Vieri Donatini
per Firenzeviola.it

UNA CABINA (DI REGIA) PER DUE

La vittoria di ieri sera a Edimburgo ha regalato alla Fiorentina una bella boccata d’ossigeno e, oltre a far sperare di aver trovato quella tanto cercata continuità, ha permesso di vedere al futuro del girone con tutt’altra serenità. Oltre al ritorno al gol di Luka Jovic e ad una squadra molto più propositiva, la sfida di ieri sera ci ha regalato un’altra importante indicazione. 

Nelle ultime due vittorie stagionali, c’è stata infatti una costante: un centrocampo formato da due registi, Amrabat e Mandragora, e una mezzala più offensiva, come Barak contro l’Hellas e Bonaventura contro gli Hearts. Quella che infatti poteva sembrare un’opzione temporanea, dati i due risultati positivi, potrebbe diventare qualcosa di più. Nelle partite in cui i viola sono scesi in campo con questa modifica, i gol segnati sono ben 5 mentre 0 sono quelli subiti: dati molto positivi se si pensa al complicato avvio stagionale che la Fiorentina sta vivendo. 

La possibilità di giocare con un doppio play ha dato l’opportunità alla squadra di Italiano di essere meno prevedibile e di avere più fonti di gioco. Il neo arrivato Mandragora, oltre a discrete qualità d’impostazione (caratteristica per la quale era arrivato a Firenze come sostituto di Torreira), ha mostrato buonissime doti d’inserimento, specialità che la rosa viola ha dimostrato fin qui di necessitare. La serata di Edimburgo, nella quale proprio l’ex Torino è stato fra i migliori in campo, ha inoltre mostrato come l’idea di un doppio regista possa portare la squadra a giocare un calcio più verticale, che possa quindi aiutare anche il reparto offensivo nella ricerca del gol. 

Insomma, se quella contro il Verona poteva sembrare solo un’idea temporanea, la conferma dell’esperimento tattico in una partita decisiva come quella di Edimburgo, ha mostrato che la variante del doppio regista può essere la soluzione al difficile inizio di stagione di Biraghi e compagni.