Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Notizie di FV
UNA "SPORCA" VITTORIA (CHE VALE TANTO)TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2023
domenica 19 marzo 2023, 20:00Notizie di FV
di Luciana Magistrato
per Firenzeviola.it

UNA "SPORCA" VITTORIA (CHE VALE TANTO)

Qualcuno può storcere la bocca di fronte ad una partita vinta solo per un autogol e in cui la Fiorentina non ha certo brillato. Riccardo Saponara, giocatore intelligente anche davanti ai microfoni, l'ha definita una "partita sporca" sottolineando che quando le gambe, dopo tanti impegni e trasferte che non ti lasciano tempo di recuperare e allenarti al meglio, non sono quelle brillanti delle scorse gare, quello che serve è vincere anche così. Fa parte infatti di un percorso di crescita della squadra che spesso non è riuscita a controllare e gestire partite - soprattutto con avversarie di valore inferiore - in cui non c'era lucidità sotto porta.

E oltre alla fatica forse non c'era neanche la forza mentale, per non dire la testa, forse ad una sosta tanto anelata o agli impegni delle Nazionali; la febbre ha fatto il resto (Jovic e Castrovilli). Oggi, è inutile nasconderlo, la Fiorentina insomma non ha neanche creato tanto ma è bastato quel cross velenoso sottoporta per mettere in difficoltà e far sbagliare l'avversario, quel Gallo che anche la società viola ha attenzionato. Insomma non si può storcere troppo la bocca perché la Fiorentina ha messo in fila sette vittorie tra tutte le competizioni (dopo 20 anni) e quattro in campionato, per la prima volta nell'era Commisso e non sono numeri da poco.