Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / frosinone / News
SALA STAMPA - Palladino: "Il Frosinone aveva più motivazioni. I tifosi mi hanno emozionato, ora parleremo del futuro"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom
domenica 19 maggio 2024, 17:47News
di Gabriele Rocchi
per Tuttofrosinone.com

SALA STAMPA - Palladino: "Il Frosinone aveva più motivazioni. I tifosi mi hanno emozionato, ora parleremo del futuro"

Al termine di Monza-Frosinone ha parlato il tecnico dei brianzoli Raffaele Palladino nella sala stampa dell'U-Power Stadium. Di seguito riportiamo le sue parole.

Il significato dell'immagine finale: lei un passo indietro rispetto alla squadra, poi la convocazione e il saluto sotto la curva.
E' stato emozionante perchè non sono uno che vuole essere celebrato. Do sempre spazio ai ragazzi, siamo andati tutti insieme a salutare il pubblico che, anche oggi, ci ha aiutato ed è stato eccezionale. Li ringraziamo, era giusto e doveroso andare sotto la curva. Poi mi hanno richiamato, mi ha fatto emozionare questa cosa. Sono felice, li ho abbracciati perchè mi hanno sostenuto dal primo giorno.

C'è qualcosa che ti rimane e con cui vorresti definire i tuoi anni al Monza? E sulla partita, cosa si sarebbe potuto fare di più?
Un aggettivo? Emozionante. Lo è stato tutto dall'inizio alla fine. Ho dato il meglio insieme allo staff, sono stati due anni meravigliosi. Sono i miei primi anni in Serie A, ringrazio la società per avermi dato la possibilità, così come i ragazzi che hanno dato sempre tutto. Loro anche oggi hanno cercato di dare il massimo, li sto "spremendo" dal 7 luglio. Oggi ho visto che erano stanchi, hanno cercato di mettercela tutta però siamo arrivati meno lucidi in fase offensiva. Ci è mancato questo, però la squadra comunque ha messo tutto l'impegno possibile. Non è stata la nostra miglior prestazione.

Vista la condizione precaria messa in mostra oggi, forse anche oggi sul futuro societario e sul futuro del tecnico hanno inciso? Su cosa bisogna puntare, in settimana, per andare a Torino nelle migliori condizioni?
Intanto credo che il calcio è fatto di motivazioni. Il Frosinone sicuramente ne aveva di più, anche sulle seconde palle e sui duelli. Si sono difesi bene, bassi, mentre noi eravamo lenti nella manovra. Siamo stati poco lucidi nel giocare bene tecnicamente, quell'aspetto ha inciso molto. Per quanto riguarda tutto il resto, bisogna stimolare il gruppo fino alla fine. Credo che la partita di oggi sia stata meno bella sotto il profilo del temperamente, non riuscivamo a dare quel qualcosa in più. Contro la Juve vogliamo chiudere bene e fare bella figura per dare un'altra soddisfazione ai nostri tifosi.

Un bel gesto: Pessina ha voluto fare il giro lungo del campo per salutare tutti i tifosi prima di andare sotto la curva. Possiamo giudicarlo l'uomo copertina di questa Serie A? Merita un posto in nazionale?
Ho riunito tutti perchè non sono solo i calciatori che lavorano per il Monza, ma anche tutti quelli che sono dietro le quinte che sono ugualmente importanti. Ci tenevo che tutti prendessero l'applauso del pubblico. Matteo è sicuramente il simbolo della squadra, è il capitano, ma anche tanti altri lo sono e vorrei citarli tutti. I ragazzi si vogliono bene, il Monza ha una grande ossatura ed è la fortuna di questa squadra. Vorrei che l'anno prossimo, con o senza di me, si possa fare un grande campionato. Sulle convocazioni, non posso giudicare il lavoro del CT. E' bravissimo, ci auguriamo che Pessina possa portare comunque una mano alla nazionale.

La gara di Sorrentino? Sono contento, è giovane e sta lavorando bene. Non deve mai scendere nell'intensità degli allenamenti, deve migliorarsi quotidianamente ma è un ottimo profilo.

Su quali giovani può puntare il Monza nella prossima stagione? Servono ragazzi o campioni già affermati per fare meglio? Non devo essere io a dirlo, ma la società. A questa squadra andranno via tanti giocatori in prestito, devono arrivarne altri e rientrare alcuni dei nostri che erano fuori. Bisogna capire che campionato vuole fare il Monza, ma di giovani importanti ce ne sono nel nostro settore giovanile.

Al Monza è mancata la costruzione dal basso, coinvolgendo meno il portiere? Oggi non c'era bisogno di coinvolgere il portiere, il Frosinone rimaneva basso e non era un uno contro uno. Noi utilizziamo il portiere quando vengono forti in avanti, loro invece lasciavano i cinque dietro. C'era da andare a giocare nell'altra metà campo, quindi Sorrentino ha fatto il suo. Per quanto riguarda i tifosi, ripeto, mi sono emozionato anche se non è mia abitudine farlo. 

Silvio Berlusconi è l'uomo che è mancato in questa stagione? Si, mi sono venuti i brividi anche ora. Il presidente ci è mancato tantissimo, così come ci è mancato il suo appoggio. Galliani non ha mai fatto mancare niente, il suo sostegno è stato fondamentale. Non è un alibi la sua assenza, non siamo mai stati in bilico per la retrocessione e bisogna esserne orgogliosi, ma Silvio manca a tutto l'ambiente e mancherà sempre.

Quando prenderai la decisione definitiva sul tuo futuro? Quanto contano le ambizioni della società? Chiunque deve prendere una decisione deve prima parlare con l'interlocutore. Fino ad oggi non ho ancora parlato con nessuno, ci siamo dati appuntamento a fine campionato perchè avevo chiesto di essere concentrato sulla squadra. Adesso parlerò con loro e, in maniera leale e sincera, capiremo cosa fare. Amo questa società e sono stato amato, voglio il bene della squadra.