Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / genoa / Copertina
Blessin: "Rapporto coi giocatori più forte di prima. Domani gara da vincere"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 3 dicembre 2022, 18:42Copertina
di Franco Avanzini
per Genoanews1893.it

Blessin: "Rapporto coi giocatori più forte di prima. Domani gara da vincere"

Una gara da vincere. Non ci sono molte alternative per il Genoa contro il Cittadella. In conferenza stampa ha parlato il tecnico tedesco dei liguri Alexsander Blessin che ovviamente torna sulla settimana appena trascorsa che l'ha visto riconfermato dalla dirigenza rossoblu. Ma il punto iniziale del tecnico riguarda quel termine (dilettanti) usato: "Il problema la settimana scorsa è stato che ho riportato un termine italiano male interpretato dai giornali. E' stato un errore mio. Non sono un allenatore che critica i suoi ragazzi. Non accetto che si sia rotto il rapporto coi giocatori. Noi in Germania usiamo spesso questo termine. Non significano che sono dei dilettanti però. Io mi sforzo per parlare in italiano, poi è chiaro che se le cose che dico vengono riportate in altro modo devo parlare tedesco. Mi piace lavorare coi ragazzi, se i risultati non sono arrivati è responsabilità mia, su questo sono d'accordo. Ovvio che aumentino le pressioni se i risultati non arrivano. Ripeto non si è rotto alcun rapporto coi ragazzi. Non accetto che qualcuno possa creare disordini nel gruppo intatto che abbiamo. Al contrario con quello che è stato scritto il rapporto è ancora più solido. Ho tanta fiducia nella squadra, credo in me. Abbiamo lavorato tanto in settimana".

Sul Cittadella e sulla gara che il Genoa dovrà fare: "Il Cittadella non cambierà struttura giocando a rombo con due attaccanti. Non avranno Beretta e altri giocatori. Giocheranno con il 4-3-1-2. Ci daranno poche possibilità di pressarli alti e giocheranno con palle lunghe. Loro hanno detto che vogliono vincere, ben venga li aspettiamo e vedremo come finirà".

Tutti i mali non vengono per nuocere, viene detto al tecnico: "Oramai il discorso coi ragazzi è chiuso su questo punto. Se qualcuno vuol vedere le cose negative, non posso farci nulla. Importante domani fare risultato". Turn over domani? "Ho letto stamattina sui giornali che ci sono dei colpevoli per i risultati mancati in questo ultimo periodo. Ho letto che Coda non gioca, che è lui il colpevole. Sinora ha giocato tutte le gare e probabilmente giocherà anche domani.  La responsabilità se i risultati non arrivano è la mia. Se ci saranno dei cambi domani la decisione sarà mia". 

Sul rapporto con la società dopo la sconfitta di Perugia: "Ho sentito la fiducia da parte della società. Una cosa che probabilmente molti non si aspettavano e che non era neanche scontata. Io ora mi concentro solo sulla gara di domani. Ho parlato con Spors e sento la fiducia loro, alla fine però il calcio dipende dai risultati. Ci metto sempre la faccia e non mi arrenderò mai, facendo il massimo per raggiungere l'obiettivo".

Il gol contro il Brescia ha fatto perdere un po' di fiducia alla squadra? "Abbiamo avuto una situazione simile anche contro il Parma che ha pareggiato all'ultimo. Fa male subire gol all'ultimo minuto, ti toglie una vittoria dalle mani. E' chiaro che rimane un po' nella testa, tocca a noi uscire da questa situazione". 

Molti tecnici dicono che il Genoa ha tanti difetti: "Abbiamo le qualità tecniche per fare bene e siamo una buona squadra. Ci vuole una combinazione giusta però. Se pensiamo solo di giocare al calcio facciamo fatica perché il campionato non è facile. Poi è chiaro che ogni allenatore cerca di mettere pressione sull'avversaria, è normale. Poi tocca a voi dire se è vero che abbiamo difetti o no". 

Una critica che arriva è il fatto che la squadra giochi poco sulle fasce: "Non so se è così. E' chiaro che le avversarie cercano di chiudere le vie centrali. Si vede anche al Mondiale che le grandi squadre faticano. Dobbiamo essere più cinici e cattivi sotto porta. Dobbiamo probabilmente cambiare qualcosa anche noi, lo abbiamo fatto in settimane e vediamo domani come andrà a finire"