Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Nuovo San Siro, 2° incontro del dibattito pubblico: Inter e Milan bocciano due proposte alternativeTUTTOmercatoWEB.com
martedì 4 ottobre 2022, 12:12Primo piano
di Luca Chiarini
per Linterista.it

Nuovo San Siro, 2° incontro del dibattito pubblico: Inter e Milan bocciano due proposte alternative

Nel secondo incontro del dibattito pubblico sul nuovo stadio a Milano, Inter e Milan hanno ribadito che "un’eventuale ristrutturazione dello stadio esistente non consentirebbe ai club di raggiungere gli elevati standard di comfort, sicurezza e prestazionali oggi richiesti per una gestione sostenibile e virtuosa del manufatto".

Contestualmente, riferisce il Corriere della Sera, sono state presentate delle alternative da due studi: "Quello dell’architetto Jacopo Mascheroni e quello degli ingegneri Riccardo Aceti e Nicola Magistretti. Il primo progetto prevede la demolizione del terzo anello. Spariscono le torri e restano le rampe 'esaltate' da una nuova copertura". Anche la proposta Aceti-Magistretti prevede l'eliminazione del terzo anello, insieme alla "posa di una nuova copertura che permetterebbe di inserire un nuovo volume in grado di garantire le nuove funzioni richieste dai club senza nuovo consumo di suolo". Il tutto per un costo previsto di circa 350 milioni, meno del 50% dell'esborso per il nuovo impianto.

Soluzioni che Inter e Milan non giudicano però praticabili: la ristrutturazione del Meazza porterebbe la capienza a 58mila posti, o addirittura a 37mila durante i lavori, e secondo le due società i costi della riqualificazione arriverebbero a toccare quota 554 milioni.