Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
L'Inter non si ferma più: il turnover fa volare InzaghiTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 5 marzo 2024, 09:01News
di Adele Nuara
per Linterista.it

L'Inter non si ferma più: il turnover fa volare Inzaghi

Nessuno riesce a fermare l'Inter. Neanche il bel Genoa ammirato ieri a San Siro che per poco non riesce nell'impresa di bissare l'andata, finita 1-1 a Marassi. I nerazzurri così scappano in classifica e portano il divario dalla Juventus seconda addirittura a 15 punti: lo scudetto dunque si avvicina e potrebbe arrivare proprio il 21 aprile in casa del Milan.

Eppure quella col Genoa non è stata una gara semplice per l'Inter di Inzaghi. Chiaro che non tutte le partite si possono vincere 4-0 ma il Genoa, ultima squadra a fermare la corazzata nerazzurra, stava per compiere il bis e non ha sfigurato alla Scala del Calcio. Dal canto suo l'Inter, inedita anche ieri sera con turnover dettato dalle assenze di Calhanoglu, Thuram, Acerbi e con Frattesi non ancora al meglio, chiude i giochi in pochi minuti grazie a un uno-due firmato Alexis Sanchez. Il cileno prima fornisce l'assist al bacio per il primo gol in A di Asllani e poi chiude il match realizzando dal dischetto il 2-0.

Turnover dicevamo che non fa male a Inzaghi: "Asllani prende coraggio a ogni partita, Carlos Augusto se la sbriga bene da centrale, Sanchez ha voglia di fare e l’intesa con Lautaro non è male. Barella è un centrocampista totale. Lautaro è più di un centravanti, si sta trasformando in un regista offensivo: come se, non più costretto a girare attorno al lungo di turno, Lukaku o Dzeko, possa liberare tutto il suo calcio", si legge su La Gazzetta dello Sport.

Con la vittoria di ieri l'Inter vola a 72 punti, gli stessi di tutto lo scorso campionato e ora si prepara al duplice impegno chiamato Bologna-Atletico. Gli esami non finiscono mai.