Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Primo piano
Che lezione di De La Fuente a Spalletti: Spagna-Italia finisce 1-0, decide un autogolTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 20 giugno 2024, 22:58Primo piano
di Alessandra Stefanelli
per Linterista.it

Che lezione di De La Fuente a Spalletti: Spagna-Italia finisce 1-0, decide un autogol

Sconfitta meritata per l’Italia, che dopo la vittoria all’esordio in rimonta contro l’Albania cade al cospetto di una Spagna parsa stasera squadra di un’altra categoria. L’1-0 finale non fotografa alla perfezione quanto si è visto in campo stasera: alla fine decide il match un autogol di Calafiori, che di ginocchio insacca in rete un rinvio errato di Donnarumma. Lo stesso Donnarumma che alla fine risulta tra i migliori in campo con almeno 3-4 parate decisive. Tutto rimandato, dunque, alla sfida contro la Croazia dove può bastare un pareggio per portare a casa la qualificazione. Ma occorrerà davvero cambiare musica.

Le formazioni

Luciano Spalletti ha confermato lo stesso undici schierato a Dortmund, ma la differenza tra Albania e Spagna è evidente. La squadra di de la Fuente si è dimostrata di un altro livello: più aggressiva e precisa dell’Italia nelle fasi di transizione. Fin dai primi minuti, le Furie Rosse hanno controllato la partita, mantenendo un possesso palla superiore al 60%. Non si è trattato di un tiki-taka sterile: dopo soli 85 secondi, Pedri, su un cross perfetto di Nico Williams, ha mancato il gol con un colpo di testa a pochi metri dalla porta difesa da Donnarumma. Al decimo minuto, un altro cross di Morata ha trovato Williams solo in area, ma il suo colpo di testa è incredibilmente terminato fuori.

Il primo tempo

Da un lato, l'Italia per come è oggi; dall'altro, con la maglia rossa, l'Italia che Spalletti sogna. La differenza è ancora evidente. Al 24° minuto, dopo una serpentina di Yamal, Morata ha girato in area costringendo Donnarumma a un intervento straordinario. Ma il vero miracolo il portiere azzurro l'ha compiuto pochi minuti dopo: su un tiro potente dai trenta metri di Fabian, Donnarumma ha tolto il pallone dall'incrocio dei pali con una parata prodigiosa. Verso la fine del primo tempo, la Spagna ha rallentato il ritmo, limitandosi a tiri dalla distanza. L'Italia ha potuto rifiatare e rientrare negli spogliatoi sullo 0-0.

La ripresa

Nel secondo tempo, la partita non è cambiata. Spalletti ha inserito Cristante e Cambiaso per coprirsi di più, ma la Spagna ha continuato a dominare il gioco. Dopo un'altra occasione mancata da Pedri, il gol è arrivato in modo inaspettato, con una sfortunata deviazione di Calafiori su un cross insidioso di Nico Williams che ha ingannato Donnarumma. Sbloccato il risultato, le Furie Rosse hanno gestito il vantaggio. Spalletti ha cambiato diversi giocatori e chiesto maggiore coraggio, ma la partita si è riaccesa solo nel recupero, quando, dopo altri interventi miracolosi del nostro portiere, l'Italia ha avuto un’ultima occasione. Nulla di fatto. Questa sera l'Italia doveva testare i suoi progressi: dopo 90 minuti è chiaro che è ancora lontana dalla Spagna.