Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Ricostruzione al Max, ma prima bisogna recuperare il dna bianconeroTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 23 maggio 2022, 10:13Primo piano
di Quintiliano Giampietro
per Bianconeranews.it

Ricostruzione al Max, ma prima bisogna recuperare il dna bianconero

“A questa squadra mancano anima e rabbia, quel qualcosa che è stato della Juve per tanti anni. Va ritrovato al più presto possibile”. Forse è passato sottotraccia l'allarme di Chiellini a pochi minuti dal termine della finale di Coppa Italia. In un solo colpo l'ex capitano ha lanciato un messaggio a dirigenza, Allegri e a chi continuerà a vestire questa maglia. Che notoriamente pesa più delle altre. Il problema personalità nel complesso è presente almeno da tre anni, da quando lo stesso tecnico livornese fu mandato via, dopo il quinquennio d'oro, per fare spazio ad una nuova “filosofia calcistica”. Con Sarri e Pirlo sono arrivati uno scudetto e due Coppe, ma lo spogliatoio ha mostrato qualche crepa. Nel primo caso per incompatibilità con l'ambiente, nell'altro soprattutto perché eravamo di fronte ad un neofita. Errore di Andrea Agnelli avergli affidato una panchina così importante. 

Con il ritorno di Max, fermo restando le vittorie, ci si aspettava un cambio di rotta anche sotto l'aspetto caratteriale. Invece la squadra spesso ha palesato amnesie, incapacità di gestire il risultato quando era avanti, sovvertirlo in situazioni di svantaggio, di conquistare il bottino pieno anche nelle giornate più avverse. Insomma, bisogna rispolverare il dna bianconero, forse messo in soffitta in queste ultime stagioni. Poi ovviamente servono i giocatori. Mai come quest'anno è necessario un mercato mirato, rispetto ai ruoli e alla scelta degli uomini giusti. C'è bisogno di gente abituata a vincere, forte tecnicamente e, appunto, di personalità. Giovani ed esperti la formula giusta per primeggiare di nuovo.