Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Calcagno: "Troppe partite, lo diciamo ormai da tempo. E sul calcio italiano dico che..."TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 26 febbraio 2024, 20:51Altre notizie
di Daniele Petroselli
per Bianconeranews.it

Calcagno: "Troppe partite, lo diciamo ormai da tempo. E sul calcio italiano dico che..."

"Siamo di fronte ad una situazione complicata che da anni denunciamo, anche a livello internazionale tramite il nostro sindacato mondiale FifPro". Il presidente dell'associazione italiana calciatori, Umberto Calcagno, ha parlato a Gr-RaiParlamento del tema dei calendari intasati: "Sono tutti argomenti sui quali non ci dovrebbe essere scontro ma unità di intenti, perché se non tuteliamo la salute dei top player avremo probabilmente più introiti nel breve periodo ma alla lunga uno spettacolo più scadente".

E ha aggiunto: "La situazione non può essere risolta solamente a livello domestico, ma dobbiamo mettere allo stesso tavolo Fifa, Uefa, Leghe e FifPro. Nessuno ha interesse a ostacolare l'arrivo di nuove risorse nel sistema, ma bisogna capire come ridistribuirle meglio, tutelando al contempo quei calciatori che oggi arrivano a disputare fino a 70 partite all'anno".

Mentre sulla riforma del calcio italiano ha detto: "Non è tagliando il numero delle squadre che si risolve il problema di sostenibilità. A mio avviso abbiamo imboccato la strada giusta, perché si parla di riforme con l'obiettivo di risanare il nostro sistema a livello economico, varando norme più rigide in fase di ammissione ai campionati e pensate in maniera programmatica, per capire chi oggi può realmente fare calcio".