Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Juve-McKennie attenzione, rischio di un finale stile BonucciTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 10:15Primo piano
di Quintiliano Giampietro
per Bianconeranews.it

Juve-McKennie attenzione, rischio di un finale stile Bonucci

Dopo il mancato passaggio all'Aston Villa, in casa Juve c'è il problema McKennie: lo statunitense è destinato a dire addio o rischia un finale come Bonucci

La Juve è arrabbiata con Mckennie perché poteva far saltare l'affare Douglas Luiz e per il giocatore è concreto il rischio di finire come Bonucci. Vale a dire ai margini della rosa. Le bizze dello statunitense non sono piaciute a Giuntoli. Innanzitutto la richiesta di una buonuscita ai bianconeri senza averne diritto, poi la pretesa di un ingaggio da top all'Aston Villa. Lui che top non è, con tutto il rispetto. Il contratto dello statunitense, come noto, scade nel 2025 e si farà di tutto per trovare un acquirente e cederlo ad una cifra congrua. Altrimenti, come riporta Tuttosport, il pugno duro da parte del dt diventa una possibilità molto concreta. Così il centrocampista avrebbe lo stesso destino di Bonucci, cui venne detto proprio da Giuntoli che non avrebbe fatto più parte del progetto. Il difensore reagì male, ma fu costretto a stare fuori rosa. Fece anche causa alla società, salvo dopo qualche mese ritirare tutto e di fatto firmare la pace.

La scorsa estate dopo l'esperienza fallimentare al Leeds, Mckennie visse un momento difficile al suo ritorno alla Juve e fu vicino all'addio. Poi restò, complice soprattutto la doppia squalifica di Fagioli e Pogba che lasciò il centrocampo di Allegri senza due possibili titolari. Ad onor del vero Weston è stato uno dei migliori della Juve nell'ultima stagione, prima da esterno del centrocampo a 5, poi nel suo ruolo di mezz'ala. Un calo nel finale, ma questo ha riguardato tutta la squadra, con un girone di ritorno da film horror. Dal ritiro della sua Nazionale, McKennie ha fatto sapere che del suo futuro parlerà dopo la Copa America, valutando eventuali proposte di altri club. “Non sono una persona problematica. Non mi piace creare situazioni scomode”. Caro Weston, una in realtà l'hai già creata. Occhio.