Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Altre notizie
Khedira ricorda il rimprovero di CR7 a Chiesa: il racconto dell'aneddotoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 14 giugno 2024, 15:30Altre notizie
di Matteo Barile
per Bianconeranews.it

Khedira ricorda il rimprovero di CR7 a Chiesa: il racconto dell'aneddoto

L'ex centrocampista della Juventus ha svelato un retroscena riguardante un'ammonizione che CR7 ha fatto nei confronti di Chiesa al podcast di Rio Ferdinand

Sami Khedira torna a parlare di Juventus. E lo fa al podcast di Rio Ferdinand. I due non hanno mai giocato insieme. Eppure possono godere di un compagno di squadra in comune. E che compagno di squadra: nella fattispecie, si tratta di Cristiano Ronaldo. L'ex centrocampista della Vecchia Signora ha parlato di un episodio avvenuto durante la sua avventura in bianconero. Il tedesco è stato fedele testimone di un rimbrotto che CR7 ha rivolto a Federico Chiesa, all'epoca appena arrivato alla corte di Madama. Queste sono le sue parole.

"Conosci Cristiano, ha il suo ego… Quando è arrivato alla Juventus, Federico Chiesa, giocatore giovane, fantastico, aveva il suo telefono in mano e stava andando in palestra. Cristiano Ronaldo lo ferma e gli chiede: 'Dove stai andando?'. Fede gli risponde: 'In palestra'. Ronaldo allora gli dice: 'Con il telefono? Non hai bisogno del tuo telefono per andare in palestra. Vai e lavora. Non guardare Instagram, non fare TikTok'. Quando è arrivato alla Juve, Ronaldo ha alzato il livello degli allenamenti in maniera incredibile. Ogni tiro in porta doveva essere gol. Voleva competere su tutto".