Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
LIVE TJ - LOCATELLI: "Vincere in casa dell'Inter è ancora più bello, dispiaciuto per la mancata convocazione in Nazionale. Sogno di vincere uno scudetto con la Juventus, Di Maria esempio del campione"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 20 marzo 2023, 17:32Primo piano
di Martino Cozzi
per Tuttojuve.com

LIVE TJ - LOCATELLI: "Vincere in casa dell'Inter è ancora più bello, dispiaciuto per la mancata convocazione in Nazionale. Sogno di vincere uno scudetto con la Juventus, Di Maria esempio del campione"

All'indomani della vittoria con l'Inter, il centrocampista della Juventus Manuel Locatelli ha rilasciato un'intervista sul canale Twitch del club bianconero. Queste le parole sintetizzate dalla redazione di TuttoJuve.com

La partita con l'Inter.
"E' stata una partita bellissima, vincere a San Siro contro l'Inter è più bello. Potevamo chiuderla prima, ma anche vincerla così è bello. Abbiamo avuto un atteggiamento perfetto, è stato bellissimo". 

La nascita del figlio Theo. 
"Ho sentito tanto affetto dei tifosi, voglio ringraziarli apertamente. C'è un altro bambino nella famiglia juventina. Spero che in futuro abbia la voglia vedere cosa ha fatto suo padre, ma spero anche che abbia la voglia di essere uno sportivo e tifoso della Juventus. In futuro gli farò vedere gli highlights di questa partita. Tutta la mia famiglia è super tifosa". 

La doppia gara con l'Inter.
"Quella di ieri è stata una delle partite migliori di quest'anno. Mi sono sentito importante in tutta la gara, quando entri in fiducia ogni partita rendi meglio. La continuità è il segreto di una buona stagione". 

La continuità del centrocampo bianconero.
"Con Fagioli e Rabiot mi trovo bene. Ieri si è vista una squadra con l'atteggiamento giusto che è stata sempre in partita. Siamo tutti sulla stessa barca, tutti sono necessari. Al di là dei reparti, ieri si è vista una squadra unita: questo è quello che dobbiamo essere e che ci chiede il mister". 

Hai avuto delle difficoltà nella tua carriera?
"Chiaramente. Quando sono andato via dal Milan è stata una bella botta perché non me lo sarei mai aspettato. Ero molto giovane e avevo già fatto delle partite. Al Sassuolo mi sono rimboccato le maniche, De Zerbi mi ha esaltato come uomo e calciatore. Ho avuto delle difficoltà, ma come dice mio papà quando fai un passo indietro poi fai due balzi avanti". 

Hai già parlato con Fagioli e Miretti?
"Con loro ho parlato, il percorso che stanno facendo è molto corretto. La società li protegge, il mister e la squadra li aiutano. A loro ho detto di essere spensierati e di non perdere la positività. Nessuno nasce maturo, l'esperienza ti dà determinate cose".

I tackle in scivolata.
"E' qualcosa che mi esalta, quando fai un intervento importante entri in fiducia e le emozioni ti caricano. Contro una grande squadra come l'Inter è facile essere carichi, l'importante è avere questo tipo di atteggiamento nelle altre gare. E' fondamentale affrontare il campionato così".

Su Gatti.
"E' molto energico, deve imparare a gestire la sua grinta. Ieri e contro il Friburgo ha fatto una grandissima partita, se lo merita. Anche se non gioca va sempre a duemila all'ora in allenamento".

Gli idoli.
"Del Piero è il simbolo della Juve. Come lui, anche Nedved e Buffon. Pirlo per il mio ruolo. Sto imparando a conoscere per bene Pessotto, che mi sta insegnando molti trucchi. E' una grandissima persona. Senza dimenticare Chiellini e Bonucci, che sono la dimostrazione attuale della juventinità". 

La vittoria dell'Europeo.
"Sono emozioni che mi rimarranno per la vita. L'anno prima c'era stato il Covid, per la gente è stato ancora più bello festeggiare. E' stato un sogno, siamo andati oltre qualsiasi tipo di aspettativa. Mi rimarranno impresse tutte le emozioni". 

Essere pronti al momento giusto.
"E' fondamentale. Se l'Europeo fosse stato un anno prima, non ci sarei andato. Bisogna farsi trovare pronti al momento giusto. La fortuna va trasformata in prontezza e io mi sono fatto trovare pronto". 

La mancata convocazione in Nazionale.
"Ci sono rimasto male. Vivo la Nazionale come qualsiasi tipo di ragazzo, posso solo dimostrare sul campo cosa posso dare e riconquistarmela sul campo. Alla fine è solo il rettangolo verde che parla".

Mancanza di gol. 
"Mi manca molto, ma quest'anno ho un ruolo più di equilibrio e ci arrivo meno. Mi sono posto l'obiettivo di ritrovarlo nelle prossime partite".

Il compagno più scherzoso.
"Perin. E' un ragazzo molto vivace con cui mi sono trovato da subito. In generale, abbiamo uno spogliatoio molto equilibrato".  

L'impatto dei giovani della Next Gen.
"E' stato molto positivo. I giovani portano entusiasmo, la Juventus con la Next Gen ha fatto una grandissima cosa. Mando un abbraccio a Diego Stramaccioni, che si è rotto il crociato. I giovani si abituano al risultato, nelle Primavere si punta a giocare bene. Giocare in Serie C con giocatori esperti ti forma". 

Giocare alla Juventus.
"L'ho sempre sognato. L'ho sempre detto al mio procuratore e alla fine ci sono arrivato. Vedere il mio nome sulle magliette è una grandissima emozione. Sono cose che ti toccano. Cercherò di firmare tutte le mie maglie acquistate dai tifosi". 

Chi si veste meglio?
"Perin. Con lui parlo tanto di eleganza. Ci sono diversi tipi di stili, come quello di Kean che non si sposa tanto con il mio. Io sono più per uno stile classico".  

Il gol contro la Juventus con la maglia del Milan. 
"Era una partita speciale per quello che la Juve rappresentava per me. Quando ho segnato è stato qualcosa di incredibile, tantissimi mi hanno odiato ma ero felicissimo. Mia nonna non era felice e mi ha detto che il gol di Pjanic era regolare"

La scelta del numero.
"Non c'è una spiegazione precisa. Il 27 era un numero che mi piaceva. Quando si è liberato il 5 ho cercato subito di prenderlo perché mi piace molto. Lo uso in Nazionale e ci ho vinto un Europeo".

Un percorso alla Pjanic.
"Credo che possa essere anche il mio. A Mire devo rubare il gol: lui segnava molto, anche su punizione. Devo rubargli il tiro perché spesso arrivava alla conclusione dal limite". 

Locatelli difensore centrale in futuro...
"Spero di no, ma per giocare uno si mette anche in porta. Però non voglio perdere la mia caratteristica dell'ultimo passaggio e concludere". 

Il tuo sogno. 
"Quest'anno abbiamo l'obiettivo di vincere due coppe. Il sogno di tutti gli juventini è vincere la Champions, a me piacerebbe vincere lo scudetto con questa maglia".

Lo Sporting.
"E' una squadra forte con molti giovani. Noi siamo la Juve e dobbiamo dimostrarlo. Arrivare in fondo alla competizione è il nostro obiettivo". 

Il gol con la Juve che non dimenticherai. 
"Quello con il Torino. Il giorno dopo ho chiesto a mia moglia di sposarmi. E' il gol che ricordo con più piacere". 

La vicinanza della famiglia. 
"E' fondamentale. Siamo esposti a pressioni sempre forti, avere una casa come rifugio è importante". 

Se non avessi fatto il calciatore...
"L'investigatore privato. Mi piacciono i film d'investigazione, ma ho sempre sgonato di fare il calciatore e fortunatamente ce l'ho fatta". 

Il giocatore che ti ha insegnato di più.
"Ci sono tanti giocatori da cui ho appreso. C'è Di Maria, che però fa un altro sport rispetto a noi. Anche Bonucci, Danilo e Alex Sandro. Angel è l'esempio del campione: ha vinto tutto, ma si è presentato a noi come la persona più umile di questo pianeta. Questa è la differenza tra il campione e chi fa il fenomeno. Ha grandissime qualità umane".

Con chi hai legato nello spogliatoio?
"Pinsoglio. E' una persona che ci dà moltissime energie e ci stimola. E' una di quelle persone che serve nello spogliatoio e fa la differenza. Sa cosa vuol dire la Juve, ci dà degli insegnamenti". 

Un messaggio ai tifosi.
"La cosa più importante è: fino alla fine forza Juventus".