Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / juventus / I fatti del giorno
"Bonucci? Follia dire fossi più forte io". Dal Bari ai 12 anni di Inter fino all'addio: Ranocchia si raccontaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 23 marzo 2023, 00:53I fatti del giorno
di Ivan Cardia
fonte Intervista a cura di Raimondo De Magistris

"Bonucci? Follia dire fossi più forte io". Dal Bari ai 12 anni di Inter fino all'addio: Ranocchia si racconta

Una lunga chiacchierata, dall'etichetta di predestinato ai 12 anni all'Inter. Ai microfoni di TMW, si è raccontato Andrea Ranocchia, che da quella coppia storica con Bonucci è partito verso i vertici del calcio italiano: "È stato bravo, è forte. Ha 120 presenze in nazionale, ha vinto tantissimi Scudetti, ha due finali di Champions, ha vinto un Europeo: dire che non è forte o che io ero più forte per me è una follia, non sta né in cielo né in terra. Questa è la meritocrazia".

La programmazione dell'Inter. Tanti i temi toccati, in una chiacchierata svariata su tanti allenatori, da Conte - "Lui cura l'aspetto del calciatore a 360 gradi" - a Spalletti ("Non è stato apprezzato abbastanza il suo lavoro"), in dribbling su De Boer perché "a me non piace parlare male delle persone. Un allenatore che non conosce in alcun modo il calcio italiano fa fatica e lui non conosceva in alcun modo il calcio italiano. Non conosceva calciatori, non conosceva nulla". Dell'Inter colpisce il quadro che Ranocchia disegna nel momento in cui si è arrivati all'addio: "Quando ci confrontammo la società non conosceva ancora il budget a disposizione, non aveva ancora programmato il futuro... Per me a metà giugno arriva l'opportunità del Monza e dico sì".


Clicca qui per l'intervista integrale ad Andrea Ranocchia.