Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / milan / News
Maldini a DAZN: "Sono orgoglioso. La mia carriera da dirigente c'è solamente perchè c'è il Milan"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 22 maggio 2022, 21:37News
di Enrico Ferrazzi
per Milannews.it

Maldini a DAZN: "Sono orgoglioso. La mia carriera da dirigente c'è solamente perchè c'è il Milan"

Queste le parole a DAZN di Paolo Maldini dopo la vittoria dello scudetto: 

Su Theo: "Sono orgoglioso. Ha ancora tanti margini per diventare più forte, ma il miglioramento che ha avuto in questi tre anni è incredibile. I ragazzi come lui e Leao hanno dentro qualcosa di speciale e quando giocano insieme succedono queste cose". 

Sulla vittoria da dirigente: "Da calciatore è diverso perchè sfoghi buona parte della tua energia in campo. Da dirigente non puoi farlo, la famiglia ti deve sopportare a casa. La mia carriera da dirigente c'è solamente perchè c'è il Milan. Quando ho smesso di giocare mi sono preso il mio tempo per entrare in questo ruolo nel momento giusto". 

Sulla costruzione della squadra: "E' una responsabilità diversa da quando ero giocatore. Da dirigente devi sempre calcolare di avere una squadr giovane a cui dare tanta fiducia. In questi tre anni abbiamo detto tante cose ai giocatori che si sono verificate. Abbiamo avuto idee credibili". 

Sulla rinascita del Milan: "Non ripeterei alcune cose che ho detto in passato, quando diventi dirigenti capisci tante cose. Sarei dovuto essere più rispettoso verso le persone che hanno fatto tanto per il Milan. Nella vita si sbaglia, l'importante è imparare. Il Milan è un club particolare, ci mettiamo meno a fare certe cose. Abbiamo un dna e dei tifosi speciali, non ci abbattiamo mai. L'equilibrio è fondamentale per tornare in alto". 

Su Tonali: "Non ha ancora fatto vedere tutto quello che può fare. Ha fatto una stagione incredibile, ma a volte dimentichiamo che è un 2000. Quando arrivi in un grande club è diverso".

Sullo scudetto: "Oggi è la festa dei ragazzi e del mister. Anche noi siamo contenti. Io faccio da poco il dirigente, c'è ancora tanto da imparare. Abbiamo spinto i ragazzi a dare di più, a volte hanno solo bisogno di fiducia. E questo è quello che cerchiamo di fare io e Massara".