Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
Giroud: "Thuram è interista, non è facile per me. Dovrò passargli il testimone prima o poi"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 14 giugno 2024, 17:08News
di Antonello Gioia
per Milannews.it

Giroud: "Thuram è interista, non è facile per me. Dovrò passargli il testimone prima o poi"

Giornata di conferenza stampa in casa della Francia, che si prepara all'esordio nell'Europeo (lunedì contro l'Austria). A parlare insieme a Benjamin Pavard è stato Olivier Giroud, ormai ex attaccante del Milan: "Ho un ruolo di fratello maggiore, di papà rispetto ai più piccoli ma nella mia testa sono più giovane della mia età e apprezzo anche lo stile musicale dei giovani... Sono sempre me stesso, sono qui per aiutare i più giovani; non conoscevo Bradley Barcola, per questo provo a parlargli un po', a fargli domande. È una delle cose necessarie per accogliere nuove persone", riporta RMC Sport.

Il tema delle dimissioni di Macron: "Sarò breve: non ha avuto nessun impatto sulla nostra preparazione. Se ho un consiglio da dare ai francesi è di andare a votare. Il tasso di astensione non è normale. Non fornirò dettagli sulle mie inclinazioni politiche".

La prima partita: "È importante vincerla, può metterti in una buona posizione, altrimenti sei costretto a vincere le altre due".

Sostituto e chioccia: "È un po' il riassunto della mia carriera, in certi periodi: quando ero con le spalle al muro, in panchina, sono sempre riuscito a rialzarmi. L'importante è restare nello stato d'animo giusto, io ho sempre la voglia di dare il mio contributo e di sfruttare lo spazio che mi darà l'allenatore. Spero di dare il massimo e godermi ogni momento".

La concorrenza di Thuram: "È interista, quindi non è facile per me (ride, ndr)! È un fratellino: ricordo che ho parlato con Lilian, che ha avuto belle parole per me. Tra noi c'è rispetto reciproco, è uno dei giocatori che prenderà il mio posto davanti e io sono qui per sostenerlo. Non c'è spirito competitivo tra di noi. Dobbiamo passare il testimone, prima o poi".

Le condizioni di Mbappé: "Non sono preoccupato, è stato curato. Non faccio parte dello staff medico ma non è saltando uno o due allenamenti che perderà la condizione fisica. Non preoccupatevi, sarà pronto per il primo incontro. Anche Coman sta meglio, non penso sia un problema grave".

Il percorso con la nazionale: "Wenger mi ha detto che potevo giocare fino a tarda età. Ho sempre cercato di far valere le mie qualità , sono cresciuto tecnicamente e ora gioco in modo più maturo, mi sento migliore rispetto al 2012. Ho detto che questa sarà la mia ultima competizione con la Francia, poi volerò negli Stati Uniti. Dobbiamo avere le idee chiare: ho 38 anni, non cambia il mio modo di essere ma per me è logico che questa competizione sia l'ultima con la nazionale. Sono orgoglioso di tutto, non cambierei nulla. Sono andato oltre tutti i miei sogni, sono realizzato. Ho vinto tanto, anche un Mondiale".